fbpx
adv-198
<< ATTUALITÀ

Jimmy Carter compie 98 anni, è il più longevo presidente USA

| 2 Ottobre 2022 | ATTUALITÀ

Jimmy Carter, il presidente più longevo della storia degli Stati Uniti d’America, sabato ha festeggiato il suo 98° compleanno con la famiglia e gli amici a Plains, la piccola città della Georgia dove sono nati lui e sua moglie, Rosalynn 95 anni, tra la prima guerra mondiale e la Grande Depressione.

L’ultima pietra miliare del 39° presidente arriva quando il Carter Center, che i Carter hanno fondato insieme dopo il loro unico mandato alla Casa Bianca, segna 40 anni di promozione della democrazia e risoluzione dei conflitti, monitoraggio delle elezioni e promozione della salute pubblica nei paesi in via di sviluppo.

Jason Carter, nipote dell’ex presidente ora alla guida del consiglio di amministrazione del Carter Center, ha descritto suo nonno un cristiano schietto, soddisfatto della sua vita e della sua eredità.

“Sta guardando al suo 98° compleanno con fede nel piano di Dio per lui”, ha detto il giovane Carter, 47 anni, “e questa è solo una bella benedizione per tutti noi sapere, personalmente, che è in pace e felice di dove è stato e dove sta andando”.

I leader del Carter Center hanno affermato che l’ex presidente, sopravvissuto a una diagnosi di cancro nel 2015 e a una grave caduta in casa nel 201, si è già divertito a leggere messaggi di congratulazioni inviati da sostenitori di tutto il mondo tramite i social media e il sito Web del centro. Ma Jason Carter ha detto che suo nonno non vede l’ora che arrivi una giornata semplice che includa guardare la sua squadra preferita della Major League Baseball, gli Atlanta Braves, in televisione.

“È ancora al 100% con esso, anche se le cose della vita quotidiana sono molto più difficili ora”, ha detto Jason Carter. “Ma una cosa te lo garantisco. Guarderà tutte le partite dei Braves questo fine settimana”.

James Earl Carter Jr. vinse le elezioni presidenziali del 1976 dopo aver iniziato la campagna come governatore della Georgia a un mandato poco conosciuto. La sua performance a sorpresa nei caucus dell’Iowa ha stabilito il piccolo stato del Midwest come epicentro della politica presidenziale. Carter ha continuato a sconfiggere il presidente Gerald Ford alle elezioni generali, in gran parte sulla forza di spazzare il sud prima che la sua regione natale si spostasse pesantemente sui repubblicani.

Alunno dell’Accademia Navale, ufficiale della Marina e coltivatore di arachidi, Carter ha vinto in gran parte grazie alla sua promessa di non mentire mai a un elettorato stanco della guerra del Vietnam e dello scandalo Watergate che ha portato alle dimissioni di Richard Nixon dalla presidenza ne 1974. Quattro anni in seguito, incapace di domare l’inflazione e sedare la rabbia degli elettori per gli ostaggi americani detenuti in Iran, Carter perse 44 stati a causa di RonaldmReagan. Tornò a casa in Georgia nel 1981 all’età di 56 anni.

L’ex prima coppia iniziò quasi immediatamente a pianificare il Carter Center. È stato aperto ad Atlanta nel 1982 come uno sforzo unico nel suo genere per un ex presidente. La missione dichiarata: promuovere la pace, i diritti umani e le cause della salute pubblica nel mondo. Carter ha vinto il Premio Nobel per la Pace nel 2002. Ha viaggiato a livello internazionale nei suoi anni ’80 e ’90 e non si è ritirato ufficialmente dal consiglio fino al 2020.

Dall’apertura, il centro ha monitorato le elezioni in 113 paesi, ha affermato il CEO Paige Alexander, e Carter ha agito individualmente come mediatore anche in molti paesi. Gli sforzi del Carter Center hanno quasi sradicato il verme della Guinea, un parassita diffuso attraverso l’acqua potabile impura e doloroso per l’uomo. Rosalynn Carter ha guidato programmi progettati per ridurre lo stigma legato alle condizioni di salute mentale.

“Si sta godendo il suo ritiro”, ha detto Alexander, che ha assunto il suo ruolo nel 2020, più o meno quando Jason Carter ha preso il posto di suo nonno. Ma “passa molto tempo a pensare ai progetti che ha iniziato e ai progetti che stiamo portando avanti”.

Alexander ha citato lo sforzo di eradicazione del verme della Guinea come punto culminante. Carter ha fissato l’obiettivo nel 1986, quando si verificavano circa 3,5 milioni di casi all’anno in 21 paesi, con una concentrazione nell’Africa subsahariana. Finora quest’anno, ha detto Alexander, ci sono sei casi noti in due paesi.

Nel 2019, Carter ha usato il suo ultimo messaggio annuale al centro per lamentarsi del fatto che il suo post-presidenza fosse rimasto in gran parte in silenzio sul cambiamento climatico. Jason Carter ha affermato che la leadership del centro sta ancora esplorando modi per combattere la crisi climatica. Ma non ha offerto alcun orario. “Non duplicheremo altri sforzi efficaci”, ha affermato Carter, spiegando che uno dei principi strategici del centro è dare la priorità a cause e luoghi che nessun’altra organizzazione di advocacy ha coinvolto.

Sulle elezioni e la democrazia, forse la svolta più imprevedibile è che Jimmy Carter è sopravvissuto per vedere il centrodestra rivolgere i suoi sforzi al fronte interno. Il centro ha ora programmi per combattere la sfiducia nel processo democratico negli Stati Uniti. Il personale del Carter Center ha monitorato il riconteggio da parte della Georgia delle schede presidenziali statunitensi nello stato nel 2020 dopo che l’allora presidente Donald Trump ha affermato che il risultato era truccato. Numerosi resoconti in Georgia e in altri stati hanno affermato la legittimità della vittoria di Joe Biden.

“Certo, non avremmo mai pensato che saremmo finiti per tornare a casa per fare democrazia e risoluzione dei conflitti intorno alle nostre elezioni”, ha detto Jason Carter. “(Ma) non potremmo essere questa incredibile organizzazione per la democrazia e i diritti umani all’estero senza assicurarci di aggiungere la nostra voce e la nostra esperienza … negli Stati Uniti”.

In vista delle elezioni di medio termine negli Stati Uniti, il centro ha chiesto ai candidati, indipendentemente dal partito, di firmare una serie di principi elettorali equi, incluso l’impegno per il trasferimento pacifico del potere. Tra coloro che hanno firmato impegni: il governatore della Georgia Brian Kemp, repubblicano, e il suo sfidante democratico Stacey Abrams.

Lo stesso Carter si è per lo più ritirato dalla politica. Per anni dopo la sua sconfitta nel 1980, i Democratici si sono tenuti alla larga da lui. Ha goduto di una rinascita nei recenti cicli elettorali, attirando le visite di diversi aspiranti presidenziali democratici del 2020 e, nel 2021, del presidente Joe Biden, che nel 1976 è stato il primo senatore degli Stati Uniti a sostenere l’offerta presidenziale di Carter. Con l’inflazione ora ai suoi livelli più alti dalla fine degli anni ’70 e dall’inizio degli anni ’80, alcuni repubblicani stanno nuovamente sollevando Carter come linea di attacco a Biden e ai Democratici.

Jason Carter ha detto che l’ex presidente legge e guarda le notizie ogni giorno e talvolta accetta chiamate o visite da figure politiche. Ma, ha aggiunto, non ci si aspetta che l’ex presidente appaia pubblicamente per sostenere alcun candidato prima di novembre.

“La sua gente con cui sente un legame più stretto ora è la gente di Plains, nella sua chiesa e in altri luoghi”, ha detto Jason Carter. “Ma, sai, il suo partner n. 1, 2 e 3 è mia nonna, giusto? È sopravvissuto agli amici e a così tanti dei suoi consiglieri e alle persone con cui ha realizzato così tanto in passato, ma non si sono mai sentiti soli perché si sono sempre frequentati”.

TAG: Jimmy Carter, USA
adv-589
Articoli Correlati