adv-845
<< ATTUALITÀ

Christopher Street Day a Berlino: in 65.000 per i diritti LGBTQ

| 25 Luglio 2021 | ATTUALITÀ

Circa 65.000 manifestanti hanno marciato per i diritti LGBTQ alla celebrazione annuale del Christopher Street Day a Berlino, più del triplo del previsto.

È stata la più grande manifestazione a Berlino dall’inizio della pandemia di coronavirus.

La parata è iniziata con un appello di Klaus Lederer, senatore per la cultura di Berlino, per rendere la città una “zona di libertà queer” in risposta al deterioramento della sicurezza per gay e lesbiche in Ungheria e nella vicina Polonia.

In alcune parti della Polonia sono state dichiarate “zone libere da LGBT”, mentre l’Ungheria ha recentemente approvato una legge che vieta la rappresentazione dell’omosessualità o la riassegnazione di genere ai minori che è stata denunciata come discriminatoria dai gruppi per i diritti umani.

Lederer ha affermato che la situazione nei due membri dell’UE “mi fa venire i brividi lungo la schiena”.

Il senatore ha anche osservato che la pandemia è stata particolarmente dura per alcuni gay e lesbiche a casa poiché i rifugi erano chiusi. Ha detto che “c’è ancora molto lavoro da fare”.

Il portavoce della polizia Martin Dams inizialmente ha dichiarato all’Associated Press che circa 35.000 persone stavano prendendo parte alla parata, ma questa cifra è stata rivista verso l’alto sabato successivo. Gli organizzatori hanno messo la cifra a 80.000.

Si aspettavano circa 20.000 persone tra le regole di distanziamento sociale e il divieto di alcol per combattere il rischio di nuove infezioni da coronavirus.

Non c’è stata nessuna parata l’anno scorso a causa della pandemia, così tante persone hanno approfittato del caldo clima soleggiato e del tasso relativamente basso di infezioni per prendere parte all’ultimo grande raduno per il mese del Pride di Berlino.

Nelle vicinanze, l’ambasciata degli Stati Uniti ha sventolato una bandiera arcobaleno sotto la bandiera americana.

La parata è stata guidata da cinque camion che sono stati distanziati per dare ai manifestanti più spazio mentre ballavano a ritmo di techno oltre l’iconica Porta di Brandeburgo della città. Gli organizzatori hanno ripetutamente chiesto ai festaioli di indossare maschere e mantenere le distanze, anche se non è sempre stato possibile a causa del numero di persone.

Le celebrazioni sono state precedute da un apparente attacco omofobico a una coppia maschile in una metropolitana di Berlino venerdì sera. La polizia ha detto che gli uomini erano seduti in un treno quando sono stati avvicinati da uno sconosciuto che li ha insultati e poi ha preso a pugni uno degli uomini più volte. Altri passeggeri sono intervenuti ed è stato arrestato dopo una breve fuga.

Sempre venerdì, il vescovo Christian Stäblein durante una funzione alla Marienkirche di Berlino ha chiesto perdono alla comunità LGBTQ per le sofferenze causate loro dalla chiesa evangelica.

TAG: berlino, Europa, LGBTQ, sfilata
adv-293
Articoli Correlati