fbpx
adv-272
<< ESTERI

ONU, USA, Russia e UE incontro per discutere i negoziati Israele-Palestina

| 25 Marzo 2021 | ESTERI

Le Nazioni Unite, gli Stati Uniti, la Russia e l’Unione Europea si sono incontrate virtualmente per discutere il rilancio dello sforzo, a lungo bloccato, per convincere Israele e la Palestina a negoziare una soluzione a due Stati al conflitto vecchio di decenni.

Martedì una breve dichiarazione dei quattro mediatori del Medio Oriente, noti come Quartetto, ha affermato che gli inviati hanno discusso di tornare “a negoziati significativi che porteranno a una soluzione a due Stati, compresi passi tangibili per promuovere la libertà, la sicurezza e la prosperità per palestinesi e israeliani è importante di per sé ”.

Non ci sono stati colloqui di pace sostanziali tra israeliani e palestinesi dal 2014 e le due parti sono ferocemente divise sulle questioni centrali del conflitto.

adv-835

Le Nazioni Unite hanno rilasciato la dichiarazione sulla discussione del Quartetto dopo la chiusura dei sondaggi nelle elezioni israeliane di martedì. I sondaggi di uscita indicavano che non c’era un chiaro vincitore, lasciando incerto il destino del primo ministro Benjamin Netanyahu e segnalando un continuo stallo politico in Israele.

Alla fine di gennaio, il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha affermato che c’erano “ragioni per sperare” per progredire verso la fine del conflitto israelo-palestinese dopo anni di inattività. Ha detto che le Nazioni Unite esploreranno tutte le iniziative per facilitare “un vero processo di pace” basato sulla soluzione dei due Stati.

Facendo chiaramente riferimento all’ex amministrazione statunitense, senza nominare l’allora presidente Donald Trump, Guterres ha detto che “eravamo completamente bloccati in una situazione in cui non c’erano progressi visibili”.

L’amministrazione Trump ha fornito un sostegno senza precedenti a Israele, riconoscendo Gerusalemme come capitale di Israele, spostando l’ambasciata degli Stati Uniti da Tel Aviv, tagliando l’assistenza finanziaria ai palestinesi e invertendo la rotta sull’illegittimità degli insediamenti israeliani su terreni rivendicati dai palestinesi.

Per più di tre decenni, i palestinesi hanno cercato uno stato indipendente in Cisgiordania, Gaza e Gerusalemme est, territori conquistati da Israele nella guerra del 1967. Israele si è ritirato da Gaza nel 2005, ma ha imposto un blocco paralizzante quando il gruppo militante palestinese Hamas ha preso il potere dalle forze del presidente palestinese Mahmoud Abbas nel 2007.

Israele ha annesso Gerusalemme Est, un passo che non è riconosciuto a livello internazionale e ha affermato di non avere intenzione di smantellare nessuno dei suoi insediamenti in Cisgiordania, che secondo le Nazioni Unite sono illegali secondo il diritto internazionale umanitario. Quasi 500.000 israeliani vivono in Cisgiordania, oltre a più di 200.000 a Gerusalemme est.

Il piano di pace svelato da Trump nel febbraio 2020 prevedeva uno stato palestinese sconnesso che consegnasse parti chiave della Cisgiordania a Israele, schierandosi con Israele su questioni controverse chiave tra cui i confini e lo stato di Gerusalemme e degli insediamenti ebraici. È stato respinto con veemenza dai palestinesi.

Subito dopo l’inaugurazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, il 20 gennaio, la sua amministrazione ha annunciato che stava ripristinando le relazioni con i palestinesi e rinnovando gli aiuti ai rifugiati palestinesi, un’inversione del taglio di Trump e un elemento chiave del suo nuovo sostegno per una soluzione a due stati.

Il segretario generale Guterres ha chiarito a gennaio che l’approccio più imparziale di Biden ha aperto la possibilità di riunioni del Quartetto precedentemente bloccate dagli Stati Uniti, nonché di più ampi sforzi di pace.

Il Quartetto è stato fondato nel 2002 ed è stato criticato per non essere riuscito a convincere Israele o l’Autorità Palestinese a cambiare le loro politiche e negoziare la fine del loro conflitto.

La dichiarazione di martedì degli inviati del Quartetto non ha menzionato alcun passo futuro.

Ha detto che gli inviati hanno discusso “la situazione sul campo, in particolare la pandemia COVID-19, l’insostenibile disparità nello sviluppo economico tra israeliani e palestinesi, e la necessità per le parti di astenersi da azioni unilaterali che fanno una soluzione a due stati più difficile da realizzare”.

TAG: Israele, negoziati, Onu, Palestina, Stati
adv-538
Articoli Correlati