mercoledì, Agosto 12, 2020
Home ATTUALITÀ Genocidio di Srebrenica: una ferita aperta nei Balcani

Genocidio di Srebrenica: una ferita aperta nei Balcani

-

L’11 luglio 1995, durante la guerra civile in Bosnia-Erzegovina, le forze serbo-bosniache entrarono a Srebrenica, una città musulmana dichiarata “area sicura” dalle Nazioni Unite e che era protetta da un battaglione di soldati olandesi delle Nazioni Unite.

Nei giorni seguenti, gli uomini musulmani furono separati dal resto della popolazione e assassinati dalle forze serbo-bosniache, mentre i soldati delle Nazioni Unite, superati in numero e senza il supporto degli attacchi aerei delle Nazioni Unite, non furono in grado di prevenire il massacro.

Più di 8.372 uomini e ragazzi musulmani furono uccisi in un massacro che i tribunali internazionali avrebbero in seguito definito genocidio, il primo sul suolo europeo dopo l’Olocausto nella seconda guerra mondiale. 

I Paesi Bassi hanno studiato il ruolo passivo delle truppe olandesi a Srebrenica, sia nei tribunali che nella ricerca storica. Nel novembre 1996, il NIOD Institute for War -, Holocaust – and Genocide Studies ha ricevuto un mandato dal governo olandese per ricercare “gli eventi prima, durante e dopo la caduta di Srebrenica” e ha pubblicato un rapporto nell’aprile 2002.

Concluse che il battaglione olandese, 200 soldati leggermente armati, furono inviati a Srebrenica in una missione di pace mal concepita e praticamente impossibile, senza un adeguato addestramento e risorse di intelligence. 

La responsabilità di non schierare attacchi aerei per salvare Srebrenica era una decisione dell’ONU e dei suoi comandanti militari nella regione. 

Il genocidio di Srebrenica è commemorato oggi sia a livello internazionale che nazionale. Nei Paesi Bassi, l’agenzia di radiodiffusione nazionale ha trasmesso un “rapporto di notizie di Srebrenica” di 7 giorni per tutta la settimana dopo le notizie regolari.

Un commentatore olandese ha riassunto il suo avvio del programma: “Una pagina nera per le Nazioni Unite o per gli Stati Uniti niente come sono stati chiamati dagli olandesi”.

L’esercito serbo-bosniaco sotto il comando del generale Mladic uccise, ma le Nazioni Unite hanno la responsabilità di creare l’enclave che alla fine divenne una trappola mortale. 

I soldati olandesi non avevano il mandato né le armi per proteggere i musulmani. “Ora sono tutti astanti traumatizzati. Si sentivano umiliati e impotenti. Successivamente sono stati accusati di codardia.” 

In una dichiarazione congiunta, il presidente del Consiglio europeo Michel, il presidente della Commissione europea Von der Leyen e l’alto rappresentante vicepresidente Borrell hanno descritto il genocidio di Srebrenica come uno dei capitoli più oscuri della storia europea moderna. 

“Questo anniversario è per noi un doloroso promemoria. 25 anni fa, l’Europa non è riuscita a mantenere la promessa che non ci sarebbe mai più stata una tale tragedia nel nostro continente. 

È anche un forte segnale della necessità di alzarsi fermamente e senza eccezioni per i valori universali – la dignità umana, in particolare – che sono alla base della nostra Unione.”

La riconciliazione quotidiana in Bosnia-Erzegovina e nei Balcani occidentali deve diventare realtà in politica, nelle scuole, nei municipi, nella vita di tutti i giorni. I leader di tutto il mondo sono tenuti a garantire che i messaggi pubblici, nonché statue, monumenti e nomi di luoghi pubblici, strade e piazze, sostengano la ricerca della riconciliazione.

I partecipanti a una conferenza virtuale organizzata dalla Commissione martedì hanno sottolineato che l’umore prevalente nei paesi coinvolti nella guerra in Bosnia-Erzegovina negli anni ’90 è dominato da narrazioni nazionalistiche che impediscono loro di venire a patti con il passato e di impegnarsi in un vero processo di riconciliazione, una condizione per la loro adesione all’UE.

“Con i politici che accolgono i criminali di guerra come eroi, non esiste un vero processo di riconciliazione. Non viene nemmeno fatta giustizia quando gli autori vengono rilasciati dopo aver scontato brevi condanne”. 

La commemorazione del genocidio di Srebrenica coincide con il rilancio del dialogo di Belgrado-Pristina, facilitato dall’UE, domenica a Bruxelles. Le ferite aperte del passato saranno discusse al dialogo?

Un portavoce della Commissione ha dichiarato al Brussels Times: “Nel processo di normalizzazione si tenta di trovare soluzioni reciprocamente accettabili per tutte le questioni aperte, comprese le ferite aperte.

Il superamento delle ferite del passato è una parte importante del processo e si applica non solo alle relazioni Serbia-Kosovo ma all’intera regione. L’obiettivo è quello di raggiungere una completa normalizzazione che porti a un accordo giuridicamente vincolante”.


close







close






4,100FansLike
1,175FollowersFollow
- Advertisment -

I Più Letti

Joe Biden sceglie Kamala Harris come vicepresidente

0
Il candidato alla presidenza democratica Joe Biden ha ufficialmente scelto la senatrice della California Kamala Harris come vicepresidente. Harris, che si è candidata alla presidenza,...

editoriale

Il lato oscuro del monitoraggio digitale in un’app anti coronavirus

0
In Corea del Sud hanno tenuto sotto controllo la curva delle infezioni da coronavirus senza chiudere locali pubblici e scuole, senza imporre drastiche restrizioni...