mercoledì, Agosto 12, 2020
Home ESTERI Facebook, Google e Twitter "bloccano" la polizia di Hong Kong

Facebook, Google e Twitter “bloccano” la polizia di Hong Kong

Facebook, WhatsApp, Twitter, Google e Telegram mettono 'in pausa' la polizia cinese

-

Diversi paesi hanno criticato la Cina per l’imposizione di una nuova legge sulla sicurezza, che a loro dire minaccia l’autonomia di lungo periodo del territorio.

È probabile che gli annunci facciano pressioni su Apple per fare altrettanto. Mentre i servizi degli altri sono bloccati in Cina, quelli di Apple non lo sono.

Tuttavia, Facebook, Google e Twitter generano entrate dalla vendita di pubblicità ai clienti cinesi.

Apple ha ottemperato alla maggior parte delle richieste ricevute dal governo di Hong Kong tra gennaio e giugno, prima che la nuova legge entrasse in vigore, secondo l’ultimo rapporto sulla trasparenza.

Microsoft – che in precedenza ha anche consegnato i dati relativi ai propri utenti alle autorità di Hong Kong e mantiene una presenza significativa nella Cina continentale – non ha neppure annunciato un cambiamento nella politica. 

L’app di chat Telegram – con sede a Londra – è stata la prima ad annunciare i piani per fermare la cooperazione. “Comprendiamo il diritto alla privacy dei nostri utenti di Hong Kong”, ha dichiarato l’azienda alla stampa libera di Hong Kong.

“Di conseguenza, Telegram non intende elaborare alcuna richiesta di dati relativa ai suoi utenti di Hong Kong fino a quando non verrà raggiunto un consenso internazionale in relazione ai cambiamenti politici in atto nella città.”

Facebook ha seguito dicendo che avrebbe smesso di considerare le richieste, “in attesa di un’ulteriore valutazione” delle questioni relative ai diritti umani.

Nessuna informazione personale sugli utenti della regione è stata conservata o divulgata dal suo ufficio di Hong Kong, ha aggiunto.

“Riteniamo che la libertà di espressione sia un diritto umano fondamentale e sosteniamo il diritto delle persone di esprimersi senza paura per la propria sicurezza o altre ripercussioni”, ha affermato Facebook.

Manifestanti cinesi a favore della democrazia a Hong Kong

WhatsApp – di proprietà di Facebook – afferma che “crede nel diritto delle persone di avere una conversazione privata online” e “ci impegniamo a fornire servizi di messaggistica privati ​​e sicuri ai nostri utenti a Hong Kong”.

Entrambe le piattaforme sono bloccate nella Cina continentale, ma hanno beneficiato dell’accesso molto più ampio di Hong Kong a Internet grazie alle sue libertà come regione amministrativa speciale.

Google ha dichiarato di aver messo in pausa la produzione su eventuali nuove richieste di dati quando le nuove regole sono entrate in vigore la scorsa settimana.

“Continueremo a rivedere i dettagli della nuova legge”, ha detto un portavoce. Twitter ha detto che ha agito allo stesso modo. 

WhatsApp ha la crittografia end-to-end abilitata per impostazione predefinita, quindi non può leggere o condividere con gli agenti di polizia i messaggi inviati tra due utenti.

Su Facebook Messenger, tuttavia, la crittografia non è l’opzione predefinita: deve essere attivata manualmente dagli utenti.

Entrambe le piattaforme affermano di poter divulgare i dati dell’utente, in conformità con la legge del paese in questione.

Ma WhatsApp aggiunge che le richieste riuscite per queste informazioni devono soddisfare “standard riconosciuti a livello internazionale tra cui diritti umani, giusto processo e stato di diritto”. 

Negli Stati Uniti, entrambe le piattaforme richiedono una citazione per fornire “record di abbonati di base” come il nome della persona, l’indirizzo IP (protocollo Internet) e l’indirizzo e-mail. Ulteriori informazioni sull’abbonato potrebbero richiedere un ordine del tribunale. 

Hong Kong, un tempo territorio britannico, fu restituito alla Cina nel 1997, a condizione che avrebbe goduto di libertà speciali per 50 anni.

Il Regno Unito afferma che la Cina ha infranto quell’accordo e offre la cittadinanza a ben tre milioni di residenti di Hong Kong.

Nel frattempo, gli Stati Uniti – dove la maggior parte delle aziende tecnologiche coinvolte hanno sede – stanno valutando se muovere le condizioni commerciali favorevoli di Hong Kong.

Le leggi sulla sicurezza introducono nuovi crimini, tra cui la cospirazione con gli stranieri per provocare ‘odio’ nei confronti del governo cinese o delle autorità di Hong Kong, con sanzioni fino all’ergastolo.

Non appena sono entrati in vigore, i membri più anziani dei gruppi democratici si sono dimessi, temendo di essere perseguiti. E i libri scritti da attivisti per la democrazia sono stati rimossi dalle biblioteche.


close







close






4,100FansLike
1,175FollowersFollow
- Advertisment -

I Più Letti

Joe Biden sceglie Kamala Harris come vicepresidente

0
Il candidato alla presidenza democratica Joe Biden ha ufficialmente scelto la senatrice della California Kamala Harris come vicepresidente. Harris, che si è candidata alla presidenza,...

editoriale

Il lato oscuro del monitoraggio digitale in un’app anti coronavirus

0
In Corea del Sud hanno tenuto sotto controllo la curva delle infezioni da coronavirus senza chiudere locali pubblici e scuole, senza imporre drastiche restrizioni...