La Russia chiede una condanna a 18 anni per l’ex marine Paul Whelan

Lavrov: "Whelan è stato colto in flagrante di spionaggio"

0
350
I procuratori russi hanno richiesto una pena detentiva di 18 anni per l’ex marine americano Paul Whelan, con l’accusa di spionaggio per i servizi segreti occidentali, l’ultimo giorno del suo processo a Mosca.
L’imputato di origine canadese, che detiene il passaporto di quattro paesi, è stato arrestato a Mosca alla fine del 2018, dopo aver riferito di aver ricevuto un’unità flash con materiale classificato da un conoscente russo. Il suo avvocato insiste che Whelan è innocente.
Nella sua dichiarazione finale al tribunale, il cinquantenne ha ribadito di non essere una spia e ha chiesto un’assoluzione, secondo il servizio stampa della corte cittadina di Mosca.
I pubblici ministeri ritengono di avere un caso valido e stanno spingendo Whelan a trascorrere del tempo in una struttura ad alta sicurezza.
Il processo è stato condotto a porte chiuse e ha ricevuto meno copertura mediatica occidentale rispetto ai precedenti casi di spionaggio che coinvolgono la Russia e gli Stati Uniti.
Il tribunale dovrebbe emettere la sentenza a metà giugno. Whelan è stato un visitatore abituale in Russia dalla metà degli anni 2000, e secondo quanto riferito è stato contrassegnato in rosso come una possibile risorsa di intelligence diversi anni prima del suo arresto.

Il suo team di difesa afferma di essere vittima di un frame-up e che Whelan credeva di ricevere una chiavetta USB con le foto di un evento congiunto di un amico, quando era detenuto.

Whelan ha prestato servizio come marine degli Stati Uniti ed è stato dimesso dopo essere stato processato dalla corte marziale per tentativi di frode. La sua famiglia afferma che la sua insolita collezione di cittadinanze – detiene passaporti di Stati Uniti, Regno Unito, Canada e Irlanda – è dovuta a una stranezza personale.

close
close

Lascia un commento!