adv-600
<< ATTUALITÀ

La pandemia non arresta il business delle carceri americane

| 8 Maggio 2020 | ATTUALITÀ

Mentre le fabbriche e le altre aziende rimangono chiuse in tutta l’America, i prigionieri in almeno 40 stati continuano a lavorare. A volte guadagnano centesimi l’ora, o addirittura niente, facendo maschere e disinfettanti per le mani per aiutare a proteggere gli altri dal coronavirus.

Quegli stessi detenuti sono stati tagliati fuori dalle visite della famiglia per settimane, ma vengono addebitati fino a 25 dollari per una telefonata di 15 minuti, oltre a un supplemento ogni volta che aggiungono credito.

Pagano anche i prezzi maggiorati al commissario per il sapone in modo che possano lavarsi le mani più frequentemente. Tale servizio può comportare una commissione di elaborazione del 100%.

Sebbene il virus COVID-19 ha paralizzato l’economia, lasciando milioni di disoccupati e molte aziende in supporto vitale, le grandi aziende che sono diventate sinonime del più grande sistema carcerario del mondo continuano a fare soldi.

“È difficile. Soprattutto in un momento come questo, quando sei senza lavoro, stai aspettando la disoccupazione, e non hai soldi da inviare”, ha dichiarato Keturah Bryan, che trasferisce centinaia di dollari ogni mese – vecchio padre in una prigione federale in Oklahoma.

Nel frattempo, ha detto, le prigioni continuano il loro oscuramento. “Devi pagare per telefonate, e-mail, cibo”, ha detto. “Qualunque cosa.”

L’epidemia di coronavirus ha messo in luce un improbabile riflettore nelle carceri e nelle prigioni americane, che ospitano oltre 2,2 milioni di persone e sono state descritte dagli esperti sanitari come piastre di Petri per la diffusione del virus.

Maschere e disinfettante per le mani spesso non raggiungono ancora i detenuti. Spesso i test non vengono eseguiti, anche tra quelli con sintomi, nonostante i timori che il virus possa diffondersi nelle comunità circostanti. E in alcune parti del paese, coloro che manifestano sintomi languiscono in edifici soffocanti con scarsa ventilazione.

Le preoccupazioni si estendono ai fornitori di servizi sanitari penitenziari, spesso accusati dagli esperti di salute di fornire cure scadenti anche nei periodi migliori.

Sheron Edwards condivide un dormitorio con altri 50 uomini presso l’istituto di correzione regionale della contea di Chickasaw nel Mississippi. Date le sue esperienze passate con il fornitore medico della prigione, Centurion of Mississippi, si preoccupa di cosa accadrebbe se il coronavirus li colpisse. “Temo che ci lasceranno morire qui”, ha dichiarato.

Quando era nella famigerata prigione di Parchman diversi anni fa, Edwards disse, Centurion gli avrebbe concesso solo una sessione di terapia fisica dopo che una bacchetta da 6 pollici e viti erano state posizionate nella sua caviglia rotta. “Anche se non era in pericolo di vita, era serio”, ha detto. “Con COVID-19, potrei davvero perdere la vita.”

Più di 20.000 detenuti sono stati infettati e 295 sono morti in tutta la nazione, a Rikers Island a New York City e ai blocchi statali e federali nelle città da una costa all’altra, secondo un conteggio non ufficiale tenuto dalla corsa COVID-19 Behind Bars Data Project dalla legge UCLA.

Mercoledì scorso, funzionari di San Diego hanno annunciato la prima morte di un detenuto in un centro di detenzione per l’immigrazione e l’applicazione delle dogane negli Stati Uniti.

Quando i tassi di detenzione sono saliti alle stelle negli anni ’80 e ’90, alcune aziende hanno visto un’opportunità commerciale. I costi più bassi promessi e, in molti casi, gli accordi di ripartizione degli utili, gli amministratori delle carceri hanno iniziato a privatizzare qualsiasi cosa, dal cibo e dai commissari a intere operazioni delle strutture.

Negli anni 2000, il settore privato era incorporato in quasi tutti gli aspetti del sistema correttivo.

Oggi, alcuni dei più grandi nomi aziendali americani e molte aziende più piccole, si contendono una quota degli 80 miliardi di dollari spesi ogni anno negli Stati Uniti per incarcerazione di massa, circa la metà dei quali resta nel settore pubblico per pagare gli stipendi del personale e alcuni costi per i servizi sanitari, secondo l’iniziativa di politica carceraria senza scopo di lucro.

I sostenitori delle carceri a scopo di lucro affermano che per le società private è più economico gestirle rispetto al governo, sostenendo che è più facile annullare i contratti e vi sono maggiori incentivi per fornire un servizio migliore. Questo porta a migliori condizioni di vita e una reintroduzione più efficace degli incarcerati nella società, con l’obiettivo finale di ridurre la recidiva.

Il gruppo di difesa Worth Rises non è d’accordo.

Giovedì il gruppo ha pubblicato un rapporto che descrive in dettaglio circa 4.100 società che traggono profitto dalle carceri del paese. Per la prima volta, ha identificato le società che supportano il lavoro penitenziario direttamente o attraverso le loro catene di approvvigionamento. Il gruppo ha inoltre raccomandato di disinvestire da oltre 180 società quotate in borsa e società di investimento.

“L’industria dietro l’incarcerazione di massa è più grande di quanto molti apprezzino. Così è il danno che causano e il potere che esercitano”, ha dichiarato Bianca Tylek, fondatrice e direttrice del gruppo.

“Sfruttano e abusano delle persone con conseguenze devastanti”, ha detto Tylek. “Certo, non sono unilateralmente responsabili dell’incarcerazione di massa, ma fanno parte dell’ecosistema che lo sostiene.”

Il rapporto include i venditori che immagazzinano commissari con detersivo per bucato Cup Noodles e Tide, insieme a fornitori di servizi sanitari convenuti che sono stati citati in giudizio per aver fornito una copertura limitata o inadeguata a quelli dietro le sbarre.

Ci sono aziende come Smith & Wesson che producono dispositivi di protezione per agenti di correzione e che fornisce bracciali elettronici alla caviglia. Altri nomi familiari, come Stanley Black & Decker, hanno intere unità dedicate alla produzione di accessori per le porte della prigione.

Anche i prigionieri lavorano, realizzando di tutto, dalle targhe ai giubbotti e materassi per armature. In California, alcuni servono anche come vigili del fuoco. Ma in alcuni luoghi, le persone incarcerate sono impiegate da grandi aziende come la 3M con base in Minnesota.

Fatturati come un’alternativa economica all’outsourcing straniero, i detenuti hanno anche fornito beni a Starbucks, Victoria’s Secret e Whole Foods, scatenando un tumulto che ha provocato l’abbandono di molte grandi aziende.

Alcuni prigionieri lasciano i loro blocchi per fare lavori nella comunità, come i fast food. Le imprese di proprietà statale sono anche spuntate attorno alle massicce industrie del lavoro penitenziario, comprese alcune con nomi quasi comici, come i prodotti Big House in Pennsylvania e Rough Rider Industries nel Nord Dakota.

Mentre alcuni lavori potrebbero pagare un salario minimo come richiesto dalla legge federale per i prodotti che entrano nel commercio interstatale, la retribuzione da portare a casa dei lavoratori nelle industrie correzionali può essere inferiore al 20% del loro salario dichiarato dopo il pignoramento di vitto e alloggio, restituzione, e altri costi.

Nel frattempo, le società private commercializzano cataloghi pieni di prodotti da bloccare. Un sito Web pubblicizza una serie di articoli bondage costosi: cinture in pelle per 267 dollari, cavigliere per 144 dollari e una catena in metallo con le manette che costano 76,95 dollari.

Un’azienda dell’Alabama commercializza sistemi di video sotto una cabina telefonica con il volto di una donna anziana con gli occhiali mostrata sul monitor all’interno. Accanto si legge lo slogan: “Tieni le torte dello stinco della nonna lontano dalla tua struttura.”

Bobby Rose, uno dei ricercatori del rapporto, ha scontato 24 anni nelle carceri dello stato di New York, dove ha trascorso molto tempo a pensare al ruolo del denaro nel sistema legale americano.

Ma rimase scioccato nell’apprendere quante società di spicco erano coinvolte e quanto si guadagnava non solo da quelle dietro le sbarre, ma anche dalle loro famiglie – un concetto particolarmente toccante durante la pandemia.

Pensa ancora agli amici rimasti in prigione – due dei quali hanno ceduto al COVID-19. “Sento”, ha detto, “che alcune di queste aziende che hanno davvero beneficiato potrebbero aver fornito disinfettante o addirittura dato sapone gratis”, ha concluso.

TAG: #Covid-19, carceri, detenuti, lavoro, USA
adv-431
Articoli Correlati