mercoledì, Settembre 23, 2020
Home ESTERI Ex segretaria accusa Joe Biden di aggressione sessuale

Ex segretaria accusa Joe Biden di aggressione sessuale

-

L’ex vicepresidente Joe Biden ha respinto l’accusa di aver aggredito sessualmente una ex segretaria 27 anni fa, affermando nella sua prima dichiarazione pubblica sulla questione che il presunto reato “non è mai successo”.

La sua risposta è arrivata quando la pressione è stata esercitata sul presunto candidato democratico per rispondere personalmente alle accuse di Tara Rade, che ha lavorato come junior staff nell’ufficio del Senato nel 1993 e sostiene che Biden l’ha aggredita in quell’anno.

“Mentre i dettagli di queste accuse di molestie e aggressioni sessuali sono complicati, due cose non sono complicate. Una è che le donne meritano di essere trattate con dignità e rispetto, e quando si fanno avanti dovrebbero essere ascoltate, non messe a tacere. La seconda è che le loro storie dovrebbero essere soggette a indagini e controlli adeguati”, ha affermato Biden nella dichiarazione.
Ha continuato, “Le organizzazioni di notizie responsabili dovrebbero esaminare e valutare il record completo e crescente di incoerenze nella sua storia, che è cambiata ripetutamente sia in piccoli che in grandi modi”.
Una componente esterna che segue l’indagine, hanno parlato con: Reade, il suo ex vicino di casa, un suo amico e suo fratello per quanto riguarda l’accusa. Hanno parlato anche con la compagna di Biden e diversi aiutanti di lunga data ed ex membri dello staff di Biden.

L’accusa di Tara Reade

L’anno scorso ha letto Biden pubblicamente accusato di aver toccato spalle e collo e di averla messa a disagio. All’epoca non lo accusava di violenza sessuale.
Per la prima volta si è fatta avanti con la sua accusa di aggressione sessuale contro Biden nelle interviste delle ultime settimane con diversi media. Reade ha dichiarato che nel 1993, quando lavorava come aiutante nell’ufficio del Senato di Biden, le fu chiesto di consegnare un borsone all’allora senatore del Delaware.
In un corridoio da qualche parte nel complesso di Capitol Hill, Reade ha detto che Biden “mi ha messo contro il muro; ha usato il suo ginocchio per aprire le gambe” e “mettere le dita dentro di me”.
Reade disse quando si allontanò, che Biden le disse: “Dai amica. Ho sentito – pensavo ti piacessi.” Biden allora sembrava arrabbiato, secondo Reade, e disse: “Non sei niente per me. Non sei niente”. Disse che alla fine Biden la prese per le spalle e disse parole per l’effetto di “Stai bene. Stai bene”, prima di andarsene.
Reade ha affermato di essersi lamentata con più colleghi dell’ufficio per le interazioni con Biden che la mettevano a disagio, ma non per il presunto assalto. Reade ha anche affermato di aver presentato una denuncia all’ufficio del personale a Capitol Hill subito dopo l’aggressione, ma che non ne ha una copia.
Non è chiaro quale tipo di denuncia – e con quale ufficio – Reade potrebbe aver presentato la denuncia. Ha detto di aver presentato una denuncia relativa alle interazioni spiacevoli in ufficio, ma non alle aggressioni sessuali.

Reade ha detto nella notte del presunto assalto che ha parlato al telefono con sua madre, Jeanette Altimus, che era “irremovibile” che ha chiamato la polizia. Ha detto che non ha chiamato la polizia. Reade ha detto che ricorda sua madre che le aveva detto qualche volta dopo il presunto assalto che aveva chiamato nello spettacolo di Larry King. Altimus è morto alcuni anni fa.
Un video appena emerso del 1993 sembra raffigurare la madre di Reade che chiamava Larry King nel periodo del presunto assalto per chiedere consigli su “problemi” che sua figlia aveva avuto mentre lavorava per un “prominente senatore”.
In un segmento di “Larry King Live” trasmesso l’11 agosto 1993, una donna senza nome chiama lo spettacolo con la sua posizione identificata sullo schermo come San Luis Obispo, California.
Lo spettacolo parlava della natura spietata di Washington DC, della politica e dei media. La donna non menziona aggressioni o molestie sessuali, né descrive in dettaglio a quali “problemi” potrebbe riferirsi. Anche il nome di sua figlia e Biden non sono menzionati.
In un’intervista telefonica, Reade ha affermato di essere certa che la voce nel video appartiene a sua madre.

Storia dell’ex vicino

Lynda LaCasse ha detto in un’intervista telefonica che Reade, la sua ex vicina, le ha parlato del presunto attacco sessuale a pochi anni dall’incidente. LaCasse disse che era il 1995, forse anche all’inizio del 1996, sulla base del suo ricordo.
LaCasse ha detto che spesso sedeva fuori a sedersi a fumare Virginia Slims e che in quel particolare giorno piangeva mentre discuteva con Reade una battaglia di custodia per i suoi figli. Anche Reade cominciò a piangere, disse LaCasse.

“Ha iniziato a parlare di Joe Biden. E non sapevo davvero molto di Joe Biden”, ha detto. LaCasse disse che Reade le aveva detto che quando lavorava a Washington qualche anno prima, Biden “l’aveva spinta contro un muro e lui le aveva messo la mano sulla gonna e lui le aveva messo le dita dentro, e lei stava affrontando le conseguenze di quella.”
La componente ha verificato attraverso ricerche nei registri pubblici, foto e un esame dell’identificazione del governo passato di Reade che LaCasse e Reade un tempo erano vicine.

Storia dell’amico

Un’amica di Reade, che ha chiesto di rimanere anonima al fine di proteggere la sua privacy, ha detto che Reade le ha detto in diverse occasioni mentre lavorava nell’ufficio del Senato di Biden sulle interazioni fisiche con l’allora senatore che l’avevano messa a disagio.
L’amica ha detto che lei e Reade si sono avvicinate agli inizi degli anni ’90 quando ha trascorso più semestri a Washington DC, per ricevere crediti universitari. Uno dei suoi tirocini è stato con il defunto Sen. Ted Kennedy.
Nel 1993, quando l’amica tornò a scuola, ricevette una telefonata da Reade. Reade le disse in dettaglio che era stata aggredita sessualmente da Biden a Capitol Hill. L’amica ha detto che crede che Reade l’abbia chiamata pochi giorni dopo il presunto assalto. L’amica ha detto che ha consigliato a Reade di non presentare un rapporto della polizia in quel momento.

La storia del fratello di Reade

Il Washington Post ha intervistato il fratello di Reade, Collin Moulton, che ha riferito al giornale di avergli detto nel 1993 che Biden si era comportata in modo inappropriato toccandole il collo e le spalle ma non sul presunto attacco sessuale.
Diversi giorni dopo quell’intervista con il fratello di Reade, il Post ha dichiarato: “Ha detto in un messaggio di testo che la ricordava dicendogli che Biden aveva messo la sua mano” sotto i suoi vestiti.
Moulton in seguito disse alla CNN che Reade gli aveva detto nei primi anni ’90 che le era stato chiesto di portare a Biden la sua borsa da ginnastica, e che in un ambiente privato, l’aveva messa le spalle al muro e le aveva messo le mani sotto i vestiti.

Risposta della campagna Biden

Prima che Biden negasse l’accusa in una dichiarazione e sulla macchina da presa, il vice direttore della campagna e direttore delle comunicazioni di Biden, Kate Bedingfield, ha rilasciato una dichiarazione definendo l’accusa di Reade “falsa”.
“Il vicepresidente Biden ha dedicato la sua vita pubblica a cambiare la cultura e le leggi sulla violenza contro le donne. È autore e ha combattuto per il passaggio e l’autorizzazione del punto di riferimento della legge sulla violenza contro le donne. Crede fermamente che le donne abbiano il diritto di essere ascoltate – e ascoltato rispettosamente”, ha detto Bedingfield. “Tali affermazioni dovrebbero anche essere diligentemente riviste da una stampa indipendente. Ciò che è chiaro su questa affermazione: è falso. Ciò non è assolutamente accaduto.”

Gli ex aiutanti di Biden rispondono

Marianne Baker, che era l’assistente esecutivo di Biden negli anni ’80 e ’90, quando Biden era senatrice, in precedenza aveva anche affermato in una dichiarazione fornita attraverso la campagna di Biden che non era mai a conoscenza di alcun rapporto di condotta inappropriata, anche da Reade.
“In tutti i miei anni di lavoro per il senatore Biden, non ho mai visto, sentito parlare o ricevuto alcuna notizia di condotta inappropriata, periodo – non dalla signora Reade, non da nessuno. Non ho assolutamente alcuna conoscenza o memoria della sig.ra LaCasse lettura degli eventi di Reade, che mi avrebbe lasciato un’impressione bruciante come donna professionista e come manager”, ha detto Baker. “Queste accuse chiaramente false sono in completa contraddizione con il funzionamento interno del nostro ufficio al Senato e con l’uomo che conosco e con cui ho lavorato a stretto contatto per quasi due decenni”.
Dennis Toner, che all’epoca era il vice capo dello staff di Biden e una delle persone con cui Reade aveva discusso delle sue lamentele, ha dichiarato alla CNN in un’intervista giovedì che non aveva alcun ricordo di Reade o di qualsiasi conversazione relativa alle accuse di molestie sessuali.
“Ricordo chiaramente se noi – cioè se Tara e me stesso – avessimo avuto qualche tipo di conversazione sulle accuse di molestie sessuali, per non parlare di qualcosa che coinvolge il senatore Biden. Mi resterebbe nella mente. Sarebbe bruciato nella mia mente”, ha detto Toner. “Non lo capisco.”
La CNN ha intervistato una mezza dozzina di ex aiutanti di Biden che lavoravano nel suo ufficio al Senato nei primi anni ’90. Tutti hanno affermato di non essere a conoscenza di molestie sessuali o accuse di aggressione.
4,104FansLike
1,171FollowersFollow
- Advertisment -

I Più Letti

L’UE si impegna a sostenere e investire a Buenaventura in Colombia

0
Dopo aver incontrato virtualmente il sindaco Víctor Hugo Vidal e il suo team, gli ambasciatori europei hanno ribadito il loro impegno a lavorare sui...

editoriale

Il nuovo dramma delle donne migranti negli USA: la sterilizzazione

0
Secondo un rapporto riferito, dozzine di donne migranti detenute in un centro di detenzione negli Stati Uniti hanno subito un intervento chirurgico per rimuovere...