lunedì, Agosto 10, 2020
Home ATTUALITÀ Coronavirus: la speranza nasce in Europa

Coronavirus: la speranza nasce in Europa

-

Una curva che inizia la sua discesa in Italia, la pressione che diminuisce in Spagna e il numero di morti che diminuisce in Francia: la speranza di un miglioramento sul fronte della pandemia del coronavirus è nata domenica in Europa, in un momento in cui gli Stati Uniti stanno affondando nella crisi.

A Roma, le autorità hanno registrato 525 morti nelle ultime ventiquattro ore, il numero più basso dopo due settimane.

“La curva ha iniziato a scendere”, ha dichiarato il capo dell’Istituto Superiore di Salute, Silvio Brusaferro. Il calo del numero dei morti “è un fatto molto importante”, in un paese che ha pagato, con un totale di oltre 16.000 morti, un terribile tributo alla pandemia nata a dicembre in Cina, prima di contaminare il pianeta.

Il ministro della Sanità Roberto Speranza, tuttavia, si è affrettato ad avvertire che “l’emergenza non è finita. Il pericolo non è scomparso. Abbiamo qualche mese difficile davanti a noi, non roviniamo i sacrifici fatti”.

A Madrid, i 674 decessi registrati domenica hanno segnato il terzo giorno consecutivo di declino delle macabre statistiche. Giovedì aveva raggiunto i 950 morti.

“Situazione più stabile”

“La pressione sta diminuendo”, ha accolto Maria José Sierra, del Centro di allerta per la salute, rilevando “un certo declino” nel numero di ricoveri e ricoveri in terapia intensiva.

Ed Empar Loren, un’infermiera dell’ospedale Arnau de Vilanova di Lleida, in Catalogna, ha aggiunto: “La situazione è più stabile. Il numero di pazienti nel reparto di terapia intensiva non sta aumentando così tanto…”.

In Francia sono stati registrati 357 decessi domenica, il dato più basso in una settimana.

Le rigide misure di contenimento, in questi due paesi del Mediterraneo come in tanti altri, sembrano quindi iniziare a dare i suoi frutti, anche se ovunque le autorità temono un allentamento della popolazione con l’arrivo dei giorni di sole.

In nessun luogo queste misure sono state meglio illustrate come in Vaticano, dove Papa Francesco ha celebrato l’ingresso nella Settimana Santa di Pasqua in una basilica di San Pietro vuota di fedeli, solo accompagnata da religiosi e religiose, con una sola persona per panca.

“Guarda i veri eroi che appaiono in questi giorni: non sono quelli che hanno fama, denaro e successo, ma quelli che si danno per servire gli altri!”, ha lanciato il Papa nella sua omelia.

La nuova linea frontale della malattia sembra quindi essersi spostata negli Stati Uniti, dove esplodono le figure di contaminazione e il numero di morti, sollevando i timori di un massacro nei giorni e nelle prossime settimane.

“La prossima settimana sarà un periodo come Pearl Harbor, come l’11 settembre, tranne per il fatto che non sarà localizzato, sarà a livello nazionale”, ha avvertito l’amministratore federale della sanità pubblica Jerome Adams.

New York è letteralmente devastata dal virus, conta i suoi morti e chiede aiuto. “Medici, infermieri, specialisti delle vie respiratorie e a tutti coloro che non sono già in battaglia: abbiamo bisogno di te”, ha lanciato il sindaco democratico della città Bill de Blasio.

Lo stato di New York, epicentro del virus, ha annunciato domenica 594 morti in 24 ore, per un totale di 4.159.

La gravità della situazione nel paese ha portato Joe Biden, candidato con le migliori possibilità di vincere la nomination democratica per la Casa Bianca, a considerare per questa estate la possibilità di una convention del suo partito senza pubblico.

Dalla sua insorgenza a dicembre, la pandemia ha ucciso almeno 65.272 persone in tutto il mondo, secondo un rapporto compilato da fonti ufficiali domenica.

Profondamente personale

In un solenne discorso televisivo, il quarto dall’inizio del suo regno iniziato 68 anni fa, la regina del Regno Unito e del Commonwealth ha risposto saluterà alla crisi sanitaria.

“Spero che negli anni a venire tutti possano essere orgogliosi del modo in cui abbiamo raccolto questa sfida”, ha dichiarato Elisabeth II, 93 anni, in un discorso “profondamente personale”.

Suo figlio erede Carlo (71) ha contratto la malattia, ma è stato recentemente dimesso dalla quarantena ed è in buona salute.

L’intervento reale arriva il giorno dopo l’annuncio di un nuovo record giornaliero di 708 morti in Gran Bretagna, tra cui un bambino di 5 anni. Ad oggi, 4.313 britannici sono morti a causa del Covid-19.

Molto criticato per la gestione della crisi, domenica il governo ha nuovamente sollecitato gli inglesi a rispettare la quarantena. “Questa non è una richiesta, è un requisito sancito dalla legge”, ha dichiarato il Ministro della Salute Matt Hancock.

Preoccupazione nei paesi poveri 

In altre parti del mondo, i motivi di preoccupazione rimangono numerosi, in particolare nei paesi poveri, in crisi o per le popolazioni particolarmente a rischio. In Grecia, un secondo campo di migranti vicino ad Atene è stato messo in quarantena dalle autorità domenica.

Singapore ha messo in quarantena quasi 20.000 lavoratori migranti dopo aver notato l’aumento del numero di infezioni, in particolare nelle residenze in cui dormono questi lavoratori, molti del Bangladesh e cinesi.

In Iran, la diffusione è rallentata per il quinto giorno consecutivo con 151 decessi aggiuntivi in ​​24 ore (per un totale di 3.603 decessi), affermano le autorità, suggerendo una ripresa graduale di alcune attività economiche dall’11 aprile.

Le autorità cinesi hanno dichiarato che il loro paese ha venduto quasi quattro miliardi di maschere e attrezzature mediche a circa 50 paesi stranieri dall’inizio di marzo, per un valore complessivo di oltre 1,33 miliardi di euro.

Nonostante il calo del numero di casi sul territorio cinese, Pechino ha incoraggiato le fabbriche ad aumentare la loro produzione di attrezzature mediche, in un momento in cui altri paesi si trovano ad affrontare una carenza e si sfidano senza vergogna per i fini preziosi di tessuti.

Alcuni paesi, come i Paesi Bassi e la Spagna, si sono tuttavia lamentati della qualità di questi materiali importati dalla Cina.

Queste consegne cinesi sono diventate tanto più importanti in quanto il discorso ufficiale sull’uso della maschera è cambiato negli ultimi giorni, molti governi ora raccomandano di indossare la maschera obbligatoriamente.


close







close






4,100FansLike
1,173FollowersFollow
- Advertisment -

I Più Letti

Di Stefano, la gaffe e la risposta

0
​​Dopo aver confuso il Libano con la Libia, il sottosegretario agli Esteri Manlio Di Stefano affida ad una chat su Telegram una sarcastica risposta: "WOW,...

editoriale

Il lato oscuro del monitoraggio digitale in un’app anti coronavirus

0
In Corea del Sud hanno tenuto sotto controllo la curva delle infezioni da coronavirus senza chiudere locali pubblici e scuole, senza imporre drastiche restrizioni...