L’OMS: avvertimento ai giovani sul coronavirus

275

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha ricordato che anche i giovani sono stati colpiti dalla pandemia di Covid-19 a causa del nuovo coronavirus, che ha causato la morte di bambini e adolescenti.

“L’idea che il Covid-19 riguardi solo gli anziani è di fatto errata”, ha dichiarato il direttore generale dell’OMS Europa Hans Kluge in una conferenza stampa settimanale trasmessa online da Copenaghen. “L’età non è l’unico fattore di rischio per una forma grave della malattia”, ha affermato Kluge.

Casi critici sono stati osservati in adolescenti e giovani adulti, molti hanno richiesto cure intensive e alcuni sono morti, ha ribadito. In Europa, la vittima più giovane identificata è un bambino di 12 anni morto in Belgio. Negli Stati Uniti è morto anche un bambino di sei settimane infetto da coronavirus.

Secondo l’OMS, il 10/15 percento di quelli con meno di 50 anni ha un’infezione da moderata a grave. Tuttavia “coloro che invecchiano in buona salute sono meno a rischio”, ha affermato Kluge che assicura “che le persone di età superiore ai 100 anni ricoverate in ospedale per Covid-19 si siano completamente riprese”.

L’OMS in Europa elenca oltre 464.859 casi ufficiali legati al virus e 30.098 decessi nei 53 paesi molto diversi del suo collegio elettorale, che si estende dalla costa atlantica del continente alla costa del Pacifico della Russia.

Circa l’80% di coloro che sono morti presentava almeno una comorbilità di base, in particolare malattie cardiovascolari e diabete. Per il Kluge, la conformità alle norme sanitarie è necessaria “a qualsiasi età”.

“Non è solo un atto di solidarietà con gli altri, in particolare quelli che hanno maggiori probabilità di essere seriamente colpiti, ma anche un atto vitale per la (sua) propria salute e (la sua) sicurezza”.