sabato, Agosto 8, 2020
Home ATTUALITÀ L’Istituto superiore Almerico Da Schio nel “mirino” della politica

L’Istituto superiore Almerico Da Schio nel “mirino” della politica

Il preside Sozzo: “ Una polemica inutile”

Molto probabilmente fare del sano giornalismo è diventato complicato, oppure la colpa potrebbe essere attribuita al clima pre elettorale che si appresta, finalmente, al verdetto delle urne, resta il fatto che in questo clima sub tecnologico avvolto nel delirante olocausto mediatico, si potrebbe cadere nella più futile delle notizie da dover mobilitare, addirittura, tutta la stampa italiana.

Allora sei costretto a mettere i puntini sulle “i”, specialmente quando quelle “i” non hanno motivazioni serie di essere giustificate. Però quando si tratta di scuola l’attenzione mediatica si accende come un cerino che si brucia lentamente in conclusioni “chiassose” e stucchevoli. Proprio la scuola, questa martoriata istituzione, che negli ultimi anni ha avuto l’arduo compito di unire, coinvolgere, che invece si è fatta fregare dalle più demagogiche occasioni perdendo tempo nel dividere e allontanare: dirigenti, docenti, studenti e genitori. Inconsapevolmente si sono innescati polemiche che hanno ridimensionando il buon senso, la logica e la realtà, concedendosi al pragmatismo più afferrato a tal punto da scambiare uno sport ad un comportamento violento e anti culturale per i ragazzi che intendono cimentarsi in questa disciplina sportiva e olimpionica.

Un pragmatismo che mette in evidenza la difficoltà culturale di alcuni uomini, collocandoli in uno spazio temporale pretestuoso ignorando i reali contenuti. Tanto da far parlare i giornali d’Italia, dando sfogo alla demenza senile confondendo una valenza educativa che le discipline sportive detengono con la possibile volontà di indirizzare gli studenti nell’orrido mondo criminale. Patetico! Dunque la polemica all’Istituto superiore Da Schio di Vicenza è ben servita tramite i media d’informazione nazionale, una delle poche eccellenze scolastiche che il Veneto vanta grazie agli indirizzi didattici alberghiero-commerciale.

Pronta la replica alle critiche (politiche) da parte del preside, l’avv. Giuseppe Sozzo – “Sono sorpreso della sorpresa degli altri, nel senso che da sei anni a scuola facciamo attività di tiro a segno, ovviamente è un’attività sportiva, che negli anni abbiamo portato al poligono 350 ragazzi e non c’è stata la minima traccia di lamentela o contestazione. Questa cosa sorta adesso sembra pretestuosa…” Una difesa che non trova dibattimento visto che il preside puntualizza una polemica priva di ogni ragionevole motivazione. Anzi, per i più malpensanti, sembrerebbe più una polemica politica costruita a spese del tempio della cultura, della civiltà, che dovrebbe essere laica anche politicamente. Ma questa è un’altra era…


close







close






Lascia un commento!

- Advertisment -

I PIU' LETTI

Di Stefano, la gaffe e la risposta

​​Dopo aver confuso il Libano con la Libia, il sottosegretario agli Esteri Manlio Di Stefano affida ad una chat su Telegram una sarcastica risposta: "WOW,...

Dal commercio ai trasporti, all’arte: ecco i settori più colpiti dalla crisi

Secondo un'indagine di Eurostat sull'impatto del Covid-19 sulle industrie dell'Ue, nel primo trimestre 2020 le attività che hanno sofferto di più sono state il...

MakeIdentity, l’app dedicata alla privacy

MakeIdentity, l’app dedicata alla privacy. MakeIdentity mixa tecnologia e privacy per massimizzare conversione e utilizzo dei dati personali degli ospiti. Intervista a Marco Giacomello...

Il presidente Mattarella alle Regioni: “Attuare art. 2-3 Carta è un dovere”

"In questi 50 anni le Regioni si sono affermate come componente fondamentale dell'architettura della Repubblica. Le Regioni si sono rivelate forte elemento di coesione...

COMMENTI RECENTI

Annina Malito on Storie di ordinaria violenza
Massimiliano Palladini on Irregolare una mensa scolastica su 3
Daniela Sacchi on Malati di austerity
Daniela Sacchi on Malati di austerity
Riccardo pieroni on Malati di austerity
Daniela Sacchi on Elogio della confessione
marco bacigalupi on Elogio della confessione
Emilio Carnelli on Nonno, ti faccio la festa
Catalogna – per la UE è win-win – Così va il Mondo on Catalogna e Lombardia: di Stato e Nazioni