fbpx
adv-450
<< ESTERI

USA-Russia è scontro al consiglio di sicurezza dell’ONU

| 1 Febbraio 2022 | ESTERI

La Russia ha accusato l’Occidente di aver alimentato le tensioni sull’Ucraina e ha affermato che gli Stati Uniti hanno portato al potere “nazisti puri” a Kiev mentre il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha tenuto un dibattito tempestoso e bellicoso sull’accumulo di truppe di Mosca vicino il suo vicino meridionale.

L’ambasciatore statunitense Linda Thomas-Greenfield ha replicato che la crescente forza militare russa di oltre 100.000 soldati lungo i confini dell’Ucraina è stata “la più grande mobilitazione” in Europa da decenni, aggiungendo che c’è stato un picco di attacchi informatici e disinformazione russa.

“E stanno tentando, senza alcuna base fattuale, di dipingere l’Ucraina e i paesi occidentali come gli aggressori per fabbricare un pretesto per l’attacco”, ha detto.

I duri scambi in seno al Consiglio di sicurezza sono arrivati ​​quando Mosca ha perso un tentativo di bloccare l’incontro e ha riflesso il divario tra le due potenze nucleari. È stata la prima sessione aperta in cui tutti i protagonisti della crisi ucraina hanno parlato pubblicamente, anche se l’organo più potente dell’ONU non è intervenuto.

Sebbene questa settimana sia prevista una maggiore diplomazia di alto livello, i colloqui tra USA e Russia finora non sono riusciti ad allentare le tensioni nella crisi, con l’Occidente che afferma che Mosca si sta preparando per un’invasione. La Russia nega di voler attaccare. Richiede la promessa che l’Ucraina non entrerà mai a far parte della NATO, l’interruzione del dispiegamento di armi della NATO vicino ai confini russi e il ritiro delle forze dell’alleanza dall’Europa orientale.

L’ambasciatore russo Vassily Nebenzia ha accusato l’amministrazione Biden di “aver sollevato tensioni e retorica e provocato un’escalation”.

“Stai quasi tirando per questo”, disse, guardando Thomas-Greenfield. “Vuoi che succeda. Stai aspettando che accada, come se volessi trasformare le tue parole in realtà”.

Ha incolpato gli Stati Uniti per la cacciata nel 2014 di un presidente amico del Cremlino a Kiev, dicendo che ha portato al potere “nazionalisti, radicali, russofobi e puri nazisti” e ha creato l’antagonismo che esiste tra Ucraina e Russia.

“Se non l’avessero fatto, fino ad oggi vivremmo in uno spirito di buon vicinato e cooperazione reciproca”, ha detto Nebenzia. “Tuttavia, ad alcuni in Occidente non piace chiaramente questo scenario positivo. Quello che sta succedendo oggi è l’ennesimo tentativo di creare un cuneo tra Russia e Ucraina”.

Nebenzia ha lasciato la sala del consiglio mentre l’ambasciatore ucraino Sergiy Kyslytsya ha iniziato a parlare. “Per quanto tempo la Russia farà pressioni, perseguirà un chiaro tentativo di spingere l’Ucraina e i suoi partner in una trappola di Kafka?” chiese Kyslytsva.

Il voto sulla riunione aperta è passato 10-2, con Russia e Cina contrarie e l’astensione di India, Gabon e Kenya. Sono stati necessari nove voti “sì” perché l’incontro potesse andare avanti.

L’ambasciatore cinese Zhang Jun ha affermato di aver votato contro l’incontro pubblico perché “ciò che è urgentemente necessario ora è una diplomazia silenziosa, non una diplomazia megafono”.

Gli Stati Uniti ei loro alleati avevano fatto pressioni per tenere la riunione lunedì, l’ultimo giorno della presidenza di turno norvegese del consiglio, prima che la Russia prendesse il potere martedì per il mese di febbraio.

Qualsiasi dichiarazione o risoluzione del Consiglio di sicurezza è estremamente improbabile, dato il potere di veto della Russia e i suoi legami con gli altri membri del consiglio, inclusa la Cina.

Dopo che tutti i 15 membri del consiglio hanno parlato, gli Stati Uniti e la Russia hanno combattuto di nuovo, con Thomas-Greenfield che si è detta “delusa” nei commenti di Nebenzia, sottolineando che le minacce di aggressione russe sono “provocatrici”.

“Dico alla Russia semplicemente questo: le tue azioni parleranno da sole”, ha detto l’inviato degli Stati Uniti.

Nebenzia ha replicato: “Tutto quello che volevamo dire è nella nostra dichiarazione di oggi. Tuttavia, non capiamo davvero di quali minacce, provocazioni e escalation da parte della Russia si parli”.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato in una dichiarazione che l’incontro è stato “un passo fondamentale nel radunare il mondo affinché parli con una sola voce” per rifiutare l’uso della forza, cercare una riduzione dell’escalation militare, sostenere la diplomazia e chiedere la responsabilità di ogni membro “per astenersi dall’aggressione militare contro i suoi vicini”.

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov e il segretario di Stato americano Antony Blinken non hanno compiuto progressi visibili nell’allentare le tensioni durante il loro incontro a Ginevra all’inizio di questo mese. Si prevede che parleranno al telefono martedì, secondo il ministero degli Esteri russo. Un alto funzionario del Dipartimento di Stato ha confermato il resoconto russo.

Biden ha avvertito giovedì il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy in una telefonata che esiste una “distinta possibilità” che la Russia possa iniziare un’incursione a febbraio, ma il leader ucraino ha cercato di minimizzare i timori di guerra, affermando che l’allarme occidentale per un’imminente invasione ha spinto molti investitori sui mercati finanziari del paese per incassare.

Zelenskyy ha detto venerdì che “non stiamo vedendo alcuna escalation più grande di prima” e ha accusato che l’accumulo russo potrebbe essere un tentativo da parte di Mosca di esercitare “pressione psicologica” e seminare il panico.

Il primo ministro britannico Boris Johnson visiterà l’Ucraina martedì per colloqui con Zelenskyy e parlerà anche con il presidente russo Vladimir Putin per esortarlo a “fare un passo indietro”, ha detto l’ufficio del primo ministro. Johnson dice che sta valutando l’idea di inviare centinaia di truppe britanniche nei paesi della NATO nella regione baltica come dimostrazione di forza.

Parlando domenica a “This Week” della ABC, Thomas-Greenfield ha detto della Russia: “Andremo nella stanza preparati ad ascoltarli, ma non ci faremo distrarre dalla loro propaganda”.

La scorsa settimana ha affermato che i membri del consiglio “devono esaminare attentamente i fatti e considerare ciò che è in gioco per l’Ucraina, per la Russia, per l’Europa e per gli obblighi e i principi fondamentali dell’ordine internazionale se la Russia dovesse invadere ulteriormente l’Ucraina”.

Venerdì, l’ambasciatore cinese Zhang ha affermato che entrambe le parti hanno mostrato la volontà di continuare i negoziati e dovrebbero poter continuare.

Domenica, il presidente della commissione per le relazioni estere del Senato, il senatore Bob Menendez, ha affermato che in caso di attacco, i legislatori vogliono che la Russia affronti “la madre di tutte le sanzioni”. Ciò include azioni contro le banche russe che potrebbero minare gravemente l’economia russa e un aumento degli aiuti letali all’esercito ucraino.

Le sanzioni in esame sarebbero significativamente più forti di quelle imposte dopo che la Russia ha annesso la Crimea dall’Ucraina nel 2014. Tali sanzioni sono state considerate inefficaci.

Menendez ha anche sollevato la prospettiva di imporre punizioni preventivamente, prima di qualsiasi invasione.

Il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha detto lunedì che l’amministrazione è stata incoraggiata dallo sforzo bipartisan al Congresso “per ritenere la Russia responsabile”. L’amministrazione aveva precedentemente espresso preoccupazione per il fatto che le sanzioni preventive potessero diminuire la loro influenza sulla Russia, ma la Casa Bianca sembrava più affezionata alla prospettiva mentre il Comitato per le relazioni estere si muoveva per agire.

“Il nostro punto di vista è che le sanzioni possono essere un efficace strumento di deterrenza e l’intensificarsi delle vendite sui mercati russi riflette il nostro messaggio alla Russia”, ha affermato Psaki.

TAG: Onu, russia, Ucraina, UE, USA
adv-418
Articoli Correlati