fbpx
adv-429
<< L'OPINIONE

Green Pass: in Italia e Francia le piazze si riempiono al grido di ‘Libertà’

| 1 Agosto 2021 | L'OPINIONE

Grida di “Libertà!” per le strade e le piazze di Italia e Francia migliaia di persone mostrano la loro opposizione ai piani per richiedere le tessere di vaccinazione per le normali attività sociali, come cenare al chiuso nei ristoranti, visitare musei o tifare negli stadi sportivi.

I leader di entrambi i paesi vedono le carte, soprannominate “Green Pass” in Italia e “health pass” in Francia, come necessarie per aumentare i tassi di vaccinazione e convincere gli indecisi.

Il premier italiano Mario Draghi ha paragonato il messaggio anti-vaccinazione di alcuni leader politici a “un appello a morire”.

Il requisito incombente sta funzionando, con le richieste di vaccinazione in forte espansione in entrambi i paesi.

Tuttavia, ci sono gruppi di resistenza da parte di coloro che la vedono come una violazione delle libertà civile o che nutrono preoccupazioni per la sicurezza dei vaccini. Circa 80.000 persone hanno protestato nelle città di tutta Italia lo scorso fine settimana, mentre migliaia hanno marciato a Parigi negli ultimi tre fine settimana, scontrandosi a volte con la polizia.

Le nazioni europee, in generale, hanno fatto passi da giganti nei loro tassi di vaccinazione negli ultimi mesi, con o senza incentivi. Nessun paese ha reso obbligatorio le campagne per convincere gli indecisi a vaccinarsi.

La Danimarca ha aperto la strada ai vaccini con poca resistenza. Il Belgio richiederà un certificato di vaccinazione per partecipare a eventi all’aperto con più di 1.500 persone entro metà agosto ed eventi al coperto entro settembre. La Germania e la Gran Bretagna hanno finora resistito a un approccio globale, mentre le vaccinazioni sono così popolari in Spagna che gli incentivi non sono ritenuti necessari.

In Francia e in Italia, le manifestazioni contro i pass per i vaccini o le restrizioni sui virus in generale stanno riunendo alleati altrimenti improbabili, spesso dagli estremi politici. Includono partiti di estrema destra, attivisti per la giustizia economica, famiglie con bambini piccoli, quelli contro i vaccini e coloro che li temono.

Molti affermano che i requisiti per il pass per il vaccino sono una fonte di disuguaglianza che dividerà ulteriormente la società e tracciano paralleli storici difficili.

“Stiamo creando una grande disuguaglianza tra i cittadini”, ha detto un manifestante a Verona, che si è identificato solo come Simone perché ritiene di temere per il suo sostentamento. “Avremo cittadini di serie A, che possono accedere ai servizi pubblici, al teatro, alla vita sociale, e cittadini di serie B, che non possono. Questa cosa ha portato all’apartheid e all’Olocausto”.

Alcuni manifestanti in Italia e Francia hanno indossato stelle di David gialle, come quelle che i nazisti richiedevano agli ebrei di indossare durante la seconda guerra mondiale.

I sopravvissuti all’Olocausto chiamano questo confronto una distorsione della storia.

“Sono follie, gesti di cattivo gusto che si incrociano con l’ignoranza”, ha detto Liliana Segre, 90 anni sopravvissuta all’Olocausto e senatrice italiana a vita. “È un tale tempo di ignoranza, di violenza che non viene nemmeno più repressa, che è diventato maturo per queste distorsioni”.

Paragoni simili durante le proteste in Gran Bretagna sono stati ampiamente condannati. Uno dei più importanti attivisti anti-blocco, Piers Corbyn, fratello dell’ex leader del partito laburista Jeremy Corbyn, è stato arrestato all’inizio di quest’anno dopo aver distribuito un volantino che faceva il confronto, raffigurante il campo di concentramento di Auschwitz.

Il pass sanitario francese è richiesto nei musei, nei cinema e nei siti turistici ed entra in vigore per ristoranti e treni il 9 agosto. Per ottenerlo, le persone devono essere completamente vaccinate, avere un test negativo recente o provare che si sono recentemente ripresi dal COVID-19.

I requisiti dell’Italia sono meno stringenti. È necessaria una sola dose di vaccino e si applica a ristoranti all’aperto, cinema, stadi, musei e altri luoghi di ritrovo dal 6 agosto. Si sta valutando l’estensione del requisito al trasporto a lunga distanza. Anche un test negativo entro 48 ore o la prova di essere guariti dal virus negli ultimi sei mesi consente l’accesso.

La domanda di vaccini in Italia è aumentata fino al 200% in alcune regioni dopo che il governo ha annunciato il Green Pass, secondo il commissario speciale del paese per le vaccinazioni.

In Francia, quasi 5 milioni hanno ricevuto una prima dose e più di 6 milioni hanno ricevuto una seconda dose nelle due settimane successive all’annuncio del presidente Emmanuel Macron che i passaggi del virus sarebbero stati estesi ai ristoranti e a molti altri luoghi pubblici. Prima di allora, la domanda di vaccinazione era in calo da settimane.

Ben il 15% degli italiani rimane resistente al messaggio del vaccino: il 7% si identifica come indeciso e l’8% come antivaccino, secondo un sondaggio di SWG. Il sondaggio su 800 adulti, condotto dal 21 al 23 luglio, ha un margine di errore di più o meno 3,5 punti percentuali.

Le ragioni principali per esitare o rifiutarsi di vaccinarsi, citate da più della metà degli intervistati, sono i timori di gravi effetti collaterali e le preoccupazioni che i vaccini non siano stati adeguatamente testati. Un altro 25% ha dichiarato di non fidarsi dei medici, il 12% ha affermato di non temere il virus e l’8% nega che esista.

Ciò lascia alcuni segmenti difficili da penetrare nella popolazione.

Circa 2 milioni di italiani over 60 restano non vaccinati, nonostante gli sia stata data la precedenza in primavera. Migliaia rimangono senza protezione nella sola Lombardia, l’epicentro dell’epidemia in Italia.

La città di Milano invia ogni giorno furgoni mobili con vaccini e altri rifornimenti in un quartiere diverso. Raggiungono i riluttanti con volantini e post sui social media, vaccinando 100-150 persone al giorno con il vaccino Johnson & Johnson monodose.

Le aziende in Italia e Francia stanno accettando a malincuore i pass, preoccupate per come le aziende private possono far rispettare le politiche pubbliche. L’esperienza della Danimarca suggerisce che la conformità diventa più facile con il tempo e l’aumento dei tassi di vaccinazione.

Tuttavia, la vaccinazione ha l’obbligo di frenare il ritorno alle restrizioni qualora si prospetterebbe una nuova escalation di contagi dopo l’estate. Infatti resta il legittimo dubbio, dopo la stagione estiva, se queste misure siano state efficaci nell’arginare la diffusione del virus. In tal caso dovremmo porci delle serie domande, oppure l’Iss dovrebbe darci delle serie risposte.

TAG: Francia, Green Pass, health pass, Italia, vaccini
adv-971
Articoli Correlati