adv-655
<< ESTERI

Irruzione della polizia russa in casa del giornalista Roman Dobrokhotov

| 29 Luglio 2021 | ESTERI

La polizia in Russia ha fatto irruzione nella casa del caporedattore di un sito di notizie investigative che è stato recentemente designato come “agente straniero”, l’ultima mossa delle autorità per aumentare la pressione sui media indipendenti prima delle elezioni parlamentari del paese di settembre.

Il caporedattore del sito di notizie Insider, Roman Dobrokhotov, ha twittato mercoledì che “la polizia sta bussando” alla porta del suo appartamento e sua moglie ha segnalato il raid al gruppo di assistenza legale OVD-Info prima che il suo telefono diventasse non disponibile.

Un avvocato di un altro gruppo di assistenza legale, Pravozashchita Otkrytki, si è diretto all’appartamento di Dobrokhotov. Il gruppo ha detto che la polizia ha sequestrato cellulari, laptop e tablet durante il raid, così come il passaporto internazionale di Dobrokhotov. Sergei Yezhov, un giornalista di The Insider, ha detto che Dobrokhotov avrebbe dovuto viaggiare fuori dalla Russia mercoledì.

La polizia ha anche fatto irruzione nella casa dei genitori di Dobrokhotov, ha detto The Insider. Dopo le perquisizioni, Dobrokhotov è stato portato in un distretto di polizia per essere interrogato e poi rilasciato.

Ha detto ai giornalisti fuori dal distretto che The Insider continuerà a operare nonostante le pressioni delle autorità.

“Diventerà più difficile lavorare ora. Non ho telefoni cellulari, non posso viaggiare e incontrare i miei colleghi: molte delle nostre indagini sono internazionali”, ha detto Dobrokhotov. “E, naturalmente, è una pressione seria. Ma è chiaro che The Insider continuerà ad esistere. Le indagini verranno rilasciate anche se vengo arrestato. Se sperano di fermare il lavoro del sito di notizie, sperano invano”.

I sostenitori dell’opposizione russa, i giornalisti indipendenti e gli attivisti per i diritti umani hanno dovuto affrontare una maggiore pressione del governo prima del voto del 19 settembre, che è ampiamente visto come una parte importante degli sforzi del presidente Vladimir Putin per cementare il suo governo prima delle elezioni presidenziali del 2024.

Il leader russo di 68 anni, che è al potere da più di due decenni, lo scorso anno ha approvato modifiche costituzionali che gli avrebbero potenzialmente permesso di mantenere il potere fino al 2036.

Negli ultimi mesi, il governo ha designato diversi media indipendenti e giornalisti come “agenti stranieri” – un’etichetta che implica un ulteriore controllo del governo e porta connotazioni fortemente peggiorative che potrebbero screditare i destinatari.

I punti vendita mirati includono VTimes e Meduza. VTimes ha successivamente chiuso, citando la perdita di inserzionisti, e Meduza ha lanciato una campagna di crowdfunding dopo aver riscontrato lo stesso problema.

L’Insider era l’ultima aggiunta alla lista. L’agenzia di stampa, registrata in Lettonia, ha collaborato con il gruppo investigativo Bellingcat per indagare su casi di alto profilo, come l’avvelenamento da agenti nervini dell’ex spia russa Sergei Sripal e del leader dell’opposizione russa Alexei Navalny.

Il Ministero della Giustizia russo ha agito in base a una legge che viene utilizzata per designare come agenti stranieri organizzazioni non governative, media e individui che ricevono finanziamenti esteri e si impegnano in attività vagamente descritte come politiche.

Un’altra legge viene utilizzata per mettere al bando i gruppi ritenuti “indesiderabili” e rende l’appartenenza ad essi un reato penale. È stato utilizzato per vietare 41 gruppi, inclusi gruppi di opposizione, ONG straniere e, più recentemente, l’editore di Proekt, un media investigativo online.

Il ministero della Giustizia la scorsa settimana ha anche designato due giornalisti di Proekt e altri tre reporter come agenti stranieri.

La Russia ha usato la legge per imporre pesanti multe all’emittente finanziata dagli Stati Uniti Radio Free Europe/Radio Liberty per non aver identificato il suo materiale come prodotto da agenti stranieri. L’emittente ha chiesto l’intervento della Corte europea dei diritti dell’uomo.

Secondo The Insider, le ricerche mirate a Dobrokhotov potrebbero essere correlate a un caso di diffamazione avviato ad aprile a seguito di una denuncia da parte di un blogger olandese. The Insider ha accusato Max van der Werff di collaborare con l’intelligence e i servizi militari russi per diffondere informazioni false contestando i risultati dell’indagine ufficiale sull’abbattimento del volo 17 della Malaysia Airlines sull’Ucraina orientale, che ha ucciso tutte le 298 persone a bordo.

Il gruppo di assistenza legale ha affermato che Dobrokhotov è stato testimone in un procedimento penale contro “persone non identificate” con l’accusa di calunnia, lanciato su un tweet nell’account di Dobrokhotov che contiene “disinformazione sul Boeing MH-17 abbattuto”.

All’inizio di questa settimana, le autorità russe hanno bloccato circa 50 siti web collegati al leader dell’opposizione in carcere Navalny. La mossa arriva appena un mese dopo che un tribunale di Mosca ha messo fuorilegge l’infrastruttura politica di Navalny – la sua Fondazione per la lotta alla corruzione e una rete di uffici regionali – come estremista in una sentenza che impedisce alle persone associate ai gruppi di cercare cariche pubbliche e le espone a lunghe prigioni. termini.

Navalny, il più feroce nemico politico di Putin, è stato arrestato a gennaio al suo ritorno dalla Germania, dove ha trascorso cinque mesi a riprendersi da un avvelenamento da agenti nervini di cui incolpa il Cremlino, un’accusa respinta dai funzionari russi.

A febbraio, al politico è stato ordinato di scontare 2 anni e mezzo di carcere per aver violato una condanna sospesa da una condanna per appropriazione indebita del 2014 che aveva respinto come politicamente motivata.

Il suo arresto e la sua detenzione hanno scatenato un’ondata di proteste di massa in tutta la Russia in quella che sembrava essere una grande sfida per il Cremlino. Le autorità hanno risposto con arresti di massa di manifestanti e indagini penali contro i più stretti collaboratori di Navalny.

Mercoledì, Lyubov Sobol, uno dei migliori alleati di Navalny e uno dei pochi nella sua squadra che non ha lasciato la Russia nonostante sia stato perseguito con una serie di accuse, ha affermato che il cane da guardia delle comunicazioni statali della Russia Roskomnadzor ha chiesto a Twitter di cancellare il suo account.

“Cos’è, se non l’isteria del Cremlino prima delle elezioni?” Sobol ha scritto. Non è stato subito chiaro se Twitter avrebbe acconsentito alla richiesta.

TAG: giornalismo, libertà di stampa, Mosca, Roman Dobrokhotov
adv-559
Articoli Correlati