adv-707
<< ESTERI

Israele rinvia l’udienza per lo sfollamento forzato di Silwan

Le famiglie Ghaith e Abu Nab sono tra le centinaia di palestinesi minacciati di espulsione forzata dalle loro case da Silwan
| 11 Giugno 2021 | ESTERI

Un tribunale israeliano ha rinviato l’udienza nel caso di due famiglie palestinesi costrette a sfollare forzatamente dalle loro case nell’area di Batn al-Hawa, nel quartiere di Silwan, Gerusalemme est occupata.

Alle famiglie Ghaith e Abu Nab si è unito un gruppo di sostenitori che si sono riuniti giovedì davanti alla corte centrale israeliana per manifestare contro le espulsioni forzate.

Le forze israeliane hanno attaccato i manifestanti e arrestato tre palestinesi identificati come Basel al-Dweik, Adel al-Silwadi e Nitham Abu Ramooz. L’udienza è stata rinviata al 7 agosto.

adv-765

Le famiglie Ghaith e Abu Nab sono due delle centinaia minacciate di espulsione forzata dalle loro case nei quartieri di Silwan e Sheikh Jarrah, dove le organizzazioni di coloni israeliani stanno cercando di sostituire i palestinesi con gli israeliani.

Il mese scorso, un tribunale israeliano ha rinviato la sua decisione su un appello presentato da altre sette famiglie palestinesi di Silwan che devono sfollare forzatamente dalle loro case.

All’inizio di questa settimana, il comune di Gerusalemme ha emesso una serie di ordini di demolizione ai residenti dell’area di al-Bustan a Silwan. Le famiglie colpite, composte da circa 1.500 persone, hanno avuto 21 giorni per evacuare e demolire le proprie case. In caso contrario, il comune demolirà le case e le famiglie dovrebbero coprire i costi di demolizione.

Dal 2005, i residenti di al-Bustan hanno ricevuto l’avvertimento di demolire quasi 90 case con il pretesto di costruire senza permesso, a favore di un’organizzazione di coloni che cerca di trasformare il terreno in un parco nazionale e collegarlo all’area archeologica “Città di Parco di Davide”.

Secondo Grassroots Jerusalem, una ONG palestinese, sia le demolizioni di case che gli spostamenti forzati ordinati dal tribunale sono tattiche utilizzate per espellere i residenti palestinesi.

In una dichiarazione di giovedì, l’organizzazione per i diritti dei palestinesi Al-Haq ha affermato che i palestinesi nella Gerusalemme est occupata costituiscono la maggioranza della popolazione, ma “le leggi urbanistiche israeliane hanno assegnato il 35% della superficie per la costruzione di insediamenti illegali da parte dei coloni israeliani”.

Un altro 52% del territorio è stato “assegnato come ‘aree verdi’ e ‘aree non pianificate’ in cui è vietata la costruzione”, afferma la nota.

Silwan si trova a sud della Città Vecchia di Gerusalemme, adiacente alle sue mura.

Almeno 33.000 palestinesi vivono nel quartiere, da anni preso di mira dalle organizzazioni di coloni israeliani. In alcuni casi, i residenti palestinesi sono stati costretti a condividere le case con i coloni.

Alcune di queste famiglie vivono a Silwan da più di 50 anni da quando sono state sfollate dalla Città Vecchia negli anni ’60.

Nel 2001, Ateret Cohanim, un’organizzazione di coloni israeliani che mira ad acquisire terra e ad aumentare la presenza ebraica nella Gerusalemme Est occupata, ha preso il controllo di uno storico trust fondiario ebraico.

Fondato nel 19° secolo, il trust acquistò terreni nell’area per ricollocare gli ebrei yemeniti dell’epoca. L’organizzazione dei coloni ha affermato in tribunale che la fiducia che controlla possiede la terra.

Secondo la legge israeliana, se gli ebrei possono dimostrare che le loro famiglie vivevano a Gerusalemme est prima della fondazione di Israele nel 1948, possono richiedere la “restituzione” delle loro proprietà, anche se le famiglie palestinesi vivono lì da decenni. La legge si applica solo agli israeliani e i palestinesi non hanno gli stessi diritti sotto di essa.

“C’è una chiara discriminazione qui, dove gli ebrei possono rivendicare qualsiasi proprietà che affermano di possedere in passato prima del 1948, mentre i palestinesi che hanno perso la loro patria in 500 villaggi all’interno di Israele, inclusa Gerusalemme Ovest, non possono rivendicare la loro proprietà”, Mohammed Dahleh, un avvocato che rappresenta alcune delle famiglie Silwan, ha detto ad Al Jazeera.

“Queste famiglie non possono rivendicare le loro proprietà, sebbene siano in possesso di carte d’identità israeliane e siano considerate residenti dello stato di Israele dalla legge israeliana”, ha continuato.

“Ciò significa che questa comunità, se i tribunali israeliani alla fine approveranno questo tipo di sfollamento forzato, diventeranno rifugiati per la seconda volta”.

TAG: coloni, Israele, Palestina
adv-95
Articoli Correlati