adv-35
<< ESTERI

Fischi per Netanyahu da parte dei manifestanti israeliani in lutto

| 2 Maggio 2021 | ESTERI

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha promesso un’indagine completa sulla fuga precipitosa mortale in una festa religiosa ebraica nella città di Mount Meron, dove è stato fischiato dai parenti delle vittime che protestavano.

Secondo i media israeliani, venerdì i manifestanti hanno lanciato bottiglie vuote e gridato insulti a Netanyahu, che si è recato al luogo di pellegrinaggio nel nord del paese, dove almeno 45 persone sono morte e altre 150 sono rimaste ferite nella fuga precipitosa durante le celebrazioni del Lag BaOmer.

Netanyahu, che lo ha descritto come uno dei “peggiori” disastri nella storia di Israele, ha annunciato che domenica sarà una “giornata nazionale di lutto” e ha espresso cordoglio alle famiglie delle vittime. Ha anche incontrato la polizia e altre persone coinvolte nelle operazioni di soccorso.

adv-667

“Quello che è successo qui è straziante. C’erano persone schiacciate a morte, compresi i bambini “, ha detto Netanyahu.

Nel frattempo, l’ufficio del presidente Reuven Rivlin ha invitato coloro che sono alla ricerca di persone ancora disperse a contattare l’ufficio presidenziale. “Faremo ogni sforzo per trovarli”, ha detto.

Il ministro della Sanità Yuli Edelstein ha visitato alcuni dei feriti allo Ziv Medical Center, nel nord di Israele, a Safed. Edelstein ha detto che quasi tutte le vittime erano state identificate, secondo i media israeliani.

L’incidente è avvenuto quando un gran numero di persone che cercavano di uscire dal sito si sono accalcate in uno stretto passaggio simile a un tunnel. Le persone hanno iniziato a cadere l’una sull’altra verso la fine della passerella, mentre scendevano scale di metallo scivolose, hanno detto i testimoni.

Chiuso lo scorso anno a causa delle restrizioni del coronavirus, il pellegrinaggio di quest’anno ha attirato decine di migliaia di persone che sono state viste ammassate insieme allegramente cantando, ballando e accendendo falò prima della calca mortale.

Le autorità avevano permesso a 10.000 persone di radunarsi sul sito della tomba del rabbino Shimon Bar Yochai, un saggio talmudico del secondo secolo, ma gli organizzatori hanno detto che più di 650 autobus erano stati noleggiati da tutto il paese, portando almeno 30.000 pellegrini al Monte Meron.

Eli Beer, direttore del servizio di soccorso di Hatzalah, ha detto alla stazione radio dell’esercito di essere rimasto inorridito da quanto fosse affollato l’evento, dicendo che il sito era attrezzato per gestire forse un quarto del numero che era lì.

Più tardi, venerdì, si sono svolti funerali a Gerusalemme e nella città prevalentemente ultra-ortodossa di Bnei Brak, dove uomini haredi con i tradizionali lunghi cappotti neri si sono allineati per le strade in lutto.

Shalom Levy, partecipando a un funerale, ha definito la fuga precipitosa “una tragedia per il popolo ebraico”.

Circa 5.000 poliziotti erano stati schierati per proteggere l’evento, il più grande raduno pubblico del paese durante la pandemia di coronavirus.

TAG: Benjamin Netanyahu, contestatori, Israele
adv-151
Articoli Correlati