adv-787
<< ESTERI

Il premier Draghi in Libia: “Garantire il cessate il fuoco”

| 7 Aprile 2021 | ESTERI

Il premier Mario Draghi ha esortato il governo libico a garantire che il cessate il fuoco del paese sia mantenuto prima delle elezioni previste per la fine dell’anno.

Nel suo primo viaggio all’estero da quando è entrato in carica a febbraio, Draghi ha tenuto colloqui con il primo ministro ad interim della Libia Abdul Hamid Dbeibeh a Tripoli.

Parlando ai giornalisti dopo l’incontro, Draghi ha detto che era un “prerequisito” per un cessate il fuoco firmato nell’ottobre dello scorso anno per “continuare e essere rigorosamente osservato”, aggiungendo che i due leader avevano parlato anche di immigrazione e cooperazione economica tra i due Paesi.

adv-333

Draghi stava seguendo le orme di altri leader europei che si erano recentemente incontrati con il nuovo governo ad interim della Libia.

L’amministrazione è entrata in carica il mese scorso con il mandato di migliorare i servizi in una nazione lacerata dalla guerra civile da quasi un decennio e di prepararsi per le elezioni del 24 dicembre.

Il fatto che la Libia, ex colonia italiana, sia stato il primo viaggio ufficiale di Draghi all’estero come premier è stata la prova di legami solidi e storici, ha detto.

“C’è il desiderio di un futuro, di ricominciare velocemente”, ha detto Draghi.

La Libia è precipitata nel caos quando una rivolta sostenuta dalla NATO nel 2011 ha rovesciato il governatore di lunga data Muammar Gheddafi, che in seguito è stato ucciso.

Il paese è stato negli ultimi anni diviso tra amministrazioni rivali con sede a est e ad ovest, ciascuna sostenuta da diversi gruppi armati e governi stranieri.

L’Italia era un sostenitore del precedente governo libico sostenuto dalle Nazioni Unite, anch’esso con sede a Tripoli.

Tuttavia, quel governo non è riuscito a ottenere l’accettazione nell’est del paese, dove il comandante militare rinnegato Khalifa Haftar domina, sostenuto da paesi come Russia, Egitto ed Emirati Arabi Uniti.

Draghi ha lodato gli sforzi della Libia per impedire a migranti e rifugiati di intraprendere pericolose traversate marittime per raggiungere l’Europa.

Ha detto che l’Unione europea è stata investita nella questione, aggiungendo che “non era solo geopolitica ma umanitaria”.

L’Italia, come membro dell’UE, ha collaborato con le istituzioni libiche locali per cercare di impedire alle persone di intraprendere traversate marittime verso l’Europa.

Molti di coloro che partono dalle coste libiche sperano di raggiungere l’Italia.

Negli ultimi anni, l’UE ha collaborato con la guardia costiera libica e altri gruppi locali per cercare di arginare le traversate.

I gruppi per i diritti, tuttavia, affermano che queste politiche lasciano migranti e rifugiati alla mercé di gruppi armati o rinchiusi in squallidi centri di detenzione pieni di abusi.

Il viaggio di Draghi è avvenuto tra le critiche di giornalisti e legislatori italiani per le intercettazioni telefoniche dei giornalisti durante le indagini sulla tratta di esseri umani con sede in Libia e sui gruppi di soccorso umanitario.

Le indagini risalgono a pochi anni fa, quando ex funzionari del governo italiano stavano reprimendo le navi di soccorso dei rifugiati nel Mediterraneo centrale.

Da parte sua, Dbeibah ha detto che la coppia ha accettato di prendere provvedimenti per riprendere completamente il traffico aereo commerciale tra i loro paesi e rendere più facile per i libici richiedere i visti per l’Italia.

TAG: #MarioDraghi, Abdul Hamid Dbeibeh, Libia, Tripoli
adv-44
Articoli Correlati