adv-784
<< EDITORIALE

Il trasformismo politico alle dipendenze dei tecnocrati

| 26 Febbraio 2021 | EDITORIALE

In politica si sa vince chi ha la maggioranza dei consensi, specialmente quelli del giorno prima quando diventano completamente differenti il giorno dopo. Un gioco che contrappone le sorti dei poteri di Palazzo al coerente fabbisogno del Paese. Ma proprio su questi concetti contrapposti la battaglia al Covid, è una delle ipotesi, ha messo in crisi il proseguo del Governo Conte.

Onestamente continuo a coltivare dei grandi dubbi sul cambio di governo soprattutto sulle motivazioni poi penso fortemente, senza ombra di dubbio, che Mario Draghi abbia delle qualità superiori a Conte che al momento da una continuità; è chiaro che fare un’analisi sia prematuro. Certo: i tempi sono strettissimi ma a oggi questa rivoluzione, francamente, non l’ho vista. Spero di vederla in meglio però il fatto stesso che ci sono 11 membri del precedente governo anche in questo, lascia intendere che lo stesso Draghi non abbia pensato: vado alla Presidenza del Consiglio cambiando tutto quello che è stato fatto.

E’ innegabile che Draghi sia sicuramente molto amato per le grandi qualità, ma il fatto che Draghi sia stimato dagli italiani significa che gli italiani con la loro maggioranza volessero un cambio della presidenza del Consiglio e un cambio del governo. Personalmente, su questa tesi, sono meno convinto.

adv-380

La mia non è una critica trasformista tantomeno tecnocratica nei confronti di Draghi tutt’altro, la mia critica qualitativa è rivolta alla squadra di governo precedente e a questa; sono tutti bravi ma faccio molta fatica a dire chi sono i migliori. Quindi non vedo al momento questo grande cambiamento, al contrario vedo una sorta di sollievo trasversale perché, finalmente, c’è un governo diverso dal precedente.

Allora credo che c’è una falla nel giudizio o negli appellativi che tutti i partiti si apostrofano come: Governo dei Migliori. Quella falla di nome ‘progetti’ che solo i Migliori dovranno giustificare alla pioggia di milioni in arrivo: Recovery Fun, Debito… certo sembra un’impresa visto che al momento una Governance non c’è. Ma c’è una falla nella velocizzazione del processo, ha fatto sì che partiti di sinistra e di destra si trovano tutti insieme a governare; persino quelli che fino a qualche settimana fa duellava con Salvini. No non vedo forme di complottismo ma bensì di trasformismo.

TAG: classe politica, Mario Draghi, partiti
adv-334
Articoli Correlati