fbpx
adv-658
<< ESTERI

Assassinato Lokman Slim, attivista politico e ricercatore sciita

| 5 Febbraio 2021 | ESTERI

Un importante editore libanese e critico del gruppo militante sciita Hezbollah è stato trovato ucciso a colpi d’arma da fuoco nella sua auto giovedì mattina, un’uccisione che ha suscitato timori di un ritorno alla violenza politica in questo paese attanagliato da sconvolgimenti economici.

Il corpo di Lokman Slim, 58 anni, attivista politico e ricercatore sciita di lunga data, è stato trovato accasciato sul sedile del passeggero con ferite multiple da colpi di arma da fuoco sparati a distanza ravvicinata, è quanto confermato dai funzionari forensi. Era scomparso da mercoledì.

Per i suoi amici, Slim era un impavido critico dei potenti politici libanesi, Hezbollah e dei suoi alleati Iran e Siria, e una delle principali risorse nella storia della guerra civile libanese. La sua uccisione ha fatto temere che le tensioni politiche del Libano potessero trasformarsi in una nuova ondata di omicidi.

I critici, tuttavia, hanno accusato Slim di seminare sedizione, di minare l’unità nazionale e di essere un sionista a causa delle sue critiche a Hezbollah. “Stava portando il peso di questo paese sulle spalle”, ha detto sua sorella Rasha al-Ameer ai giornalisti a casa loro dopo la notizia dell’omicidio. Ha detto che non ha fiducia nelle indagini locali e che la famiglia condurrà la propria indagine legale privata.

“Fino ad oggi nella storia del Libano, tutte le indagini sono finite in un vicolo cieco”, ha detto ai giornalisti. Sua moglie, Monika Borgmann, ha chiesto un’indagine internazionale. “Questo assassino deve essere punito”, ha detto Borgmann.

Le forze di sicurezza hanno trovato l’auto di Slim vicino al villaggio meridionale di Addoussieh, nella provincia di Sidone. Stava facendo visita ad amici in un villaggio del sud e la sera sarebbe tornato a Beirut.

Afif Khafajeh, un medico legale che ha ispezionato il corpo di Slim, ha detto che c’erano sei proiettili nel corpo di Slim: tre alla testa, uno al petto e uno alla schiena. Un funzionario della sicurezza sul posto ha detto che l’ID, il telefono e la pistola di Slim sono scomparsi. I funzionari hanno parlato a condizione di anonimato in linea con i regolamenti. Il suo telefono è stato poi ritrovato.

Il Libano ha una storia di crimini politici e violenza. Con l’aumento della tensione in mezzo alla crescente controversia politica e alla crisi economica, i funzionari hanno avvertito del ritorno della violenza e degli omicidi.

In precedenza, la moglie e la sorella di Slim avevano postato sui social media che non aveva risposto al telefono per ore. Al-Ameer ha detto di aver lasciato la casa di questi amici dopo le 20:00. La famiglia ha iniziato a preoccuparsi quando due ore dopo non era tornato a casa.

Al-Ameer ha lasciato intendere che Hezbollah fosse dietro l’omicidio, senza nominare il gruppo, aggiungendo che è noto chi controlla l’area in cui suo fratello è stato trovato morto. “Uccidere per loro è un’abitudine”, ha detto. Hezbollah e i suoi alleati dominano l’area nel sud del Libano.

Hezbollah ha condannato l’omicidio di Slim, chiedendo una rapida indagine. Ha anche esortato le agenzie di sicurezza a combattere i crimini che si dice si siano diffusi in tutto il Libano e che sono stati “sfruttati politicamente e dai media a scapito della sicurezza e della stabilità interna” – un colpo ai loro critici.

Il ministro dell’Interno Mohammad Fahmi, parlando alla stazione televisiva locale MTV, lo ha definito un “crimine orribile”. Il primo ministro custode Hassan Diab ha deplorato il “crimine odioso” e ha promesso una rapida indagine.

Ma in Libano, gli autori di violenza politica o corruzione non vengono quasi mai identificati o perseguiti. Un’indagine sulla massiccia esplosione nel porto di Beirut che ha ucciso 211 persone e sfigurato la capitale lo scorso agosto non ha ancora scoperto cosa l’ha causata e chi è il responsabile.

L’ambasciatore degli Stati Uniti in Libano Dorothy Shea ha detto che Slim ha parlato pubblicamente e in privato delle minacce fatte contro la sua vita, ma ha continuato il suo lavoro, spingendo per la giustizia, la responsabilità e lo stato di diritto in Libano. Ha definito l’omicidio un attacco allo stesso Libano e ha sollecitato una rapida inchiesta.

“In un paese che ha così disperatamente bisogno di riprendersi dalle molteplici crisi che deve affrontare, gli omicidi politici inviano esattamente il segnale sbagliato al mondo su ciò che rappresenta il Libano”, ha detto.

Anche il coordinatore speciale delle Nazioni Unite per il Libano Jan Kubis ha chiesto una rapida indagine. “Questa indagine non deve seguire lo schema dell’indagine sull’esplosione del porto di Beirut che a 6 mesi di distanza rimane inconcludente e senza responsabilità. La gente deve sapere la verità”, ha twittato Kubis.

Il vicedirettore di Amnesty International nella regione, Lynn Maalouf, ha detto che Slim è stato “la vittima di questo modello di impunità vecchio di decenni che ha assicurato che le uccisioni mirate passate e presenti di attivisti, giornalisti e intellettuali rimangano impunite, e per le quali lo stato libanese è in ultima analisi responsabile”.  Ha anche invitato il Libano a garantire un’indagine trasparente sull’omicidio.

Slim è nato nella periferia meridionale di Beirut, una roccaforte di Hezbollah, dove ha vissuto per tutta la vita. È tornato a casa dall’estero, quando la maggior parte delle persone se ne andava, durante la guerra del 2006 con Israele, quando i sobborghi venivano bombardati.

Ha fondato Umam, una casa di ricerca e produzione cinematografica con una biblioteca che documenta la storia del Libano e degli sciiti. La sua famiglia possiede una casa editrice e Slim ha ospitato dibattiti pubblici, forum politici e mostre d’arte, comprese mostre che documentano i dispersi della guerra civile. Lui e sua moglie hanno lavorato a un film che documenta le atrocità della famigerata prigione di Tadmor in Siria.

Nel 2009, lui e sua moglie hanno organizzato una visione privata presso il loro centro per una vignetta israeliana contro la guerra nominata all’Oscar sull’invasione israeliana del Libano nel 1982 e l’ascesa dell’allora presidente Bachir Gemayel, a dispetto di Hezbollah e delle autorità libanesi, che bandito.

Slim ha anche creato Haya Bina, o “Let’s go”, un gruppo che ha incoraggiato la partecipazione alle elezioni parlamentari del 2005, ha chiesto modifiche al sistema settario libanese e ha insegnato inglese alle donne.

“È una grande tragedia”, ha detto Makram Rabah, un caro amico e docente di storia. “Chiunque conosca Lokman sa chi sono i suoi nemici.”

Rabah ha detto che lui e Slim erano forti oppositori della presa di Hezbollah sul potere e hanno chiesto sovranità e diversità in Libano. Entrambi furono attaccati da un gruppo di giovani uomini durante un dibattito pubblico al culmine delle proteste antigovernative nel 2019. Slim all’epoca accusava i sostenitori di Hezbollah di essere dietro l’attacco.

Slim ha anche accusato i sostenitori di Hezbollah, giorni prima dell’attacco, di averlo minacciato a casa sua, di aver organizzato manifestazioni e di aver appeso poster alle pareti accusandolo di tradimento.

Alex Rowell, direttore del sito in lingua inglese al-Jumhuriya, ha detto che Slim ha sempre creduto di essere al sicuro da danni fisici. La sua uccisione lascerebbe molti incapaci di dormire facilmente in Libano, ha detto Rowell.

“Nel ricordo del sorriso impavido di Lokman, tuttavia, possono trovare coraggio – e nelle sagome dei suoi assassini codardi possono conoscere il loro nemico”, ha detto.

TAG: assassinio, Beirut, Libano, Lokman Slim
adv-493
Articoli Correlati