fbpx
adv-458
<< ESTERI

Gli USA bloccano la vendita di armi all’estero. Anche gli F-35 agli Emirati Arabi Uniti

| 28 Gennaio 2021 | ESTERI

L’amministrazione Biden ha sospeso temporaneamente diverse importanti vendite di armi straniere avviate dall’ex presidente Donald Trump.

I funzionari dicono che tra gli accordi in pausa c’è un massiccio trasferimento di 23 miliardi di dollari di caccia stealth F-35 negli Emirati Arabi Uniti. Quella vendita e molti altri massicci acquisti di armi statunitensi da parte dei paesi arabi del Golfo erano stati duramente criticati dai Democratici al Congresso. I funzionari non hanno identificato le altre vendite che erano state temporaneamente sospese.

La nuova amministrazione sta esaminando le vendite, ma non ha deciso se andranno effettivamente a buon fine, ha detto il Dipartimento di Stato. Ha definito la pausa “un’azione amministrativa di routine” che la maggior parte delle amministrazioni in entrata intraprende con le vendite di armi su larga scala.

“Il dipartimento sta temporaneamente sospendendo l’implementazione di alcuni trasferimenti e vendite per la difesa degli Stati Uniti in sospeso nell’ambito delle vendite militari straniere e delle vendite commerciali dirette per consentire alla leadership in arrivo un’opportunità di riesame”, ha affermato il dipartimento.

“Questa è un’azione amministrativa di routine tipica di quasi tutte le transizioni e dimostra l’impegno dell’Amministrazione per la trasparenza e il buon governo, oltre a garantire che le vendite di armi statunitensi soddisfino i nostri obiettivi strategici di costruire partner di sicurezza più forti, interoperabili e più capaci”, ha affermato.

Nei suoi mesi calanti, l’amministrazione Trump ha autorizzato decine di miliardi di dollari nella vendita di nuove armi, incluso l’annuncio di piani per inviare 50 F-35 negli Emirati Arabi Uniti. Quell’annuncio è arrivato poco dopo che Trump ha perso le elezioni del 6 novembre contro l’attuale presidente Joe Biden e ha seguito la firma degli accordi di Abraham tra Israele, Bahrein e Emirati Arabi Uniti, in base ai quali gli stati arabi hanno accettato di normalizzare le relazioni con Israele.

I critici del Congresso hanno espresso disapprovazione per tali vendite, incluso un importante accordo con l’Arabia Saudita, che l’allora Segretario di Stato Mike Pompeo ha portato avanti dopo aver aggirato i legislatori dichiarando che un’emergenza lo richiedeva. I critici hanno affermato che le armi potrebbero essere utilizzate per perseguire la guerra dell’Arabia Saudita nello Yemen, che è la sede di una delle peggiori crisi umanitarie del mondo.

Meno di un mese dopo l’annuncio della vendita degli Emirati Arabi Uniti del 10 novembre, il tentativo di bloccare l’accordo è fallito al Senato, che non è riuscito a fermarlo.

I senatori hanno sostenuto che la vendita delle attrezzature per la difesa si era svolta troppo rapidamente e con troppe domande. L’amministrazione l’ha pubblicizzato come un modo per scoraggiare l’Iran, ma gli Emirati Arabi Uniti sarebbero diventati la prima nazione araba – e solo il secondo paese in Medio Oriente, dopo Israele – a possedere gli aerei da guerra invisibili.

TAG: armi, emirati arabi uniti, F-35, Presidente Joe Biden, USA
adv-918
Articoli Correlati