adv-415
<< ESTERI

Petroliera sudcoreana sequestrata dalla Guardia Rivoluzionaria iraniana

| 11 Gennaio 2021 | ESTERI

Una delegazione diplomatica sudcoreana è arrivata in Iran domenica per negoziare il rilascio di una nave e del suo equipaggio sequestrati dalle forze iraniane durante un’escalation di controversie finanziarie tra i paesi, hanno riferito i media statali iraniani.

Il sequestro di una petroliera battente bandiera sudcoreana da parte della Guardia rivoluzionaria iraniana nel cruciale Stretto di Hormuz è avvenuto mentre i funzionari iraniani hanno sollecitato la Corea del Sud a rilasciare circa 7 miliardi di dollari di beni bloccati nelle banche del paese a causa delle sanzioni americane. Sembrava che la Repubblica islamica stesse cercando di aumentare la sua influenza su Seoul in vista del viaggio regionale pre-programmato della Corea del Sud, che includeva uno scalo in Qatar.

L’Iran mantiene la petroliera e il suo equipaggio di 20 membri sono stati fermati nella foce del Golfo Persico a causa “dell’inquinamento ambientale” della nave, una richiesta respinta dall’armatore della nave. L’equipaggio, che comprende marinai provenienti da Indonesia, Myanmar, Corea del Sud e Vietnam, resta in custodia nella città portuale di Bandar Abbas, vicino allo Stretto di Hormuz.

Un diplomatico sudcoreano con sede in Iran ha incontrato uno dei membri dell’equipaggio, un sudcoreano, la scorsa settimana, secondo il portavoce del ministero degli Esteri sudcoreano Choi Young-sam. Il membro dell’equipaggio ha detto al diplomatico che lui e altri 19 marinai erano tutti al sicuro e non hanno subito alcun maltrattamento. La Corea del Sud ha chiesto all’Iran di fornire prove a sostegno della sua affermazione secondo cui la nave sudcoreana ha violato i protocolli ambientali, ha aggiunto.

Secondo l’agenzia di stampa semi-ufficiale ISNA, i diplomatici dell’Iran e del Myanmar, che avevano 11 cittadini sulla nave, si stavano incontrando separatamente a Delhi, in India, per negoziare il rilascio dei marinai birmani a bordo.

I media statali iraniani hanno annunciato l’arrivo del primo vice ministro degli Esteri Choi Jong-kun con una foto che lo mostrava mentre incontrava la sua controparte iraniana. Non era chiaro quanto sarebbe durata la visita.

La delegazione sudcoreana, compresi i rappresentanti della Banca centrale di Seoul, è stata fissata lunedì per incontrare il capo della Banca centrale iraniana Abdolnasser Hemmati per discutere dei fondi intrappolati, ha riferito l’agenzia di stampa semi-ufficiale Mehr. Nelle ultime settimane, Hemmati si è lamentato del fatto che l’Iran stava lottando per trasferire circa $ 220 milioni detenuti nelle banche sudcoreane per pagare i vaccini COVID-19 attraverso COVAX, un programma internazionale progettato per distribuire i vaccini contro il coronavirus ai paesi partecipanti.

“È nostro diritto naturale essere in grado di utilizzare questo denaro”, ha detto Hemmati domenica. “Ci auguriamo che anche la pressione americana diminuisca”.

Il sequestro della nave è stato l’ultimo di una serie di escalation nei giorni calanti dell’amministrazione del presidente Donald Trump, che ha ritirato unilateralmente gli Stati Uniti dall’accordo nucleare di Teheran nel 2018 e ha reimpostato le sanzioni che l’accordo aveva sospeso. La scorsa settimana, l’Iran ha aumentato i livelli di arricchimento dell’uranio a Fordo, il suo impianto nucleare sotterraneo chiave, portando il paese a un passo tecnico lontano dai livelli di purezza per armi del 90%.

TAG: Corea del Sud, Iran, Petroliera
adv-389
Articoli Correlati