adv-960
<< ESTERI

Facebook blocca gli account francesi e russi in Africa

| 18 Dicembre 2020 | ESTERI

Individui legati alla Russia e all’esercito francese hanno utilizzato falsi account Facebook e Instagram per condurre una campagna di disinformazione segreta nella Repubblica Centrafricana prima delle elezioni di questo mese, ha annunciato Facebook questa settimana.

Facebook ha affermato di aver rimosso centinaia di account e gruppi collegati a Francia e Russia accusati di “comportamento non autentico coordinato” nella Repubblica centrafricana e in altri paesi in Africa e Medio Oriente.

Mentre gli account rintracciati in Russia sono stati ripetutamente accusati di tale attività, Facebook ha dichiarato che questa è la prima volta che ha intrapreso un’azione contro una rete legata a individui associati a un governo occidentale. In passato è intervenuta contro le reti legate ai partiti politici occidentali.

La mossa di Facebook è arrivata prima delle elezioni del 27 dicembre nella Repubblica Centrafricana, che Facebook ha identificato come il principale obiettivo della disinformazione, in un momento in cui sia la Francia che la Russia stavano lottando per l’influenza nella regione.

La società ha detto che i suoi investigatori hanno rintracciato i conti francesi a “individui associati a militari francesi”. Tuttavia, Nathaniel Gleicher, capo della politica di sicurezza di Facebook, ha dichiarato in una dichiarazione che “non abbiamo visto prove che l’esercito francese stesso abbia diretto l’attività”.

Graphika, una società di analisi dei social media di New York City che ha indagato sugli account con Facebook, ha affermato di non aver trovato prove di un coinvolgimento istituzionale diretto da parte del governo o dell’esercito francese.

L’esercito francese ha dichiarato giovedì in una dichiarazione all’Associated Press che “condanna fermamente” tali sforzi di disinformazione e sta lavorando a fianco delle Nazioni Unite e dei partner europei per portare la pace nella Repubblica centrafricana.

“Stiamo esaminando i risultati (dell’indagine Facebook-Graphika), ma in questa fase non siamo in grado di confermare alcuna responsabilità. Ci sono molti soggetti coinvolti in questa lotta, pubblici e civili, il che rende difficile valutare chiaramente la situazione”, afferma il comunicato.

La Francia era una volta la potenza coloniale nella Repubblica Centrafricana e nei paesi vicini che anche Facebook ha identificato come bersaglio. Anche le aziende russe hanno interessi crescenti nella regione.

Facebook ha affermato di aver rimosso le reti per “aver violato la nostra politica contro l’interferenza straniera o governativa che è un comportamento non autentico coordinato (CIB) per conto di un’entità straniera o governativa”.

I funzionari russi non hanno commentato pubblicamente.

Facebook ha affermato che la sua indagine ha trovato collegamenti a persone associate all’Internet Research Agency russa, una cosiddetta fattoria dei troll accusata di ingerenza nelle elezioni statunitensi del 2016, e all’uomo d’affari russo Yevgeny Prigozhin, che ha legami con il Cremlino ed è stato incriminato dalla giustizia degli Stati Uniti. Dipartimento Prigozhin ha ripetutamente negato qualsiasi collegamento con la fattoria dei troll e le sue attività.

Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha sanzionato le imprese minerarie e i dipendenti legati a Prigozhin nella Repubblica Centrafricana e afferma che le sue attività commerciali sono coordinate con il governo russo. In una dichiarazione pubblicata questa settimana sui social network russi in risposta alle domande dei media, Prigozhin ha affermato che Facebook è uno strumento delle agenzie di intelligence statunitensi e “un gruppo di oligarchi” che serve a promuovere gli interessi americani in tutto il mondo.

Facebook ha dichiarato di aver rimosso la rete di account che cercavano di immischiarsi nella Repubblica Centrafricana, che erano tra i quasi 500 account Facebook e Instagram non autentici, pagine e gruppi che prendevano di mira utenti in diverse nazioni africane e del Medio Oriente con post su COVID-19, politica o militare.

“Anche se in passato abbiamo visto operazioni di influenza indirizzare le stesse regioni, questa è stata la prima volta che il nostro team ha scoperto che due campagne, Francia e Russia, si impegnano attivamente l’una con l’altra”, ha affermato Facebook nel suo rapporto sulle reti.

Nella Repubblica Centrafricana, le operazioni duellanti dei troll francesi e russe hanno cercato di contrastarsi a vicenda con post su Facebook, e in alcuni punti hanno cercato di smascherare l’altro, secondo un rapporto di Graphika.

L’operazione russa, condotta principalmente in francese, ha pubblicato video pro-Cremlino e ha applaudito il presidente in carica della Repubblica centrafricana Faustin-Archange Touadéra, secondo Graphika.

L’operazione francese, nel frattempo, si è allontanata dal parlare delle prossime elezioni nei posti. È iniziato già nel maggio 2018, concentrandosi sulla Repubblica centrafricana e sulla sicurezza in Mali.

Una pagina russa che promuoveva Touadéra aveva 50.000 follower. Nel frattempo, il più grande seguito di un gruppo francese accumulato nella Repubblica Centrafricana era di 34 seguaci.

“La rimozione di Facebook segna una rara esposizione di operazioni rivali da due diversi paesi che si scontrano per avere influenza su un paese terzo”, ha detto Graphika in una dichiarazione.

TAG: account, africa, Facebook
adv-67
Articoli Correlati