adv-951
<< ESTERI

Il neo presidente Joe Biden: “L’America è tornata”

| 12 Novembre 2020 | ESTERI

I leader degli stretti alleati degli Stati Uniti hanno telefonato al presidente eletto Joe Biden e si sono impegnati a lavorare insieme ma in una pausa straordinaria, il massimo diplomatico americano Mike Pompeo ha insistito che Donald Trump sarebbe rimasto al potere.

Il primo ministro britannico Boris Johnson, il presidente francese Emmanuel Macron e il cancelliere tedesco Angela Merkel si sono tutti congratulati nelle chiamate a Biden, che una settimana prima ha eliminato Trump alle elezioni presidenziali.

“Sto facendo loro sapere che l’America è tornata. Torneremo in gioco. Non è solo l’America”, ha detto Biden ai giornalisti nel suo stato natale del Delaware.

adv-945

Il team di transizione ha affermato che Biden ha pianificato di lavorare con gli europei per combattere la pandemia di Covid-19 e il cambiamento climatico, una delle molte aree in cui Trump differiva nettamente dagli alleati.

Alla chiamata con la Merkel, che è stata ferita da Trump per la sua accoglienza dei migranti e per le modeste spese per la difesa della Germania, Biden in una dichiarazione “ha elogiato la sua leadership” e ha chiesto “rivitalizzare le relazioni transatlantiche”.

Johnson, che aveva un rapporto affettuoso con Trump, ha parlato per 20 minuti con Biden e in seguito ha scritto su Twitter che sperava di lavorare con lui per “ricostruire meglio dalla pandemia”, utilizzando lo slogan della campagna dei Democratici.

Tutti i colleghi leader del Gruppo delle sette democrazie industrializzate si sono congratulati con Biden così come alcuni dei più stretti alleati di Trump, tra cui il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman.

I media statunitensi hanno concluso sabato che Biden ha goduto di indizi inattaccabili nei principali stati e di un vantaggio dominante nel voto popolare nazionale.

Ma Trump si è rifiutato di concedere e ha promesso sfide legali, affermando senza prove che ci fosse una massiccia frode elettorale.

Pompeo, il segretario di stato di Trump, ha chiarito che la posizione di Trump era la politica ufficiale del governo mentre accantonava una domanda sul fatto che stesse collaborando con il team di transizione di Biden.

“Ci sarà una transizione graduale a una seconda amministrazione Trump”, ha detto Pompeo in una conferenza stampa a volte stizzosa.

Ha detto che “il mondo dovrebbe avere piena fiducia” nel funzionamento del governo degli Stati Uniti nel periodo precedente e dopo l’inaugurazione del 20 gennaio.

Alla domanda se gli Stati Uniti possano ancora rilasciare dichiarazioni che sollecitano libere elezioni in tutto il mondo, Pompeo ha definito la questione “ridicola” e ha detto che gli Stati Uniti stanno seguendo le procedure standard.

Parlando in seguito a Fox News, Pompeo ha commentato le chiamate di congratulazioni dei leader mondiali a Biden, dicendo “se si tratta solo di dire ‘ciao’, suppongo che non sia troppo difficile”.

“Ma non commettere errori, abbiamo un presidente, un segretario di stato, una squadra di sicurezza nazionale alla volta”.

Chuck Schumer, il massimo democratico al Senato, ha detto che Pompeo non era in contatto con la realtà.

“Il segretario Pompeo, Joe Biden ha vinto. Ha vinto le elezioni. Ora vai avanti “, ha detto Schumer ai giornalisti.

L’incapacità di Trump di concedere non ha valore legale in sé, ma la General Services Administration, l’agenzia solitamente di basso profilo che gestisce la burocrazia di Washington, si è rifiutata di firmare la transizione, bloccando i finanziamenti e le istruzioni sulla sicurezza.

Pompeo stava facendo il suo primo commento pubblico sull’esito delle elezioni. Il giorno prima, Trump ha licenziato il segretario alla Difesa Mark Esper, che da tempo considerava insufficientemente fedele.

La posizione di Pompeo sarà messa alla prova mentre partirà venerdì per un tour di sette nazioni di alleati che si sono congratulati con Biden.

Si dirigerà prima in Francia e poi in Turchia, seguita dall’ex repubblica sovietica della Georgia. Si dirigerà quindi in Israele e in tre alleati arabi del Golfo: Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Qatar.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan martedì è diventato l’ultimo leader a congratularsi con Biden, nonostante i voti del presidente eletto di aumentare la pressione su Erdogan, che ha definito un “autocrate”.

Russia, Cina, Messico e Brasile sono tra le uniche grandi nazioni che non si sono congratulate con Biden.

TAG: dialogo con l'Europa, Presidente Joe Biden, UE, USA
adv-603
Articoli Correlati