martedì, Ottobre 20, 2020
Home ESTERI Nazioni Unite: nessuna reimpostazione delle sanzioni contro l'Iran

Nazioni Unite: nessuna reimpostazione delle sanzioni contro l’Iran

-

Il segretario generale Antonio Guterres afferma che le Nazioni Unite non sosterranno la reimpostazione delle sanzioni contro l’Iran come chiedono gli Stati Uniti fino a quando non avrà il via libera dal Consiglio di sicurezza.

Il capo delle Nazioni Unite ha dichiarato in una lettera al presidente del Consiglio che “sembrerebbe esserci incertezza” sul fatto che il Segretario di Stato americano Mike Pompeo abbia attivato o meno il meccanismo di “snapback” nella risoluzione del Consiglio di sicurezza che ha sancito l’Accordo nucleare del 2015 tra l’Iran e sei grandi potenze.

L’amministrazione Trump ha dichiarato sabato che tutte le sanzioni delle Nazioni Unite contro l’Iran sono state ripristinate, una mossa che la maggior parte del resto del mondo rifiuta come illegale ed è probabile che la ignori. 

L’annuncio degli Stati Uniti susciterà sicuramente polemiche durante le riunioni annuali ad alto livello dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite a partire da lunedì, che si terrà principalmente praticamente quest’anno a causa della pandemia COVID-19. 

L’annuncio degli Stati Uniti è arrivato 30 giorni dopo che Pompeo aveva notificato al consiglio che l’amministrazione stava attivando uno “snapback” perché l’Iran era in una “significativa inadempienza” con i suoi obblighi ai sensi dell’accordo, noto come Piano d’azione globale congiunto, o JCPOA.

Ma la stragrande maggioranza dei membri del consiglio delle 15 nazioni definisce illegale l’azione degli Stati Uniti perché il presidente Donald Trump ha ritirato gli Stati Uniti dal piano nel 2018.

Indicano la risoluzione 2231 del Consiglio di sicurezza, che ha approvato l’accordo nucleare. Afferma che “uno stato partecipante JCPOA” può attivare il meccanismo di “snapback”. Gli Stati Uniti insistono sul fatto che come partecipante originale hanno il diritto legale, anche se hanno cessato di partecipare.

Guterres ha osservato nella lettera che “il Consiglio di sicurezza non ha intrapreso alcuna azione successiva al ricevimento della lettera del Segretario di Stato americano, né l’hanno fatto nessuno dei suoi membri o il suo presidente”.

Ha detto che la maggioranza dei membri del consiglio ha scritto al presidente del consiglio “dicendo che la lettera non costituiva una notifica” che lo “snapback” è stato attivato. E ha detto che i presidenti del consiglio di agosto e settembre “hanno indicato di non essere in grado di intraprendere alcuna azione al riguardo”.

Pertanto, Guterres ha detto: “Non spetta al segretario generale procedere come se non esistesse tale incertezza”.

Il Segretariato delle Nazioni Unite, che è a capo di Guterres, fornisce supporto al Consiglio di sicurezza nell’implementazione delle sanzioni, compresa la creazione di comitati e gruppi di esperti per monitorare la loro attuazione insieme a siti web sulla natura delle sanzioni e liste di quelli nelle liste nere delle sanzioni. 

Guterres ha detto che le Nazioni Unite non intraprenderanno alcuna azione “in attesa di chiarimenti da parte del Consiglio di sicurezza” sull’opportunità o meno di reimpostare le sanzioni che sono state revocate.

In base alla disposizione “snapback”, le sanzioni ONU alleggerite o revocate dall’accordo nucleare vengono reimpostate e devono essere applicate dagli Stati membri delle Nazioni Unite. Questi includerebbero colpire l’Iran con sanzioni per l’arricchimento dell’uranio a qualsiasi livello, l’attività dei missili balistici e l’acquisto o la vendita di armi convenzionali.

Tali divieti sono stati rimossi o scaduti in base ai termini dell’accordo del 2015 in cui all’Iran sono stati concessi miliardi di dollari in sgravi delle sanzioni in cambio di freni al suo programma nucleare.

Cina e Russia sono state particolarmente irremovibili nel rifiutare la posizione degli Stati Uniti, ma nemmeno gli alleati degli Stati Uniti sono stati timidi.

In una lettera inviata venerdì al presidente del Consiglio di sicurezza, Gran Bretagna, Francia e Germania – i tre partecipanti europei che rimangono impegnati nell’accordo – hanno affermato che l’annuncio degli Stati Uniti “non può avere effetto legale”, quindi non può reimporre le sanzioni contro l’Iran.

Il vice ambasciatore della Russia alle Nazioni Unite, Dmitry Polyanskiy, ha detto che gli Stati Uniti si sono solo isolati. “È molto doloroso vedere come un grande paese si umilia in questo modo, si oppone nel suo delirio ostinato ad altri membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite”, ha scritto su Twitter.

Nella sua stessa lettera al Consiglio di sicurezza di sabato, l’Iran ha affermato che la mossa degli Stati Uniti “è nulla e non valida, non ha valore legale ed effetto ed è quindi completamente inaccettabile”.

La Casa Bianca prevede di emettere lunedì un ordine esecutivo che spieghi come gli Stati Uniti applicheranno le sanzioni ripristinate, e ci si aspetta che i dipartimenti di Stato e del Tesoro delineano come le persone e le imprese straniere saranno penalizzate per le violazioni.

“Gli Stati Uniti si aspettano che tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite rispettino pienamente i loro obblighi di attuare queste misure”, ha detto Pompeo. “Se le Nazioni Unite e gli Stati membri non adempiono ai loro obblighi di attuare queste sanzioni, gli Stati Uniti sono pronti a utilizzare le nostre autorità nazionali per imporre conseguenze per quei fallimenti e garantire che l’Iran non raccolga i benefici dell’attività proibita dalle Nazioni Unite”.

Non è chiaro come reagirà l’amministrazione all’essere ignorata, in particolare dai suoi alleati europei, che si sono impegnati a mantenere in vita l’accordo nucleare. Un rifiuto totale della posizione degli Stati Uniti potrebbe spingere l’amministrazione, che si è già ritirata da molteplici agenzie, organizzazioni e trattati delle Nazioni Unite, più lontano dalla comunità internazionale.

4,102FansLike
1,168FollowersFollow
- Advertisment -

I Più Letti

Conte: Manovra per ridare fiducia. Gualtieri: Assegno unico fino a 200...

0
La manovra "ha due obiettivi, sostegno e rilancio dell'economia, abbiamo elaborato un progetto che guarda a restituire fiducia e sviluppo al paese". Così il...

editoriale

Il nuovo dramma delle donne migranti negli USA: la sterilizzazione

0
Secondo un rapporto riferito, dozzine di donne migranti detenute in un centro di detenzione negli Stati Uniti hanno subito un intervento chirurgico per rimuovere...