martedì, Settembre 22, 2020
Home ESTERI Aiuti solo al popolo libanese, Macron: "aiuti non cadranno in mani corrotte"

Aiuti solo al popolo libanese, Macron: “aiuti non cadranno in mani corrotte”

Il presidente Macron: "Aiuteremo solo il popolo libanese non il suo governo"

-

Ospedali e scuole, poi tubi dell’acqua frantumati e piegati, poi il cratere che un tempo era il porto del Libano.

Le esigenze di ricostruzione del Libano sono immense, ma lo è anche la questione di come garantire che i milioni di dollari promessi in aiuti internazionali non vengano dirottati in un paese noto per la mancanza di denaro, i progetti infrastrutturali invisibili e il suo rifiuto di aprire i libri.

E il porto, l’epicentro dell’esplosione che ha distrutto Beirut, il centro dell’economia libanese basata sulle importazioni e una fonte di innesto così redditizio che le fazioni politiche libanesi erano disposte a dividere il suo controllo in modo che tutti potessero ottenere un pezzo, è al centro delle paure.

La teleconferenza internazionale dei donatori di domenica ha raccolto un totale di 252,7 milioni di euro in aiuti di emergenza, è quanto hanno dichiarato gli organizzatori.

La conferenza è stata ospitata dal presidente francese Emmanuel Macron, che è stato assalito la scorsa settimana dalle vittime in lacrime dell’esplosione di nitrato di ammonio di Beirut, pregandolo di garantire che la corruzione che incolpano per l’esplosione che ha devastato la capitale non tragga profitto dalla sua distruzione. La presidenza francese ha detto che la Francia ha contribuito con 30 milioni di euro.

Il capo del Fondo monetario internazionale, che vuole un audit della banca nazionale prima di consegnare denaro, è stato chiaro: niente soldi senza modifiche per garantire che i libanesi ordinari non siano schiacciati da debiti di cui non vedono mai i benefici.

“Le generazioni attuali e future di libanesi non devono essere gravate da più debiti di quanti ne possano mai ripagare”, ha detto durante la conferenza il capo del FMI Kristalina Georgieva. “L’impegno in queste riforme sbloccherà miliardi di dollari a beneficio del popolo libanese”.

Leader internazionali, funzionari governativi e organizzazioni internazionali hanno partecipato domenica alla teleconferenza co-organizzata da Francia e Nazioni Unite per portare aiuti di emergenza in Libano, compreso il presidente Donald Trump.

La diplomazia internazionale di solito richiede un linguaggio attento. I voti truccati sono “irregolari”. La risposta a furiose proteste dovrebbe essere “misurata”. La scomparsa dei fondi richiede “trasparenza”.

Ma la risposta di Macron alla folla a Beirut e in un discorso successivo è stata insolitamente schietta: gli aiuti “non cadranno in mani corrotte” e il governo screditato del Libano deve cambiare.

A breve termine, gli aiuti in arrivo in Libano sono puramente destinati alle emergenze umanitarie e relativamente facili da monitorare. Gli Stati Uniti, la Francia, la Gran Bretagna, il Canada e l’Australia, tra gli altri, sono stati chiari sul fatto che si stanno rivolgendo direttamente a gruppi di aiuto locali di fiducia come la Croce Rossa libanese o le agenzie delle Nazioni Unite.

“Il nostro aiuto non va assolutamente al governo. Il nostro aiuto sta andando al popolo del Libano”, ha detto John Barsa di USAID.

Ma la ricostruzione effettiva richiede massicce importazioni di forniture e attrezzature. I contratti e i subappalti hanno dato all’élite al potere del Libano la sua ricchezza e il suo potere, lasciando il paese con strade fatiscenti, tagli regolari dell’elettricità, immondizia che si accumula per le strade e rifornimenti d’acqua intermittenti.

“Il livello delle infrastrutture in Libano è oggi direttamente collegato al livello di corruzione”, ha detto Neemat Frem, un importante uomo d’affari libanese e membro indipendente del parlamento. “Abbiamo un disperato bisogno di più dollari, ma mi risulta che lo stato libanese e le sue agenzie non siano competenti”.

Il Libano ha un debito accumulato di circa 100 miliardi di dollari, per una popolazione di poco meno di 7 milioni di persone – 5 milioni di libanesi e 2 milioni di siriani e palestinesi, la maggior parte dei quali rifugiati. La sua compagnia elettrica, controllata come il porto da più fazioni, registra perdite di 1,5 miliardi di dollari all’anno, sebbene Frem abbia affermato che la maggior parte delle fabbriche paga per i propri generatori perché l’alimentazione è più spenta di quanto non sia accesa.

“C’è uno grande e uno piccolo furto in Libano. I piccoli furti in Libano esistono, ma non è questo che ha messo il paese nel buco in cui ci troviamo”, ha detto Nadim Houry, direttore esecutivo della Arab Reform Initiative.

Gli aiuti precedenti, ha detto Houry, sono finiti come uno strumento nelle mani dei leader politici, che hanno mantenuto la loro fetta e distribuito lavoro e denaro ai sostenitori.

I manifestanti, stanchi delle piccole umiliazioni che sopportano per superare un giorno – il 37% delle persone riferisce di dover pagare tangenti, rispetto al 4% nella vicina Giordania, secondo Transparency International – e la questione più ampia di uno stato al collasso, stanno andando dopo tutti e due.

“Il pubblico sarà incredibilmente diffidente nei confronti del modo in cui questo viene fatto, e penso che sia giusto”, ha affermato Frank Vogl, co-fondatore di Transparency International e presidente del Fondo per la partnership per la trasparenza.

Sabato hanno sequestrato gli uffici del ministero dell’Economia, portando via file che secondo loro avrebbero mostrato corruzione nella vendita e distribuzione di grano. Le scorte di grano del Libano, immagazzinate vicino al magazzino pieno di nitrato di ammonio, sono andate distrutte nell’esplosione.

“Abbiamo restituito al popolo libanese il ministero dell’economia”, gridò un uomo mentre frugavano tra i banchi.

Julien Courson, capo della Lebanon Transparency Association, ha detto che le organizzazioni non profit del paese stanno formando una coalizione per monitorare come vengono spesi i fondi per i soccorsi. Ha stimato che il Libano perde 2 miliardi di dollari all’anno a causa della corruzione.

“I decisori e i dipendenti pubblici che si occupano di questi fascicoli sono ancora nelle loro posizioni. Fino ad ora, non abbiamo visto alcuna soluzione al problema”, ha detto.

Un primo passo sarebbe una stanza di compensazione online per ogni contratto legato alla ricostruzione, ha detto Courson. E il primo progetto deve essere altamente visibile e diffondere ampiamente i vantaggi, ha affermato Christiaan Poortman, presidente del consiglio di amministrazione di Infrastructure Transparency Initiative.

“Questo aiuterà a tenere a distanza alcune delle cose politiche”, ha detto Poortman. “I donatori dovranno essere in cima a questo. Il problema degli appalti è sempre il luogo in cui si verifica molta corruzione… deve essere fatto rapidamente, e c’è sempre la tentazione di non seguire le regole e andare avanti e fare qualcosa in cui molte persone guadagneranno molto di soldi.”

Parlando a una conferenza stampa in cui non è apparso in modo evidente accanto al presidente libanese Michel Aoun, Macron ha detto che si stava avvicinando al Libano con “le esigenze di un amico che si precipita ad aiutare, quando i tempi sono duri, ma non per dare un assegno in bianco ai sistemi che non hanno più la fiducia della loro gente”.


close







close






4,104FansLike
1,171FollowersFollow
- Advertisment -

I Più Letti

Luca Zaia recordman in Veneto, batte anche la Lega

0
Nel Veneto di Luca Zaia nemmeno la Lega, il suo partito, ha più vita facile. Il governatore si avvia a stra-vincere queste elezioni regionali,...

editoriale

Il nuovo dramma delle donne migranti negli USA: la sterilizzazione

0
Secondo un rapporto riferito, dozzine di donne migranti detenute in un centro di detenzione negli Stati Uniti hanno subito un intervento chirurgico per rimuovere...