Le città americane sono isolate e sotto tensione

L'America nel caos e Trump viene scortato in un bunker sotterraneo

352

Temendo di essere spazzato via in una spirale di violenza incontrollabile, New York, Washington, Los Angeles e dozzine di altre città americane da lunedì hanno rafforzato le loro misure di sicurezza, decretando un coprifuoco notturno.

Una settimana dopo l’omicidio a Minneapolis di George Floyd, un uomo di colore di 46 anni, asfissiato da un ufficiale di polizia bianco dopo l’esito di una doppia autopsia, la rabbia si è diffusa in tutto il paese e la tensione regna uniformemente.

George Floyd

Di fronte a una situazione senza precedenti di disturbo dell’ordine pubblico aggiunta alla pandemia di coronavirus, il presidente Donald Trump ha esortato i governatori degli stati federati a resistere ai ribelli che saccheggiano, compresi tutti i manifestanti sotto il termine di “anarchici”.

Dalla Casa Bianca con l’aria di un campo trincerato, il miliardario repubblicano ha invitato le autorità a “prendere il sopravvento” sui manifestanti che, a decine o addirittura centinaia di migliaia, hanno manifestato sabato e domenica contro la brutalità della polizia, il razzismo e la disuguaglianza sociale, esacerbato dalla crisi di Covid-19.

La prima città del paese, New York, ha annunciato che raddoppierà le forze di polizia e introdurrà un coprifuoco dalle 23:00 di lunedì alle 5:00 di martedì.

A Washington, dopo una notte di caos e anche l’imposizione di un coprifuoco, i dintorni della Casa Bianca hanno offerto in alcuni luoghi uno spettacolo di desolazione: vetrine rotte, bidoni della spazzatura bruciati, facciate etichettate.

L’immagine del famoso edificio, sede dell’esecutivo americano, immerso nell’oscurità ma circondato da diverse luci volontarie, segnerà gli spiriti. Il presidente Trump è stato persino condotto in un bunker sotterraneo sicuro durante la notte da venerdì a sabato.

Da Boston a Los Angeles, da Filadelfia a Seattle, il movimento di protesta è stato per lo più pacifico durante il giorno, ma ha anche provocato incendi notturni e distruzione su larga scala.

La fonte della rabbia è il calvario subito da George Floyd, che durante il suo arresto è stato soffocato, ammanettato e steso a terra, sotto il ginocchio di un ufficiale di polizia, i cui colleghi sono rimasti passivi.

Floyd è morto di soffocamento a causa di “forti e prolungate pressioni” sul collo e sulla gabbia toracica, ha detto Ben Crump, avvocato della famiglia, rivelando i risultati di un’autopsia indipendente.

L’autopsia ufficiale, resa pubblica nel processo, ha anche riscontrato una pressione letale sul collo dell’afroamericano, causando un arresto cardiaco.

Né il licenziamento dell’agente Derek Chauvin, colpevole dell’errore, né il suo successivo arresto hanno calmato gli spiriti, al contrario: le proteste si sono diffuse in almeno 140 città americane.

Di fronte a scontri che mescolavano manifestanti, teppisti e forze antisommossa, i soldati della Guardia Nazionale sono stati dispiegati in più di due dozzine di metropoli, in un clima di tensione.

Un’importante risposta alla sicurezza che è stata accompagnata dall’uso di mezzi corazzati per il trasporto del personale, dall’uso di gas lacrimogeni e proiettili di gomma.

Chicago, Denver, Los Angeles, Salt Lake City, Cleveland, Dallas, Indianapolis: una ad una le città americane hanno deciso di imporre il coprifuoco ai loro abitanti. A Washington, il tempo è stato anticipato dal lunedì alle 19:00. A Los Angeles alle 18:00.

Il presidente Trump, di fronte ai più gravi disordini civili del suo mandato, ha accusato il suo rivale presidenziale democratico a novembre, Joe Biden, di lavorare per far uscire gli spoiler dalla prigione. La polizia ha fatto migliaia di arresti.

Biden, il volto coperto da una mascherina, è andato lunedì in una chiesa parrocchiale nera nel suo stato del Delaware per incontrare i funzionari locali.

L’ex vicepresidente di Barack Obama conta su questo elettorato per vincere la Casa Bianca. Una scorta di elettori che hanno imparato a cantare “Black Lives Matter” e “Non riesco a respirare”, ultime parole di Floyd.

L’agente Derek Chauvin, accusato di omicidio colposo, dovrebbe comparire in tribunale l’8 giugno.

L’ex agente di polizia Derek Chauvin, imprigionato per aver ucciso George Floyd dopo un fermo

Non c’è motivo di sperare in un immediato calo della tensione ambientale, soprattutto perché la settimana prossima verrà celebrato il funerale di George Floyd, in Texas.

“Abbiamo figli neri, fratelli neri, amici neri, non vogliamo che muoiano. Siamo stanchi che si ripeta, questa generazione non si arrenderà. Siamo stanchi dell’oppressione”, ha dichiarato Muna Abdi, un manifestante nero di 31 anni a St. Paul la capitale del Minnesota.

L’emozione ha attraversato i confini degli Stati Uniti.

Manifestazioni contro la brutalità della polizia e il razzismo negli Stati Uniti hanno avuto luogo anche durante il fine settimana in Gran Bretagna, Germania e Canada e lunedì in Nuova Zelanda. Sempre lunedì, migliaia di persone si sono radunate a Dublino e Amsterdam.

I rivali degli Stati Uniti nel mondo, Cina e Iran in testa, non hanno perso l’occasione di criticare Washington. Pechino ha in particolare denunciato la “malattia cronica” del razzismo negli Stati Uniti.

close