Obama sulla morte di George Floyd: “Questo non dovrebbe essere normale in America”

321

L’ex presidente Barack Obama ha dichiarato che la morte di un uomo di colore, George Floyd, arrestato dalla polizia, “non dovrebbe essere” normale “nel 2020 in America”.

“Non può essere ‘normale.’ Se vogliamo che i nostri figli crescano in una nazione all’altezza dei loro ideali più elevati, possiamo e dobbiamo essere migliori”, ha affermato Obama in una dichiarazione, mentre le proteste sono scoppiate in tutto il paese.
Obama ha affermato che ricadrà principalmente su funzionari del Minnesota per garantire che la morte di Floyd sia indagata a fondo “e che alla fine la giustizia è stata fatta”.
“Ma spetta a tutti noi, indipendentemente dalla nostra razza o stazione – inclusa la maggior parte degli uomini e delle donne delle forze dell’ordine che sono orgogliosi di fare il loro duro lavoro nel modo giusto, ogni giorno – a lavorare insieme per creare una nuova normalità “in cui l’eredità di bigottismo e disparità di trattamento non infetta più le nostre istituzioni o i nostri cuori”, ha continuato Obama.
Floyd, 46 anni, è morto dopo il suo arresto lunedì. Successivamente è emerso un video che mostra Floyd ammanettato e a terra dicendo: “Non riesco a respirare”, mentre un ufficiale di polizia bianco lo tiene fermo con un ginocchio sul collo di Floyd. Quattro agenti di polizia di Minneapolis coinvolti nella morte di Floyd sono stati licenziati, ma la famiglia di Floyd vuole che vengano accusati di omicidio.
Derek Chauvin, ex agente di polizia di Minneapolis visto nel video con il ginocchio sul collo di Floyd, è stato preso in custodia venerdì dalle autorità statali.
L’ex presidente ha anche messo la morte di Floyd nel contesto di altri eventi recenti: “È naturale desiderare che la vita ‘torni alla normalità’ mentre una crisi economica e una pandemia rovesciano tutto ciò che ci circonda. Ma dobbiamo ricordare che per milioni di americani, essere trattati in modo diverso a causa della razza è tragicamente, dolorosamente, esasperatamente “normale” – che si tratti di avere a che fare con il sistema sanitario o di interagire con il sistema giudiziario criminale, o di correre per strada o semplicemente guardare gli uccelli in un parco”.
All’inizio di questo mese, un video inquietante delle fatali riprese di Ahmaud Arbery, un uomo di 25 anni che faceva jogging in Georgia, è emerso online, scatenando indignazione in tutta la nazione. Le riprese si sono svolte a febbraio. Tre uomini furono infine accusati in relazione all’omicidio di Arbery mesi dopo, dopo la comparsa del video.
Inoltre, all’inizio di questa settimana, una donna bianca è stata catturata dalla telecamera mentre chiamava la polizia un uomo di colore che stava osservando gli uccelli a Central Park durante un incontro che coinvolse il suo cane scatenato. Il video è diventato virale e ha suscitato indignazione, e la donna, Amy Cooper, è stata successivamente licenziata dal suo lavoro.
Nella sua dichiarazione, Obama ha condiviso parti delle conversazioni che ha avuto durante la scorsa settimana sulla morte di Floyd. Cita un uomo d’affari afroamericano di mezza età che dice “Ho pianto quando ho visto quel video. Mi ha sconvolto. Il ‘ginocchio sul collo’ è una metafora di come il sistema tiene così sottomessi i neri, ignorando il grido d’aiuto. Alla gente non importa. Veramente tragico.”
“Un altro mio amico ha usato la potente canzone virale del dodicenne Keedron Bryant per descrivere le frustrazioni che stava provando. Le circostanze del mio amico e Keedron potrebbero essere diverse, ma la loro angoscia è la stessa. È condivisa da me e da milioni di altri”.
Le proteste hanno imperversato a Minneapolis per giorni e da allora si sono diffuse nelle città degli Stati Uniti. Più di 500 membri del personale della Guardia Nazionale del Minnesota sono stati mobilitati in diverse località nell’area di Minneapolis mentre i manifestanti hanno saccheggiato le attività commerciali e incendiato un distretto di polizia.
Venerdì, il presidente Donald Trump ha alimentato le tensioni sulle proteste e ha minacciato violente ritorsioni della polizia e interventi militari. Trump ha chiamato i manifestanti “THUGS” in un tweet di venerdì mattina e ha scritto “quando inizia il saccheggio, iniziano le riprese”. 
Il tweet di Trump è stato contrassegnato da Twitter per “glorificazione alla violenza” ed è stato apposto un’etichetta di avvertimento, che segna la prima volta che tale azione è stata intrapresa contro l’account Twitter di Trump.
close