La guerra di Trump. Ordine esecutivo indirizzato a Twitter

Secondo il presidente americano, i social media censurano le voci conservatrici

218

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha firmato un ordine esecutivo volto a rimuovere alcune delle protezioni legali fornite alle piattaforme di social media.

Fornisce ai regolatori il potere di perseguire azioni legali contro aziende come Facebook e Twitter per il modo in cui sorvegliano i contenuti sulle loro piattaforme.

Il presidente Trump ha accusato le piattaforme di social media di avere “potere incontrollato” mentre firma l’ordine. L’ordine dovrebbe affrontare sfide legali.

Critici e numerosi esperti legali affermano che il Congresso degli Stati Uniti o il sistema giudiziario devono essere coinvolti per cambiare l’attuale comprensione legale delle protezioni per queste piattaforme.

Trump ha regolarmente accusato le piattaforme di social media di soffocare o censurare voci conservatrici.

Mercoledì scorso, Trump ha accusato Twitter di interferenze elettorali, dopo aver aggiunto collegamenti di verifica dei fatti a due dei suoi tweet. “Grande azione da seguire”, ha twittato.

Cosa dice l’ordine esecutivo?

L’ordine si propone di chiarire il Communications Decency Act, una legge degli Stati Uniti che offre piattaforme online come Facebook, Twitter e YouTube protezione legale in determinate situazioni.

Ai sensi dell’articolo 230 della legge, i social network non sono generalmente ritenuti responsabili per i contenuti pubblicati dai loro utenti, ma possono impegnarsi in un “buon blocco samaritano”, come la rimozione di contenuti osceni, molesti o violenti.

L’ordine esecutivo sottolinea che questa immunità legale non si applica se un social network modifica i contenuti pubblicati dai suoi utenti.

Dice anche che il blocco “ingannevole” dei post, inclusa la rimozione di un post per motivi diversi da quelli descritti nei termini di servizio di un sito Web, non dovrebbe essere offerto immunità.

Il senatore repubblicano Marco Rubio è tra quelli che sostengono che le piattaforme assumono il ruolo di “editore” quando aggiungono etichette di verifica dei fatti a post specifici.

“La legge protegge ancora le società di social media come Twitter perché sono considerate forum e non case editrici”, ha affermato Rubio.

“Ma se ora hanno deciso di esercitare un ruolo editoriale come un editore, non dovrebbero più essere protetti dalla responsabilità e trattati come editori dalla legge”.

Donald Trump ha promesso “grande azione” in risposta alla decisione di Twitter di aggiungere un messaggio di verifica dei fatti a due dei suoi post. Mentre il suo annuncio di un ordine esecutivo era pesante sulla retorica – accusando le società di social media di essere monopoli che minacciano la libertà di parola – sarà un lungo processo prima che il discorso si trasformi in azione reale, grande o no.

Le agenzie governative indipendenti dovranno rivedere la legge federale, promulgare nuovi regolamenti, votare su di essi e quindi – con ogni probabilità – difenderli in tribunale. Quando tutto sarà finito, le elezioni presidenziali di novembre sarebbero potute andare e venire.

Ciò spiega perché Trump sta anche spingendo per una nuova legislazione del Congresso, un modo più semplice di cambiare la politica degli Stati Uniti nei confronti delle società di social media.

Il vero scopo dell’ordine del presidente, tuttavia, può essere simbolico. Per lo meno, la mossa indurrà Twitter a riflettere due volte sul tentativo di moderare o controllare i suoi post sul loro servizio.

Il presidente fa affidamento su Twitter per diffondere il suo messaggio senza filtrare dai media mainstream. Se Twitter stesso inizia a smascherare uno dei suoi strumenti di comunicazione preferiti, sta inviando un messaggio che respingerà – e renderà le cose, almeno, scomode per l’azienda.

La minaccia del presidente americano, Donald Trump, di far chiudere i social media

Come hanno risposto i social network?

Twitter, che viene più volte nominato nella bozza dell’ordine esecutivo, ha rifiutato di commentare. YouTube, di proprietà di Google, non ha ancora risposto.

Mercoledì scorso, in un’intervista a Fox News, Mark Zuckerberg, amministratore delegato di Facebook, ha affermato che censurare una piattaforma di social media non sarebbe il “riflesso giusto” per un governo preoccupato per la censura.

Un think tank conservatore ha avvertito che l’ordine esecutivo potrebbe avere conseguenze non intenzionali.

“A lungo termine, questa campagna conservatrice contro le società di social media potrebbe avere un effetto devastante sulla libertà di parola”, ha affermato Matthew Feeney del Cato Institute.

E cambiando il Communications Decency Act per “imporre la neutralità politica alle società di social media” si potrebbero vedere le piattaforme piene di “contenuti legali che altrimenti vorrebbero rimuovere” come la pornografia, le immagini violente e il razzismo.

“O avrebbero proiettato i contenuti in una misura tale da uccidere il libero flusso di informazioni sui social media a cui siamo abituati oggi”, ha detto.

Feeney ha affermato che la bozza dell’ordine esecutivo è un “disastro” ma potrebbe rivelarsi politicamente popolare in vista delle elezioni presidenziali.

Cosa ha scatenato l’ultima riga?

La lunga disputa tra Trump e le società di social media si è riaccesa martedì, quando due dei suoi post hanno ricevuto un’etichetta di controllo dei fatti da Twitter per la prima volta.

Aveva twittato, senza fornire prove: “Non c’è modo (zero) che le votazioni per corrispondenza saranno meno che sostanzialmente fraudolente”.

Twitter ha aggiunto un’etichetta di avviso al post e collegato a una pagina che descrive le affermazioni come “non comprovate”.

Quindi mercoledì Trump ha minacciato di “regolamentare fortemente” le piattaforme di social media.

Ha twittato ai suoi oltre 80 milioni di follower che i repubblicani sentivano le piattaforme “completamente silenziose conservatrici” e che non avrebbe permesso che ciò accadesse.

In un tweet precedente, ha affermato che Twitter era “completamente soffocante la libertà di parola”.

L’amministratore delegato di Twitter, Jack Dorsey, ha risposto alle critiche sulle politiche di verifica dei fatti della piattaforma in una serie di post, dicendo: “Continueremo a segnalare informazioni errate o contestate sulle elezioni a livello globale”.

Martedì Trump ha scritto un post simile sulle votazioni per corrispondenza su Facebook e non sono stati applicati avvisi di questo tipo.

Twitter ha rafforzato le sue politiche negli ultimi anni, affrontando le critiche sul fatto che il suo approccio pratico ha permesso ai conti falsi e alla disinformazione di prosperare.

close