Il Covid-19 avanza in Perù, superati i 100.000 casi e 3.000 decessi

196

Il Perù, il secondo paese più colpito in America Latina dopo il Brasile dall’epidemia di Covid-19, sta superando la barriera di 100.000 contaminazioni e 3.000 morti, è quanto ha dichiarato il Ministero della Salute peruviana.

Il numero di casi segnalati è ora 104.020 inclusi 3.024 decessi, secondo l’ultimo rapporto del ministero reso pubblico su Twitter, mentre il paese è alla sua nona settimana di contenimento.

Contaminazione e morte sono triplicate dal 30 aprile.

Mentre il numero di persone ricoverate in ospedale è 7.533, gli operatori sanitari continuano a denunciare la carenza di attrezzature e farmaci negli ospedali pubblici del paese.

“È come un film horror, dentro l’ospedale sembra un cimitero a causa dei cadaveri. I pazienti muoiono sulla loro sedia o sulla sedia a rotelle”, ha testimoniato Miguel Armas, un’infermiera dell’ospedale pubblico Hipolito Unanue di Lima, il cui personale si è mobilitato per le strade mercoledì.

Allo stesso tempo, gli addetti nei cimiteri della capitale operano giorno e notte per cremare i pazienti deceduti di coronavirus.

“Mio padre è morto da solo, non ci sono dottori negli ospedali, i pazienti muoiono perché non ci sono dottori, non ci sono medicine”, urla Gloria Baylon, 37 anni, il cui padre è morto di coronavirus all’ospedale Luis Negreiros di Callao.

Oltre alla capitale, il nuovo coronavirus sta causando il caos in regioni della costa settentrionale, come Piura e Lambayeque, nonché in piccoli centri e villaggi isolati nell’Amazzonia peruviana, abitata principalmente da comunità indiane.

Il Perù è il secondo paese dell’America Latina con il più alto numero di nuove infezioni da coronavirus, dopo il Brasile con 271.628 casi segnalati. È il terzo numero di morti, dietro Brasile (17.971 morti) e Messico (5.666), secondo gli ultimi dati ufficiali.