Coronavirus: Sudafrica ordina il contenimento, coprifuoco in Senegal e Costa d’Avorio

748
Centro medico del Ruanda

Il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa ha imposto per tre settimane un rigoroso confinamento nel suo paese, il più colpito dall’epidemia di coronavirus nell’Africa sub-sahariana, mentre il Senegal e la Costa d’Avorio hanno dichiarato lo stato di emergenza con il coprifuoco, misure che sono difficili da applicare in un continente dove andare al lavoro a volte è una questione di sopravvivenza.

“Il confinamento nazionale sarà in vigore per ventuno giorni. Sarà imposto da mezzanotte di giovedì”, ha detto Ramaphosa durante un discorso televisivo. Questa misura mira a prevenire una “catastrofe umana di proporzioni enormi”, ha spiegato.

Un totale di 402 casi di Covid-19 sono stati finora confermati in Sudafrica, un numero “moltiplicato per sei in soli otto giorni”, ha detto il capo dello stato. “Senza un’azione decisiva, il numero di persone infette scenderà rapidamente da poche centinaia a decine di migliaia e, nel giro di poche settimane, centinaia di migliaia. È una decisione essenziale salvare milioni di sudafricani da infezione”, ha dichiarato.

Per imporre questo contenimento totale, il presidente Ramaphosa ha deciso di ricorrere all’esercito. E a partire da lunedì pomeriggio i soldati sono stati schierati nella capitale economica di Johannesburg.

Dopo diversi paesi in Europa e in particolare in America Latina, l’Africa, il continente più povero del pianeta, sta gradualmente adottando il contenimento, una misura intesa a salvare vite umane ma che paralizza l’economia.

Nemico principale: indisciplina

Nell’Africa occidentale, due capi di stato, il senegalese Macky Sall e l’ivoriano Alassane Ouattara hanno annunciato lunedì sera misure simili: l’istituzione dello stato di emergenza e il coprifuoco notturno. Il coronavirus “sta guadagnando terreno” in diverse regioni senegalesi (79 casi ufficialmente registrati), secondo Macky Sall.

In Costa d’Avorio (25 casi, nessun decesso secondo l’ultima valutazione pubblicata domenica), è stato messo in atto un contenimento progressivo, “per aree geografiche”. Il viaggio tra Abidjan, la capitale economica in cui si concentra la maggior parte dei casi, e l’interno del paese, sarà soggetto ad autorizzazione.

“In questa lotta contro la diffusione del Covid-19, il nostro principale nemico sarà indisciplinato e non conforme alle istruzioni di prevenzione”, ha dichiarato il presidente Ouattara, chiedendo “unione sacra”.

L’Africa è stata finora relativamente incontaminata dalla pandemia rispetto al resto del mondo: almeno 1.628 casi, tra cui una cinquantina di morti, sono stati dichiarati nel continente, rispetto a oltre 360.000 casi di infezione e 16.000 Morti in totale sul pianeta, secondo una valutazione stabilita da fonti ufficiali.

Ma i servizi sanitari molto poveri nei paesi africani fanno temere che la pandemia possa essere devastante. Già efficace in Tunisia, Ruanda e Mauritius, il contenimento è stato imposto anche lunedì a Lubumbashi (sud-est), la capitale economica della Repubblica Democratica del Congo, e nelle due principali città del Madagascar, la capitale Antananarivo e Toamasina.

“Cosa mangeremo?” 

La Nigeria, il paese più popoloso dell’Africa con 200 milioni di abitanti, che ha registrato ufficialmente solo 36 casi di coronavirus incluso un decesso, ha chiesto lunedì ai residenti della sua capitale, Abuja, e della sua città più popolosa, Lagos, di stare a casa.

Una misura che sembra tuttavia molto difficile da attuare in due megalopoli dove molti abitanti devono andare al lavoro per sopravvivere. “Non stare in gruppo e torna a casa. Per il tuo bene. Non tornare domani”, ha chiesto la polizia domenica disperdendo sportivi e venditori ambulanti fuori dal Surulere National Stadium, un quartiere popolare nel centro di Lagos.

“Cosa mangeremo, cosa mangeranno i nostri clienti?” Ha protestato Alice, una venditrice di frutta e verdura. “Pago (le mie verdure) a credito, e ora non posso più venderle. Dobbiamo sopravvivere, non possiamo stare a casa!”.

Nel nord-est, le autorità locali hanno vietato le visite ai campi che ospitano decine di migliaia di persone sfollate dall’insurrezione di Boko Haram. In Africa centrale, il presidente del Gabon Ali Bongo Ondimba ha annunciato un fermo parziale dalle 19:30 alle 6:00, iniziato domenica.

Nel vicino Camerun (56 casi dichiarati ufficialmente), “speriamo di non ottenere il contenimento di tutto il Paese”, ha dichiarato domenica sera il Ministro della Salute, Dott. Malachie Manaouda. Gli utenti di Internet lo sostengono comunque.

“Frase di morte”

Il Ruanda (17 casi segnalati) ha vietato sabato sera “movimenti non essenziali”. “Due settimane senza lavoro in una città dove tutto è costoso è una condanna a morte”, ha allarmato Alphonse, 29 anni, un tassista nella capitale quasi deserta di Kigali.

Nel Corno, l’Etiopia ha annunciato lunedì la chiusura dei suoi confini terrestri. Da venerdì, anche 1,3 milioni di abitanti delle Mauritius, a circa 1.800 km al largo della costa orientale dell’Africa, devono rimanere confinati per 14 giorni.

In Madagascar, questa misura è molto complicata da applicare nella capitale. “So che il coronavirus può uccidere. Ma se rimango a casa per due settimane senza lavorare, anch’io muoio”, ha detto un commesso, Jean Naina Rakotomamonjy.

“Il fermo parziale o totale rischia di avere effetti disastrosi per il continente africano”, preoccupa la scrittrice camerunese Calixthe Beyala, sulla sua pagina Facebook.

“Le popolazioni più svantaggiate saranno le prime vittime, moriranno di fame e almeno il loro organismo indebolito dalla malnutrizione le renderà fragili di fronte al virus”, ha aggiunto, chiedendo di trovare “strategie di emergenza che meglio soddisfino le esigenze della nostra gente “.

close