Offensiva della Turchia in Siria, due aerei abbattuti

192
Fumo nella città di Idleb

La Turchia stava conducendo un’importante offensiva militare in Siria contro il regime di Damasco, due aerei sono stati abbattuti e 19 soldati siriani sono stati uccisi, mantenendo allo stesso tempo la pressione sull’Europa lasciando che migliaia di migranti attraversassero la Grecia.

Dopo settimane di avanzata nella regione di Idleb nella Siria nord-occidentale, la Turchia ha annunciato che condurrà l’operazione “Scudo di primavera” contro il regime di Bashar al-Assad, che ha subito pesanti perdite negli scioperi turchi negli ultimi giorni.

Come segno che i combattimenti sono aumentati di intensità, due aerei del regime di Damasco sono stati abbattuti domenica nel cielo di Idleb, hanno riferito da Ankara e l’Osservatorio siriano per i diritti umani (OSDH). Secondo l’agenzia ufficiale siriana Sana, tre droni turchi sono stati distrutti. Domenica sera, l’OSDH ha annunciato che 19 soldati siriani erano stati uccisi dal fuoco di un drone turco su un convoglio militare nella provincia di Idleb.

Alla ricerca del sostegno occidentale, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha aperto le porte dell’Europa ai migranti, che a migliaia, tra cui donne e bambini, si sono riversati tagliando i campi verso il confine con la Grecia. Preoccupata, l’Unione europea ha annunciato una “riunione straordinaria” dei suoi ministri degli esteri per discutere del peggioramento della situazione a Idleb.

Mentre il conflitto in Siria si intensifica, il ministro della Difesa turco Hulusi Akar ha sottolineato che Ankara non stava cercando il confronto con Mosca, un potente alleato del regime siriano che sostiene militarmente. Lo scopo dell’offensiva turca, ha affermato, è “porre fine ai massacri del regime e prevenire un’ondata migratoria”.

La Turchia ha intensificato gli attacchi con droni contro le posizioni del regime siriano da sabato, ma questa è la prima volta che Ankara ha annunciato ufficialmente di far parte di un’operazione più generale.

Perdite pesanti

L’operazione è stata lanciata giovedì dopo la morte di 33 soldati turchi in un attacco aereo attribuiti al regime, le perdite più pesanti subite da Ankara dall’inizio del suo intervento in Siria dal 2016. Venerdì e sabato, circa 90 soldati e combattenti siriani, gruppi alleati a Damasco, sono stati uccisi dagli scioperi di Ankara per rappresaglia, secondo l’OSDH.

In questo clima esplosivo, l’esercito siriano ha avvertito che avrebbe abbattuto qualsiasi aereo “nemico” sulla regione inattiva. Con il sostegno dell’aeronautica russa, il regime siriano ha condotto un’offensiva mortale da dicembre per riprendere questa regione, l’ultima roccaforte ribelle e jihadista in Siria.

Questa offensiva ha causato attrito tra Ankara e Mosca. Anche se la Turchia sostiene alcuni gruppi ribelli e la Russia sostiene il regime, i due paesi hanno rafforzato la loro cooperazione sulla questione siriana negli ultimi anni. Sabato il presidente Erdogan ha invitato Vladimir Putin a “togliersi di mezzo” dalla Siria assicurandogli che il regime di Damasco avrebbe “pagato il prezzo” per i suoi attacchi.