Nazioni Unite: I rifugiati rimpatriati a rischio di tratta e di schiavitù in Libia

"Esistono minacce per i migranti di essere trafficati ed è sicuramente sempre più preoccupante", afferma la portavoce delle Nazioni Unite

249
trafficanti dei migranti

Centinaia di migranti tornati in Libia questo mese sono ad alto rischio di tratta di esseri umani poiché il peggioramento della violenza sta permettendo alle bande criminali di prosperare, secondo le Nazioni Unite.

Almeno 953 migranti diretti in Europa sono stati prelevati nel Mediterraneo e rimandati in Libia nelle prime due settimane del 2020, ha affermato l’agenzia delle Nazioni Unite per la migrazione, International Organization for Migration (IOM).

Per lo più intercettati dalla guardia costiera della Libia, sostenuti dall’Unione Europea, sono stati tutti portati nei centri di detenzione dove gli operatori umanitari affermarono di avere una testimonianza diretta dei migranti venduti ai trafficanti. “Ci sono minacce per i migranti di essere trafficati ed è sicuramente sempre più preoccupante”, ha detto la portavoce della IOM, Safa Msehli. “La situazione della sicurezza lascia spazio a queste bande criminali e a questi gruppi di contrabbandieri per depredare i migranti e il loro desiderio di lasciare un paese piuttosto insicuro”.

I combattimenti si sono intensificati nelle ultime settimane tra truppe fedeli al governo libico riconosciuto a livello internazionale e le forze del comandante orientale Khalifa Haftar, che stanno combattendo per il controllo della capitale, Tripoli.

L’escalation ha spinto più migranti a cercare di fuggire dal paese, ha affermato l’IOM. Oltre ai 953 riportati quest’anno, 237 sono stati prelevati anche da navi di soccorso e sono in attesa di un porto che li porterà a terra. Nello stesso periodo dell’anno scorso, 23 corpi sono stati recuperati dalla guardia costiera e nessun migrante è stato restituito alla Libia.

La Libia è stata un passaggio chiave per gli africani che hanno cercato di raggiungere l’Europa per anni, e circa 140.000 migranti e rifugiati risiedevano a Tripoli prima dello scoppio dei combattimenti dello scorso aprile, secondo l’International Rescue Committee. Ancor prima, i migranti sono stati predati da gruppi armati e trafficanti, con schiavitù, stupri e torture ampiamente segnalati dagli esperti dei diritti umani.

“Non vi è alcuna garanzia che impedisca ai rifugiati e ai migranti ritornati sulle coste libiche di ricadere nelle grinfie dei trafficanti”, ha affermato Anais Deprade, portavoce dell’associazione internazionale di beneficenza medica Medici Senza Frontiere (MSF). “I governi europei non possono più fingere che la Libia sia un luogo sicuro in cui rifugiati e migranti salvati in mare possano essere sbarcati”.

Deprade ha affermato che MSF era a conoscenza di persone che erano state vendute come trafficanti da alcuni centri di detenzione e che i migranti che scappavano dai centri – che sono noti per gli abusi – erano anche vulnerabili mentre cercavano di sopravvivere da soli in una zona di guerra.