“Giornata Internazionale dell’Uomo”: Città di Parabiago regale un fiore

179

Parabiago, città dell’hinterland milanese, il 19 novembre 2019, celebra la Giornata Internazionale dell’Uomo premiando coloro che si sono distinti in ambito familiare, e donando un fiore a tutti gli uomini e i ragazzi che si recheranno presso gli uffici comunali.

Le iniziative per celebrare questa Giornata sono state promosse dall’Assessorato alla Sicurezza della Città di Parabiago che, come slogan ha scelto – in controtendenza – la frase “Sono milioni gli uomini che sanno amare”.

“Se è vero che ci sono uomini violenti da condannare ‘senza se e senza ma’ – afferma Barbara Benedettelli, Assessore alla Sicurezza – è vero anche che la maggior parte dei nostri padri, compagni, fratelli, figli, conoscenti, non lo sono. Campagne denigratorie continuate e generalizzate contro l’intero genere maschile, consolidino paradossalmente gli stereotipi che si dice di voler abbattere, alimentando la dannosa guerra tra i sessi. Se vogliamo un reale cambiamento culturale, dobbiamo cominciare a trasmettere anche messaggi di positività attraverso la testimonianza di chi è, a tutti gli effetti, esempio da imitare.”. 

La Giornata Internazionale dell’Uomo (inteso come maschio), è celebrata in oltre 60 paesi nel mondo dal 1999. In Italia si è cominciato a farlo dal 2006, ma solo negli ultimi due anni con maggiore impegno. Aderendo a questa Giornata, la Città di Parabiago, martedì 19 novembre alle ore 16:00, presso la Sala Consiglio del Comune, premierà Uomini (concittadini) che, nonostante la perdita prematura e improvvisa delle loro compagne, non si sono dati per vinti, ma hanno reagito con forza, prendendosi cura dei propri figli con dedizione, amore e responsabilità.

Inoltre, a ogni cittadino di sesso maschile che il 19 novembre si recherà presso gli uffici comunali, verrà donato un fiore in segno di ringraziamento per il contributo dato alla comunità. Sarà consegnata una gerbera arancione, colore che nel linguaggio dei fiori è associato al sorgere del sole, dunque alla luce che scalda e indica la via.