Amanda Lear era un uomo: il suo vero nome è Peki D’Oslo

Molte persone della Tv affermano che Amanda Lear sia nata uomo con il nome di Peki D’Oslo.

2103

Per molti anni ci sono stati diversi dubbi sulla reale identità della famosa Amanda Lear, cantante molto conosciuta negli anni 70 e presente ancora oggi in diverse trasmissioni televisive. Molte persone affermano che la cantante in precedenza sia stata un uomo con il nome di Peki D’Oslo e che abbia lavorato in diversi locali transgender. A confermarlo sono state due grandi personaggi della televisione: la contessa Patrizia De Blanck e l’attrice Simona Izzo che non hanno più dubbi sulla sua reale identità sessuale. Di fronte a queste accuse la cantante si è difesa affermando di aver inventato questa storia per avere pubblicità e raggiungere il successo nella televisione. Questa storia del cambio di sesso risale anche a diversi anni fa: verso la fine degli anni settanta cominciarono a diffondersi voci sempre più insistenti che la cantante, prima d’intraprendere la carriera d’indossatrice e fotomodella, fosse stata un ragazzo di nome Alain René Tap, nato nel 1939, e il cui cambio di sesso a Casablanca risaliva a due operazioni effettuate dal celebre chirurgo dottor Burou, lo stesso che operò Coccinelle e April Ashley, la prima nel 1963 e la seconda l’anno dopo. Secondo tali voci, fino al 1963 o 1966 avrebbe assunto il nome d’arte di Peki D’Oslo, ballando nella celebre compagnia di spogliarelli e burlesque en-travesti al Carousel di Parigi, diretta dalla transessuale francese Coccinelle.  Come spogliarellista transessuale si sarebbe esibita anche nei locali Chez-Nous e Raymond’s Revue Bar di Berlino, a Barcellona e Milano. La Lear ha però sempre smentito le voci di un cambio di sesso, dichiarando che si era trattato di un espediente escogitato da lei e David Bowie per suscitare più curiosità e aumentare le vendite dei suoi album agli inizi della carriera. Questa voci sono rimaste in silenzio per molto tempo, ma ad oggi sono tornate a farsi sentire e ha creare  nuovi dubbi.