Macron – Le Pen; al ballottaggio!

Il 7 maggio i francesi sono richiamati a votare il ballottaggio tra il partito En Marche e il Front National.

474

La suspence è finita: se i risultati definitivi confermeranno le prime stime, al ballottaggio di domenica 7 maggio che deciderà il nome del futuro presidente francese andranno il fondatore del movimento En Marche!, il centrista Emmanuel Macron e la presidente del Front National, esponente dell’estrema destra francese Marine Le Pen.

Il primo ha ottenuto il 23,7% delle preferenze, la seconda il 21,7%. Seguono gli altri due favoriti del primo turno, Jean-Luc Mélenchon, esponente della sinistra radicale e François Fillon, candidato della destra gollista, secondo le stime degli istituti Ipsos, Harris Interactive e Elabe. Il candidato socialista Benoît Hamon, si sarebbe fermato al 6-7%.

E’ la prima volta nella storia della quinta repubblica francese che al ballottaggio non saranno presenti esponenti delle due grandi famiglie politiche francesi, gollisti e socialisti. Macron ha dichiarato alla France Presse: “Oggi abbiamo chiaramente voltato una pagina della vita politica francese”. “I francesi hanno espresso il loro desiderio di rinnovamento.

La nostra logica è ormai quella di unire (il popolo francese, ndr) in vista delle elezioni legislative”, ha proseguito il leader centrista nella dichiarazione inviata alla France Presse. “I francesi hanno espresso il loro desiderio di rinnovamento. La nostra logica è ormai quella di unire (il popolo francese, ndr) in vista delle elezioni legislative”, ha proseguito il leader centrista.

Un’esplosione di “Marine! Marine!Marine!” all’annuncio della qualificazione della presidente del Front National Marine Le Pen al secondo turno delle presidenziali francesi nel suo feudo elettorale di Hénin-Beaumont (Pas-de-Calais), nel Nord della Francia. All’annuncio dei risultati, pur parziali, i suoi sostenitori riuniti in una scuola hanno dato vita a un’esplosione di grida e di canti “vinceremo, vinceremo” e alla Marsigliese con decine di bandiere tricolore al vento. Quando sullo schermo è apparso il volto di Emmanuel Macron, lo sfidante di Le Pen al ballottaggio, i militanti dell’estrema destra hanno cominciato a fischiare.