fbpx
adv-416
<< ATTUALITÀ

Le Vele di Scampia s’illuminano di Fabrizio De André

Lo street artist Jorit: "Il murale non cambia nulla, ma può accendere un faro".
| 7 Giugno 2022 | ATTUALITÀ

Inaugurato il murale realizzato dallo street artist Jorit a Scampia (Napoli) e dedicato a Fabrizio De André. L’opera si trova su una palazzina di 5 piani in via Labriola, sulla parete di uno dei nuovi edifici costruiti dal Comune per sostituire le Vele, di cui una già abbattuta ma altre ancora in piedi. La sua realizzazione è stata promossa dal Comune di Napoli.

“Rino Gaetano e Fabrizio De André sono legati da un filo rosso di artisti impegnati, che non avevano paura di schierarsi e dire quello che pensavano. Nelle periferie italiane si parla di riscatto e di speranza e dipingere i loro volti nel quartiere Trecento Alloggi a Crotone e a Scampia a Napoli vuol dire farlo in luoghi perfetti”. Così Jorit davanti al suo grande murale di De André. “Il murale – spiega – non cambia nulla, ma può accendere un faro, può arricchire le coscienze delle persone. Magari molti non conoscevano nemmeno De André e quindi possono trovare un nuovo riferimento per vivere se stessi e il quartiere in modo diverso. Ma nella sostanza non cambia nulla, qui ci vuole un forte intervento delle istituzioni a livello locale ma soprattutto a livello nazionale”.

Jorit è nato a Quarto, nella provincia interna di Napoli, ora vive nel quartiere periferico partenopeo di Barra e guarda al percorso delle periferie: “Sono a contatto sin da bambino – dice – con i problemi delle periferie che vivono l’abbandono, contesti di marginalità in cui si sentono abbandonate dalle istituzioni. A volte basta anche portare mezzi di trasporto in più, far passare più spesso i treni o farli passare in assoluto, se ancora non ci sono. Io a Quarto iniziai a fare graffiti e street art perché sentivo che non c’era altro da fare e che la presenza dello Stato non c’era. Molti amici hanno preso brutte strade invece. In questi anni miglioramenti sostanziali non ne ho visti”.

adv-431

Con Jorit ha collaborato Trisha Palma, street artist delle Vele. “Mi sono avvalso della sua collaborazione – ha detto Jorit – una painter di talento che vive a due passi da via Labriola e rappresenta i tanti giovani della periferia che hanno deciso di vivere d’arte”.

“Con l’edizione 2022 abbiamo rinnovato la storica missione del Maggio dei Monumenti affiancando la creazione di nuove opere d’arte pubblica alla valorizzazione dello straordinario patrimonio monumentale esistente. Il murale di Jorit a Scampia e l’installazione di Zevs a Ponticelli testimoniano la nostra attenzione per le periferie e danno forma alla nostra visione di una città policentrica, che trova nell’arte lo strumento per ribadire la sua vocazione internazionale ed estendere a tutto il territorio la sua offerta culturale e turistica”. Lo ha dichiarato il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, commentando l’inaugurazione.

“Il nuovo murales di De André su un edificio nuovo costruito a Scampia è straordinario. Ma sul rifacimento del quartiere i tempi restano lenti. Abbiamo incontrato il nuovo sindaco e la giunta e ci erano state assicurate delle scadenze, ora superate senza risultati. E’ colpa anche del covid ma vogliamo risposte”. Lo afferma Omero Benfenati, uno dei leader del “Comitato Vele di Scampia”, che stamattina era alla festa di inaugurazione.

“Il murale ci dice che stiamo sulla strada buona, ma sappiamo che, a parte il covid, c’è un rallentamento istituzionale sul tema e ci faremo sentire. Abbiamo bisogno di ripartire nei lavori, c’è un progetto finanziato da 170 milioni che deve andare avanti per abbattere le Vele e dare dignità a chi aspetta ancora la normalità”.

TAG: de Andrè, Jorit, Murales, Napoli, Vele di Scampia
adv-123
Articoli Correlati