fbpx
adv-421
<< ESTERI

Joe Biden: “Trump ha messo un pugnale alla gola della democrazia”

| 7 Gennaio 2022 | ESTERI

Il presidente Joe Biden ha accusato Donald Trump e i suoi sostenitori di tenere un “pugnale alla gola della democrazia” in un discorso energico giovedì in occasione dell’anniversario dell’attacco mortale al Campidoglio degli Stati Uniti. Ha avvertito che anche se non ha avuto successo, l’insurrezione rimane una seria minaccia per il sistema di governo americano.

Le critiche di Biden sono state incisive nei confronti del presidente sconfitto che ha incolpato per l’assalto che ha cambiato radicalmente il Congresso e la nazione e ha sollevato preoccupazioni globali sul futuro della democrazia americana.

“Per la prima volta nella nostra storia, un presidente non solo ha perso un’elezione, ma ha cercato di impedire il trasferimento pacifico del potere mentre una folla violenta ha violato il Campidoglio”, ha detto Biden. “Non puoi amare il tuo paese solo quando vinci”.

Con la sua voce a volte rimbombante, che riempiva l’ornata Statuary Hall dove i rivoltosi avevano posto l’assedio, il presidente ha invitato gli americani a ricordare ciò che hanno visto il 6 gennaio con i propri occhi: la folla che attaccava la polizia, le finestre che rompevano, una bandiera confederata all’interno del Campidoglio, una forca eretta fuori minacciando di impiccare il vicepresidente, il tutto mentre Trump sedeva alla Casa Bianca a guardarlo in TV.

“I sostenitori dell’ex presidente stanno cercando di riscrivere la storia. Vogliono che tu veda il giorno delle elezioni come il giorno dell’insurrezione e la rivolta che ha avuto luogo qui il 6 gennaio come una vera espressione della volontà del popolo. Riesci a pensare a un modo più contorto di guardare a questo paese, di guardare all’America? Non posso.”

Le osservazioni del presidente hanno lanciato l’inizio del ricordo di un giorno, tracciando un contrasto tra la verità di ciò che è accaduto e le false narrazioni che persistono sull’assalto al Campidoglio, incluso il continuo rifiuto di molti repubblicani di affermare che Biden ha vinto le elezioni del 2020.

“Dobbiamo essere assolutamente chiari su ciò che è vero e ciò che è una bugia”, ha detto Biden. “L’ex presidente degli Stati Uniti d’America ha sparso una rete di bugie sulle elezioni del 2020”.

Ha detto: “Siamo in una battaglia per l’anima dell’America”.

“Non ho cercato questa lotta, portata in questo Campidoglio a un anno da oggi. Ma non mi sottrarrò nemmeno a questo. Rimarrò in questa breccia, difenderò questa nazione. Non permetterò a nessuno di mettere un pugnale alla gola di questa democrazia”.

I leader e i legislatori repubblicani sono rimasti in gran parte lontani dagli eventi della giornata, liquidandoli come eccessivamente politicizzati, alcuni continuando a diffondere false affermazioni sulle elezioni.

Dalla Florida, Trump non ha mostrato segni di cedimento, anzi ha rilanciato il suo attacco infondato alle elezioni. Non accettò alcuna responsabilità per aver incitato la folla quel giorno. Invece, in una delle numerose dichiarazioni di giovedì, ha affermato che Biden stava cercando di “dividere ulteriormente l’America. Questo teatro politico è solo una distrazione”.

Anche tra i repubblicani del Congresso che hanno condannato l’attacco nei giorni successivi, la maggior parte è rimasta fedele all’ex presidente.

“Che sfacciata politicizzazione del 6 gennaio da parte del presidente Biden”, ha twittato la senatrice Lindsey Graham, RS.C., a volte confidente di Trump. Altri, tra cui il leader repubblicano al Senato Mitch McConnell, erano assenti, con un contingente che ha partecipato al funerale di un ex collega senatore Johnny Isakson in Georgia. I rappresentanti di estrema destra Marjorie Taylor Greene e Matt Gaetz si sono opposti al loro rifiuto di certificare l’elezione di Biden quel giorno – “Ci vergogniamo di niente”, ha detto Gaetz in un podcast.

La divisione è un duro promemoria della rottura tra le due parti, che si è aggravata dal momento che centinaia di sostenitori di Trump hanno spinto violentemente la polizia, hanno usato pugni e pennoni per sfondare le finestre del Campidoglio e hanno interrotto la certificazione della vittoria di Biden.

Il rappresentante Liz Cheney, presidente del comitato della Camera che indaga sull’attacco e uno dei pochi legislatori del GOP presenti alle cerimonie del Campidoglio, ha avvertito che “la minaccia continua”. Trump, ha detto, “continua a fare le stesse affermazioni che sa aver causato la violenza il 6 gennaio”.

“Sfortunatamente, troppi nel mio stesso partito stanno abbracciando l’ex presidente, stanno guardando dall’altra parte o minimizzando il pericolo”, ha detto a “Today” della NBC. “È così che muoiono le democrazie. Semplicemente non possiamo permettere che ciò accada”.

È stata raggiunta da suo padre Dick Cheney, l’ex vicepresidente e ora un rispettato anziano del Partito Repubblicano, che è stato accolto calorosamente da diversi democratici. Rimase con lei e Democratici per un momento di silenzio sul pavimento della Camera.

Ha detto in una dichiarazione: “Sono profondamente deluso dal fallimento di molti membri del mio partito nel riconoscere la grave natura degli attacchi del 6 gennaio e la continua minaccia alla nostra nazione”.

Il Senato ha anche convocato un momento di silenzio.

I democratici che indagano sul piano insurrezionale passano i prossimi mesi a raccontare al popolo americano esattamente cosa è successo lo scorso 6 gennaio con una serie di udienze pubbliche.

Biden e la sua amministrazione sono stati criticati da alcuni membri del suo partito per non aver spiegato con la forza agli americani i modi in cui la democrazia è a rischio, o per aver spinto il Congresso abbastanza forte da approvare una legislazione sui diritti di voto e elettorale bloccata da un ostruzionismo al Senato.

Barack Obama, l’ex presidente, ha affermato che “niente è più importante” nell’anniversario che garantire il diritto di voto.

“Mentre le finestre rotte sono state riparate e molti dei rivoltosi sono stati assicurati alla giustizia, la verità è che la nostra democrazia è a maggior rischio oggi rispetto a allora”, ha detto Obama in una nota.

Il discorso di Biden, e quello del vicepresidente Kamala Harris, che sta guidando gli sforzi dell’amministrazione sulla legislazione elettorale e elettorale, è apparso come una risposta diretta alle critiche.

“Dobbiamo approvare le leggi sui diritti di voto”, ha detto Harris, rivolgendosi ai presenti. “Non possiamo stare in disparte. Dobbiamo unirci in difesa della nostra democrazia”.

Al piano della Camera, dove molti membri sono stati evacuati e alcuni sono rimasti intrappolati mentre i rivoltosi hanno cercato di entrare, la presidente della Camera Nancy Pelosi ha attinto alla storia con la speranza che gli americani si rivolgessero ai loro “angeli migliori” per risolvere le divergenze. Ha consegnato osservazioni private allo staff di Hill che, come ha detto all’Associated Press in un’intervista mercoledì, era rimasto un anno fa per “proteggere la nostra democrazia”.

Il Senato ha anche convocato un momento di silenzio.

Il messaggio tagliente di Biden e la distanza dei repubblicani da esso arrivano mentre i legislatori si stanno adeguando alla nuova normalità a Capitol Hill: le crescenti tensioni che molti temono si tradurranno in più violenza o, un giorno, in un rovesciamento di elezioni legittime. I democratici e una manciata di repubblicani sentono una disperata urgenza di connettersi a un pubblico in cui alcuni sono arrivati ​​a credere alle bugie di Trump secondo cui le elezioni gli sono state rubate e che l’attacco non è stato affatto violento.

TAG: #CapitolHill, Donald Trump, Presidente Joe Biden
adv-134
Articoli Correlati