adv-232
<< ESTERI

Nazioni Unite, Biden: “Diplomazia globale e nessuna guerra fredda con la Cina”

| 22 Settembre 2021 | ESTERI

Il presidente Joe Biden ha convocato le nazioni del mondo per affrontare con forza le incombenti questioni globali della pandemia di COVID-19, dei cambiamenti climatici e delle violazioni dei diritti umani nel suo primo discorso davanti all’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Ha denigrato il conflitto militare e ha insistito sul fatto che gli Stati Uniti non stanno cercando “una nuova guerra fredda” con la Cina.

Il presidente ha affermato che l’interruzione delle operazioni militari statunitensi in Afghanistan il mese scorso, ponendo fine alla guerra più lunga d’America, ha preparato il tavolo affinché la sua amministrazione sposti la sua attenzione sulla diplomazia intensiva in un momento in cui non mancano le crisi che devono affrontare il mondo.

“Per garantire la nostra stessa gente, dobbiamo anche impegnarci profondamente con il resto del mondo”, ha affermato.

Ha aggiunto: “Stiamo aprendo una nuova era di diplomazia implacabile, di utilizzo del potere dei nostri aiuti allo sviluppo per investire in nuovi modi di sollevare le persone in tutto il mondo”.

Biden ha offerto un solido sostegno all’importanza e all’ambizione delle Nazioni Unite in un momento difficile della storia e ha cercato di rassicurare gli alleati prudenti della cooperazione degli Stati Uniti dopo i disaccordi negli ultimi mesi.

Si è anche impegnato a raddoppiare gli aiuti finanziari statunitensi ai paesi più poveri per aiutarli a passare a un’energia più pulita e far fronte agli effetti “spietati” del cambiamento climatico. Ciò significherebbe aumentare l’assistenza a circa 11,4 miliardi di dollari l’anno. Questo dopo che cinque mesi fa ha raddoppiato l’importo a 5,7 miliardi di dollari l’anno.

Nell’ambito della lotta contro il cambiamento climatico, le nazioni ricche da molti anni hanno promesso di spendere 100 miliardi di dollari l’anno in aiuti per il clima, ma un nuovo studio mostra che mancano 20 miliardi di dollari all’anno. Biden ha affermato che il suo nuovo impegno aiuterebbe le nazioni ricche a raggiungere il loro obiettivo.

L’obiettivo di 100 miliardi di dollari è fondamentale perché nei negoziati sul clima c’è un drammatico divario tra paesi ricchi e poveri. Le nazioni in via di sviluppo e altre sono riluttanti a ridurre ulteriormente le emissioni di gas che intrappolano il calore senza l’aiuto delle nazioni sviluppate, che nelle parole del primo ministro britannico Boris Johnson, sono “i ragazzi che hanno creato il problema”.

Biden sta affrontando un sano scetticismo da parte degli alleati durante la sua settimana di diplomazia di alto livello. I primi mesi della sua presidenza hanno incluso una serie di momenti difficili con nazioni amiche che si aspettavano una maggiore cooperazione da Biden dopo quattro anni di approccio “America first” di Donald Trump alla politica estera.

Otto mesi dopo la sua presidenza, Biden non è stato in sintonia con gli alleati sulla fine caotica della guerra degli Stati Uniti in Afghanistan. Ha affrontato differenze su come condividere i vaccini contro il coronavirus con il mondo in via di sviluppo e sulle restrizioni ai viaggi pandemici. E ci sono domande sul modo migliore per rispondere alle mosse militari ed economiche della Cina.

Biden si ritrova anche nel bel mezzo di un nuovo litigio diplomatico con la Francia, il più antico alleato degli Stati Uniti, dopo aver annunciato piani, insieme alla Gran Bretagna, per dotare l’Australia di sottomarini a propulsione nucleare. La mossa dovrebbe dare all’Australia migliori capacità di pattugliare il Pacifico tra la crescente preoccupazione per le tattiche sempre più aggressive dell’esercito cinese, ma ha ribaltato un contratto di difesa francese del valore di almeno 66 miliardi di dollari per vendere sottomarini diesel all’Australia.

Il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian ha dichiarato lunedì che c’è stata una “crisi di fiducia” con gli Stati Uniti a seguito dell’episodio.

Biden non era così preoccupato. Quando un giornalista è arrivato alle Nazioni Unite martedì, alla domanda su come intendesse ristabilire le relazioni con i francesi, Biden ha risposto con due parole: “Sono fantastici”.

Prima dell’arrivo di Biden a New York, lunedì il presidente del Consiglio dell’UE Charles Michel ha fortemente criticato l’amministrazione Biden per aver lasciato l’Europa “fuori dai giochi nella regione indo-pacifica” e aver ignorato gli elementi alla base dell’alleanza transatlantica – trasparenza e lealtà – nel ritiro dall’Afghanistan e nell’annuncio dell’alleanza USA-Regno Unito-Australia.

In un’intervista prima del suo incontro con Biden, il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha dichiarato di essere preoccupato per la relazione “completamente disfunzionale” tra Stati Uniti e Cina e la possibilità che potrebbe portare a una nuova guerra fredda.

Il segretario generale non ha rinunciato alle sue preoccupazioni per le tensioni tra Stati Uniti e Cina mentre si rivolgeva ai leader all’apertura della riunione di martedì. “Sarà impossibile affrontare le drammatiche sfide economiche e di sviluppo mentre le due maggiori economie del mondo sono in contrasto tra loro”, ha affermato.

Biden ha cercato di minimizzare le preoccupazioni per l’escalation delle tensioni in Cina in qualcosa di più, dicendo: “Non stiamo cercando una nuova Guerra Fredda o un mondo diviso in blocchi rigidi”.

Più in generale, ha posto una forte enfasi sulla necessità che i leader mondiali lavorino insieme sulla pandemia di COVID-19, per adempiere agli obblighi passati per affrontare il cambiamento climatico, per prevenire i problemi tecnologici emergenti e per consolidare le regole commerciali.

“Sceglieremo di costruire un futuro migliore. Noi, tu ed io, abbiamo la volontà e la capacità di renderlo migliore. Onorevoli colleghi, non possiamo permetterci di perdere altro tempo”, ha affermato. “Possiamo farlo.”

Biden ha pianificato di limitare il suo tempo alle Nazioni Unite a causa delle preoccupazioni per il coronavirus. Ha incontrato il primo ministro australiano Scott Morrison a New York dopo il suo discorso, ma era destinato a spostare il resto della diplomazia della settimana in ambienti virtuali e di Washington.

Morrison e Biden non hanno commentato il lembo con i francesi quando sono apparsi brevemente davanti ai media all’inizio del loro incontro. Morrison, tuttavia, ha elogiato Biden per aver compreso la complessità della situazione nell’Indo-Pacifico.

“Non c’è dubbio che lo capisci”, ha detto il primo ministro a Biden.

In un summit virtuale COVID-19 che Biden ospiterà mercoledì, i leader saranno invitati a intensificare gli impegni di condivisione dei vaccini, affrontare la carenza di ossigeno in tutto il mondo e affrontare altri problemi critici legati alla pandemia.

Il presidente avrebbe anche avuto un incontro con il primo ministro britannico Boris Johnson martedì alla Casa Bianca e venerdì ha invitato a Washington i primi ministri di Australia, India e Giappone – parte di un’alleanza del Pacifico nota come “il Quad”. Oltre alla riunione dei leader del Quad, Biden siederà per incontri individuali con il Primo Ministro indiano Narendra Modi e il Primo Ministro giapponese Yoshihide Suga.

Biden ha difeso la sua decisione di porre fine alla guerra degli Stati Uniti in Afghanistan, un caotico ritiro delle truppe americane che ha frustrato alcuni alleati e ha danneggiato la sua posizione a casa. Ha chiesto al mondo di fare dell’uso della forza “il nostro strumento di ultima istanza, non il nostro primo” andando avanti.

“Oggi, molte delle nostre maggiori preoccupazioni non possono essere risolte o addirittura affrontate con la forza delle armi”, ha affermato. “Bombe e proiettili non possono difendersi dal Covid-19 o dalle sue future varianti”.

TAG: Nazioni Unite, Presidente Joe Biden, UE
adv-87
Articoli Correlati