fbpx
adv-66
<< ESTERI

Attacco all’aeroporto di Kabul uccide 60 afgani e 12 soldati americani

| 27 Agosto 2021 | ESTERI

Due attentatori suicidi e uomini armati hanno attaccato una folla di afghani che affollavano l’aeroporto di Kabul, trasformando una scena di disperazione in uno di orrore nei giorni calanti di un ponte aereo per coloro che fuggivano dalla presa di potere dei talebani. Almeno 60 afgani e 12 soldati statunitensi sono stati uccisi, hanno detto funzionari afgani e statunitensi.

Funzionari statunitensi hanno detto che 11 marines e un medico della Marina erano tra coloro che sono morti. Hanno detto che altri 12 membri del servizio sono stati feriti e hanno avvertito che il bilancio potrebbe crescere. Più di 140 afgani sono rimasti feriti, ha detto un funzionario afghano.

Uno degli attentatori ha colpito persone in piedi in un canale di acque reflue sotto il sole cocente, gettando i corpi nell’acqua fetida. Coloro che pochi istanti prima avevano sperato di prendere l’aereo si vedevano trasportare i feriti sulle ambulanze storditi, i loro stessi vestiti scuriti di sangue.

Un funzionario americano ha affermato che il complesso attacco sarebbe stato effettuato dal gruppo dello Stato islamico. L’affiliato dell’ISIS in Afghanistan è molto più radicale dei talebani, che di recente hanno preso il controllo del Paese in un blitz lampo e hanno condannato l’attacco.

Funzionari occidentali avevano avvertito di un grave attacco, esortando le persone a lasciare l’aeroporto, ma quel consiglio è stato in gran parte inascoltato dagli afgani che cercano disperatamente di fuggire dal paese negli ultimi giorni di un’evacuazione guidata dagli americani prima che gli Stati Uniti pongano fine ufficialmente alla loro presenza ventennale il 31 agosto.

Emergency, un ente di beneficenza italiano che gestisce ospedali in Afghanistan, ha affermato di aver ricevuto almeno 60 pazienti feriti nell’attacco all’aeroporto, oltre a 10 che erano morti al loro arrivo.

“I chirurghi lavoreranno fino a notte fonda”, ha affermato Marco Puntin, direttore dell’organizzazione benefica in Afghanistan. I feriti hanno traboccato la zona di triage nell’area di fisioterapia e sono stati aggiunti altri letti, ha detto.

Il funzionario afghano che ha confermato il bilancio complessivo afghano ha parlato a condizione di anonimato perché non era autorizzato a informare i media.

Il portavoce del Pentagono John Kirby ha detto che un’esplosione è avvenuta vicino all’ingresso di un aeroporto e un’altra è stata a breve distanza da un hotel.

Anche se l’area è stata colpita, i voli di evacuazione hanno continuato a decollare dall’aeroporto di Kabul.

Adam Khan stava aspettando nelle vicinanze quando ha visto la prima esplosione fuori da quella che è conosciuta come la porta dell’Abbazia. Ha detto che diverse persone sembravano essere state uccise o ferite, incluse alcune che erano mutilate.

La seconda esplosione è avvenuta al Baron Hotel o nelle sue vicinanze, dove è stato detto a molte persone, inclusi afgani, britannici e americani, di radunarsi nei giorni scorsi prima di dirigersi verso l’aeroporto per l’evacuazione.

Un ex Royal Marine che gestisce un rifugio per animali in Afghanistan dice che lui e il suo staff sono stati coinvolti all’indomani dell’esplosione vicino all’aeroporto.

“All’improvviso abbiamo sentito degli spari e il nostro veicolo è stato preso di mira, se il nostro autista non si fosse girato sarebbe stato colpito alla testa da un uomo con un AK-47”, ha detto Paul “Pen” Farthing all’agenzia di stampa britannica Press Association.

Farthing sta cercando di portare il personale della sua organizzazione benefica Nowzad fuori dall’Afghanistan, insieme agli animali salvati dal gruppo.

È tra migliaia che cercano di fuggire. Nell’ultima settimana, l’aeroporto è stato teatro di alcune delle immagini più ardenti della fine caotica della guerra più lunga d’America e dell’acquisizione dei talebani, mentre un volo dopo l’altro è decollato trasportando coloro che temono un ritorno al governo brutale dei militanti. Quando i talebani sono stati l’ultima volta al potere, hanno confinato le donne in gran parte nelle loro case e imposto restrizioni draconiane.

Alcuni paesi hanno già terminato le loro evacuazioni e hanno iniziato a ritirare i loro soldati e diplomatici, segnando l’inizio della fine di uno dei più grandi ponti aerei della storia. I talebani hanno insistito sul fatto che le truppe straniere devono uscire entro la scadenza autoimposta dall’America del 31 agosto , e anche le evacuazioni devono terminare.

A Washington, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha trascorso gran parte della mattinata nella Situation Room della Casa Bianca, dove è stato informato sulle esplosioni e ha conferito con la sua squadra di sicurezza nazionale e i comandanti sul campo a Kabul.

Durante la notte, dalle capitali occidentali sono emersi avvertimenti su una minaccia dell’IS, che ha visto i suoi ranghi rafforzati dalla liberazione dei prigionieri da parte dei talebani durante la sua avanzata attraverso l’Afghanistan.

Poco prima dell’attacco, l’ambasciatore statunitense in carica a Kabul, Ross Wilson, ha affermato che la minaccia alla sicurezza all’aeroporto di Kabul durante la notte è stata “chiaramente considerata credibile, imminente, convincente”. Ma in un’intervista con ABC News, non ha fornito dettagli.

Mercoledì in ritardo, l’ambasciata degli Stati Uniti ha avvertito i cittadini ai tre gate dell’aeroporto di partire immediatamente a causa di una minaccia alla sicurezza non specificata. Anche Australia, Gran Bretagna e Nuova Zelanda hanno consigliato ai loro cittadini giovedì di non recarsi in aeroporto.

Il portavoce dei talebani Zabihullah Mujahid ha negato che qualsiasi attacco fosse imminente all’aeroporto, dove i combattenti del gruppo si sono schierati e occasionalmente hanno usato tattiche pesanti per controllare la folla. Dopo l’attacco, è sembrato sottrarsi alla colpa, osservando che l’aeroporto è controllato dalle truppe statunitensi.

Prima dell’esplosione, i talebani hanno spruzzato un cannone ad acqua su coloro che si erano radunati a un cancello dell’aeroporto per cercare di allontanare la folla, mentre qualcuno lanciava lacrimogeni altrove.

Nadia Sadat, afgana di 27 anni, ha portato con sé la figlia di 2 anni fuori dall’aeroporto. Lei e suo marito, che avevano lavorato con le forze della coalizione, hanno perso una chiamata da un numero che credevano fosse il Dipartimento di Stato e stavano cercando di entrare in aeroporto senza fortuna. Suo marito si era spinto avanti tra la folla per cercare di farli entrare.

“Dobbiamo trovare un modo per evacuare perché le nostre vite sono in pericolo”, ha detto Sadat. “Mio marito ha ricevuto diversi messaggi minacciosi da fonti sconosciute. Non abbiamo possibilità se non di fuggire”.

Aman Karimi, 50 anni, ha scortato sua figlia e la sua famiglia all’aeroporto, temendo che i talebani la prendessero di mira a causa del lavoro del marito con la NATO.

“I talebani hanno già iniziato a cercare coloro che hanno lavorato con la NATO”, ha detto. “Li cercano casa per casa di notte.”

Gli estremisti sunniti dell’IS, con legami con la più nota affiliata del gruppo in Siria e Iraq, hanno compiuto una serie di brutali attacchi, diretti principalmente alla minoranza musulmana sciita afghana, compreso un assalto del 2020 a un ospedale per la maternità a Kabul in cui ucciso donne e bambini.

I talebani hanno combattuto contro i militanti dello Stato islamico in Afghanistan, dove i talebani hanno ripreso il controllo quasi 20 anni dopo essere stati cacciati da un’invasione guidata dagli Stati Uniti. Gli americani sono entrati in seguito agli attacchi dell’11 settembre, che al-Qaeda ha orchestrato mentre era al riparo dal gruppo.

Tra gli avvertimenti e l’imminente ritiro americano, il Canada ha posto fine alle sue evacuazioni e le nazioni europee si sono fermate o si sono preparate a interrompere le proprie operazioni.

“La realtà sul campo è che il perimetro dell’aeroporto è chiuso. I talebani hanno stretto il cappio. È molto, molto difficile per chiunque passare a questo punto”, ha detto il generale canadese Wayne Eyre, capo di stato maggiore della difesa del paese, prima dell’attacco.

Il tenente colonnello Georges Eiden, rappresentante dell’esercito lussemburghese nel vicino Pakistan, ha affermato che venerdì segnerà la fine ufficiale per gli alleati degli Stati Uniti. Ma due funzionari dell’amministrazione Biden hanno negato che fosse così.

Un terzo funzionario ha affermato che gli Stati Uniti hanno lavorato con i loro alleati per coordinare la partenza di ciascun paese e alcune nazioni hanno chiesto più tempo e gli è stato concesso.

“La maggior parte parte più tardi durante la settimana”, ha detto, aggiungendo che alcuni avrebbero interrotto le operazioni giovedì. Tutti e tre i funzionari hanno parlato a condizione di anonimato perché non erano autorizzati a discutere pubblicamente le informazioni.

Il ministro della Difesa danese Trine Bramsen ha avvertito senza mezzi termini in precedenza: “Non è più sicuro volare dentro o fuori Kabul”.

L’ultimo volo della Danimarca è già partito e anche Polonia e Belgio hanno annunciato la fine delle loro evacuazioni. Il governo olandese ha detto che gli Stati Uniti gli avevano detto di partire giovedì.

Ma Kirby, il portavoce del Pentagono, ha detto che alcuni aerei continueranno a volare.

“Le operazioni di evacuazione a Kabul non si concluderanno in 36 ore. Continueremo a evacuare quante più persone possibile fino alla fine della missione”, ha affermato in un tweet.

I talebani hanno dichiarato che consentiranno agli afgani di partire con voli commerciali dopo la scadenza della prossima settimana, ma non è chiaro quali compagnie aeree torneranno in un aeroporto controllato dai militanti. Il portavoce presidenziale turco Ibrahim Kalin ha affermato che sono in corso colloqui tra il suo paese e i talebani per consentire agli esperti civili turchi di aiutare a gestire la struttura.

TAG: Afghanistan, attacco, isis, Kabul, talebani, USA
adv-484
Articoli Correlati