fbpx
adv-850
<< ESTERI

I talebani insistono sulla ritirata degli Stati Uniti

Sparatoria all'aeroporto di Kabul, morto un soldato afghano
| 24 Agosto 2021 | ESTERI

Uno scontro a fuoco fuori dall’aeroporto internazionale di Kabul ha ucciso un soldato afghano, evidenziando i pericoli degli sforzi di evacuazione anche se i talebani hanno avvertito che qualsiasi tentativo delle truppe statunitensi di ritardare il loro ritiro per dare alle persone più tempo per fuggire avrebbe “provocato una reazione».

La sparatoria è avvenuta quando i talebani si sono mossi per puntellare la loro posizione ed eliminare sacche di resistenza armata alla loro acquisizione fulminea all’inizio di questo mese. I talebani hanno affermato di aver ripreso tre distretti a nord della capitale sequestrati dagli oppositori il giorno prima e di aver circondato il Panjshir, l’ultima provincia che rimane fuori dal loro controllo.

Le forze di sicurezza afghane sono crollate di fronte all’avanzata dei talebani, nonostante 20 anni di aiuti, addestramento e assistenza occidentali. Da allora, decine di migliaia di afgani hanno cercato di fuggire dal paese, temendo un ritorno al governo brutale imposto dai talebani l’ultima volta che hanno governato l’Afghanistan. Ciò ha portato al caos all’aeroporto di Kabul, la principale via d’uscita dal Paese.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden non ha escluso di estendere l’evacuazione oltre il 31 agosto, data che aveva fissato per completare il ritiro delle forze statunitensi. Il primo ministro britannico Boris Johnson intende premere su Biden per una proroga.

Ma il portavoce dei talebani Suhail Shaheen, in un’intervista a Sky News, ha affermato che il 31 agosto è una “linea rossa” e che estendere la presenza americana “provocherebbe una reazione”.

Una sparatoria è scoppiata lunedì all’inizio dell’aeroporto vicino all’ingresso dell’aeroporto, dove almeno sette afgani erano morti il ​​giorno prima in un fuggi fuggi in preda al panico di migliaia di persone.

Il capitano della marina William Urban, un portavoce dell’esercito americano, ha detto che un aggressore sconosciuto ha sparato alle forze di sicurezza afgane al cancello settentrionale dell’aeroporto, portando le truppe afgane, statunitensi e alleate ad aprire il fuoco in risposta. Ha detto che un soldato afghano è stato ucciso e “diversi afgani” sono rimasti feriti.

Un’organizzazione umanitaria italiana che gestisce ospedali in Afghanistan ha dichiarato di aver curato sei pazienti con ferite da arma da fuoco dall’aeroporto.

Nessun commento da parte dei talebani, che nei giorni scorsi hanno sparato colpi di avvertimento e si sono scagliati con i manganelli per cercare di controllare la folla che si accalcava a migliaia fuori dall’aeroporto.

Le tragiche scene intorno all’aeroporto hanno paralizzato il mondo. Gli afgani si sono riversati sull’asfalto la scorsa settimana e alcuni si sono aggrappati a un aereo da trasporto militare statunitense mentre è decollato, per poi precipitare verso la morte. Quel giorno morirono almeno sette persone, oltre alle sette uccise domenica.

I talebani danno la colpa dell’evacuazione caotica all’esercito americano e dicono che non c’è bisogno che gli afghani fuggano. Si sono impegnati a portare pace e sicurezza dopo decenni di guerra e dicono che non cercheranno vendetta su coloro che hanno lavorato con gli Stati Uniti, la NATO e il governo afghano rovesciato.

Rivolgendosi a una conferenza di religiosi musulmani, il portavoce dei talebani Zabihullah Mujahid li ha esortati a respingere la “propaganda” occidentale sui talebani e ha affermato che gli Stati Uniti stanno minando il loro dominio inviando aerei e offrendo asilo agli afgani.

Ma Mohammad Khalid, un altro funzionario talebano che si rivolge allo stesso raduno, ha adottato un tono più inquietante, dicendo che “la storia e gli afgani non perdoneranno coloro che sono stati addestrati negli Stati Uniti e in Europa e sono tornati per uccidere la propria gente”.

Ha detto che i paesi stranieri non dovrebbero interferire nell’istruzione, chiedendo ai religiosi se avrebbero “tollerato una ragazza seduta accanto a un ragazzo a scuola”. Ha anche elogiato il ruolo degli attentatori suicidi nel costringere gli Stati Uniti al ritiro.

I messaggi divergenti hanno sollevato dubbi sul fatto che i talebani siano pienamente uniti dietro l’immagine più moderata che sta proiettando la loro leadership. Ci sono state anche segnalazioni negli ultimi giorni di talebani che danno la caccia ai loro ex nemici.

Il ministro della Difesa tedesco Annegret Kramp-Karrenbauer ha dichiarato al quotidiano Bild che l’ostacolo principale per far uscire le persone era la folla fuori dall’aeroporto.

Alla domanda sulle assicurazioni talebane di un passaggio sicuro all’aeroporto, ha detto: “Finora, posso dire che ciò di cui abbiamo bisogno è stato concesso; il pericolo viene più da queste folle incontrollabili di persone”.

Mentre il ponte aereo continua, il governo degli Stati Uniti ha chiesto 18 velivoli di vettori commerciali americani per aiutare a trasportare i rifugiati afgani alle loro destinazioni finali dopo la loro evacuazione iniziale.

Dal 14 agosto, gli Stati Uniti hanno evacuato o facilitato l’evacuazione di circa 37.000 persone su voli militari e della coalizione. Questi sforzi stanno accelerando: nelle 24 ore che si sono concluse all’inizio di lunedì, i voli militari statunitensi hanno portato in salvo circa 10.400 persone, ha detto un funzionario.

Decine di migliaia di persone – americani, altri stranieri e afgani che hanno assistito allo sforzo bellico – stanno ancora aspettando di unirsi al ponte aereo, che è stato rallentato da problemi di sicurezza e ostacoli burocratici statunitensi.

Si teme anche che un affiliato locale del gruppo dello Stato Islamico possa prendere di mira la folla fuori dall’aeroporto con attentatori suicidi o lanciando missili contro gli aerei statunitensi. Gli aerei militari hanno eseguito atterraggi a cavatappi e altri aerei hanno sparato razzi al decollo, entrambe misure utilizzate per evitare attacchi missilistici.

I talebani e l’IS hanno ideologie diverse e hanno combattuto negli ultimi anni, ma una preoccupazione per l’acquisizione del potere da parte dei talebani è che potrebbero nuovamente dare rifugio ai gruppi estremisti. I talebani hanno ospitato al-Qaeda mentre orchestrava gli attacchi dell’11 settembre, che hanno portato all’invasione degli Stati Uniti nel 2001. I talebani ora affermano che non permetteranno all’Afghanistan di essere una base per attacchi contro altri paesi.

Altrove in Afghanistan, i talebani hanno affrontato una limitata resistenza armata dei combattenti nella provincia di Baghlan, a circa 120 chilometri (75 miglia) a nord di Kabul. I combattenti anti-talebani hanno affermato di aver sequestrato tre distretti nella valle di Andarab domenica, ma i talebani hanno detto lunedì di averli sgomberati durante la notte.

Khair Mohammad Khairkhwa e Abdul Ghani Mahmood, comandanti delle forze anti-talebane, hanno affermato che i recenti combattimenti hanno causato vittime da entrambe le parti e sfollati civili.

Mujahid, il portavoce dei talebani, ha detto che le forze del gruppo hanno anche circondato il vicino Panjshir, l’unica delle 34 province dell’Afghanistan ancora caduta in mano ai talebani. Diversi oppositori talebani si sono riuniti lì, impegnandosi a resistere a qualsiasi tentativo di prendere la provincia con la forza.

Mujahid ha affermato che non ci sono stati ancora combattimenti nel Panjshir e che i talebani stanno cercando una “soluzione pacifica”.

TAG: Afghanistan, Kabul, talebani, USA
adv-210
Articoli Correlati