fbpx
adv-563
<< INCHIESTE

Malta risponda sull’assassinio della giornalista Daphne Caruana Galizia

| 30 Luglio 2021 | INCHIESTE

Un’inchiesta indipendente sull’omicidio della giornalista investigativa Daphne Caruana Galizia, ha scoperto che lo stato maltese “deve assumersi la responsabilità” dell’assassinio a causa della cultura dell’impunità emanata dai più alti livelli di governo.

La famiglia di Caruana Galizia aveva cercato l’inchiesta sull’autobomba del 16 ottobre 2017 vicino alla casa di famiglia a Malta. L’omicidio nel piccolo paese dell’UE ha provocato onde d’urto non solo a Malta, ma in tutta Europa.

L’inchiesta ha rilevato che non vi erano prove che lo stato avesse avuto un ruolo diretto nell’assassinio, ma ha affermato che lo stato “deve assumersi la responsabilità creando un’atmosfera di impunità, generata dai più alti livelli nel cuore dell’amministrazione (l’ufficio del primo ministro) e, come una piovra, si è diffuso ad altre entità, come le autorità di regolamentazione e la polizia, portando a un crollo dello stato di diritto”.

Il rapporto affermava che lo stato e le sue entità non erano riusciti a riconoscere il vero rischio per la vita di Caruana Galizia, date le minacce sotto cui aveva vissuto, e non avevano nemmeno adottato misure per evitare il rischio, secondo il rapporto.

La famiglia Caruana Galizia ha dichiarato in una dichiarazione che i risultati dell’inchiesta confermano la convinzione della famiglia che il suo assassinio è stato il risultato diretto del crollo dello stato di diritto e dell’impunità che lo Stato ha fornito alla rete corrotta di cui stava riportando.

“Speriamo che i suoi risultati portino al ripristino dello stato di diritto a Malta”, ha aggiunto la famiglia.

Yorgen Fenech, un importante uomo d’affari che aveva legami con alcuni funzionari del governo, è accusato dai pubblici ministeri di essere stato la mente dell’omicidio. Si è dichiarato non colpevole delle accuse di presunta complicità nell’omicidio e presunta organizzazione e finanziamento dell’attentato.

Inoltre, tre uomini sono stati accusati di aver compiuto l’attacco, due di aver fornito esplosivo e un altro di essere l’intermediario. Le prove sono in corso. Uno degli incaricati dell’attentato ha ammesso il suo ruolo, così come l’intermediario.

Joseph Muscat, l’ex primo ministro di Malta, si è dimesso alla fine del 2019 a seguito delle proteste che premevano per la verità sull’assassinio del giornalista investigativo, i cui rapporti erano rivolti all’amministrazione di Muscat ma anche all’opposizione.

In una dichiarazione su Facebook, Muscat ha cercato di allontanare la sua amministrazione dallo “stato di impunità” menzionato nel rapporto.

Ha osservato che gli arresti dei presunti sicari entro due mesi e la presunta mente pochi mesi dopo “confutano qualsiasi impressione di impunità che i presunti autori potrebbero aver avuto”. E ha puntato il dito contro le precedenti amministrazioni, durante le quali ha affermato che “sono stati commessi crimini di alto profilo, ma nessuno è stato perseguito a tutti”.

Il rapporto di inchiesta ha formulato una serie di raccomandazioni per migliorare le leggi e proteggere meglio i giornalisti a Malta.

Durante una conferenza stampa, il primo ministro Robert Abela, insediatosi lo scorso anno, si è scusato con la famiglia di Caruana Galizia per le “gravi carenze” dello stato.

In precedenza ha affermato che è necessario trarre lezioni dal rapporto e che le riforme devono essere perseguite “con maggiore determinazione”.

TAG: Daphne Caruana Galizia, giornalisti, Malta
adv-217
Articoli Correlati