fbpx
adv-272
<< INCHIESTE

Il Vaticano incrimina 10 alti prelati, compreso il cardinale Becciu

| 4 Luglio 2021 | INCHIESTE

Un giudice vaticano ha incriminato sabato 10 persone, tra cui un cardinale un tempo potente, con l’accusa di appropriazione indebita, abuso d’ufficio, estorsione e frode in relazione all’investimento da 350 milioni di euro della Segreteria di Stato in un immobile londinese avventurarsi.

Il presidente del Tribunale penale vaticano, Giuseppe Pignatone, ha fissato il 27 luglio come data del processo, anche se gli avvocati di alcuni imputati si sono chiesti come prepararsi al processo così presto dato che non avevano ancora ricevuto formalmente l’atto d’accusa.

La richiesta d’accusa di 487 pagine è stata emessa a seguito di un’indagine tentacolare, durata due anni, su come la Segreteria di Stato ha gestito il suo vasto portafoglio di beni, in gran parte finanziato da donazioni dei fedeli. Lo scandalo per le sue perdite multimilionarie ha portato a una forte riduzione delle donazioni e ha spinto Papa Francesco a privare l’ufficio della sua capacità di gestire il denaro.

Cinque ex funzionari vaticani, tra cui il cardinale Angelo Becciu e due funzionari della Segreteria di Stato, sono stati incriminati, oltre agli imprenditori italiani che hanno gestito l’investimento.

La Procura vaticana accusa i principali indagati di aver strappato alla Santa Sede milioni di euro in compensi, cattivi investimenti e altre perdite legate a rapporti finanziari che sono stati finanziati in gran parte dalle donazioni dell’Obolo di Pietro al papa per opere di carità. I sospetti hanno negato illeciti.

Uno dei principali indagati, il broker italiano Gianluigi Torzi, è accusato di aver estorto al Vaticano 15 milioni di euro per cedere la proprietà dell’edificio londinese alla fine del 2018. Torzi era stato trattenuto dal Vaticano per aiutarlo ad acquisire la piena proprietà dell’edificio da un altro money manager incriminato che aveva gestito l’investimento iniziale nel 2013, ma ha perso milioni in quelli che, secondo il Vaticano, erano affari speculativi e imprudenti.

I pubblici ministeri vaticani sostengono che Torzi abbia inserito una clausola dell’ultimo minuto nel contratto che gli conferisce pieni diritti di voto nell’accordo.

La gerarchia vaticana, tuttavia, ha firmato il contratto, con l’approvazione sia del n. 2 del papa, il cardinale Pietro Parolin, sia del suo vice. Nessuno dei due è stato incriminato. Inoltre, lo stesso Francesco era a conoscenza dell’affare e del coinvolgimento di Torzi in esso.

I pubblici ministeri vaticani affermano che la gerarchia vaticana è stata ingannata da Torzi e aiutata in parte da un avvocato italiano – anch’egli incriminato sabato – nell’accettare i termini. La Segreteria di Stato intende dichiararsi parte lesa nella causa.

Torzi ha negato le accuse e ha affermato che le accuse erano dovute a un malinteso. Attualmente è a Londra in attesa di una richiesta di estradizione da parte delle autorità italiane, che stanno cercando di processarlo per altri oneri finanziari. I suoi rappresentanti hanno detto che sabato non hanno avuto commenti immediati poiché non avevano ancora visto l’atto d’accusa.

Incriminato anche un ex contendente al papa e funzionario della Santa Sede, il cardinale Angelo Becciu, che contribuì a progettare l’investimento iniziale a Londra quando era capo dello staff della Segreteria di Stato.

Francesco lo ha licenziato come capo dei santi del Vaticano l’anno scorso, apparentemente in relazione a una questione separata: la donazione di 100.000 euro di fondi della Santa Sede da parte di Becciu a un ente di beneficenza diocesano gestito da suo fratello.

Becciu originariamente non aveva fatto parte dell’indagine di Londra, ma è stato incluso dopo che sembrava che fosse lui dietro la proposta di acquistare l’edificio, dicono i pubblici ministeri, sostenendo che anche lui avrebbe interferito nelle indagini.

In una dichiarazione rilasciata sabato dai suoi avvocati, Becciu ha insistito sulla “falsità assoluta” delle accuse e ha denunciato quella che ha definito “una gogna mediatica senza precedenti” contro di lui sulla stampa italiana.

“Sono vittima di un complotto ordito contro di me. E ho aspettato a lungo di conoscere eventuali accuse contro di me, per permettermi di negarle prontamente e dimostrare al mondo la mia assoluta innocenza”, ha detto.

Uno dei protetti di Becciu, la sedicente analista dell’intelligence Cecilia Marogna, è stato incriminato con accuse separate di appropriazione indebita. Becciu aveva assunto Marogna come consulente esterno dopo che lei lo aveva contattato nel 2015 per preoccupazioni sulla sicurezza delle ambasciate vaticane negli hotspot globali. Becciu ha autorizzato centinaia di migliaia di euro di fondi della Santa Sede a lei per liberare sacerdoti e suore cattolici tenuti in ostaggio in Africa, secondo i messaggi WhatsApp ristampati dai media italiani.

Anche la sua holding con sede in Slovenia, che ha ricevuto i fondi, è stata tra le quattro società condannate a essere processate.

Marogna afferma che il denaro era un compenso per il legittimo lavoro di intelligence e rimborsi. I pubblici ministeri affermano che ha speso i soldi per acquisti di lusso che erano incompatibili con lo scopo umanitario della sua azienda.

In una dichiarazione sabato, il suo team legale ha affermato che Marogna era pronta da mesi a “fornire un resoconto completo del suo lavoro e non teme nulla delle accuse mosse contro di lei”.

Incriminati anche gli ex due alti funzionari dell’agenzia di vigilanza finanziaria vaticana, per presunto abuso d’ufficio. I pubblici ministeri affermano che non riuscendo a fermare l’accordo Torzi, hanno svolto una “funzione decisiva” nel lasciarlo giocare.

L’avvocato dell’ex direttore dell’ufficio, Tommaso di Ruzza, ha detto di aver visto solo il comunicato stampa vaticano sulle accuse ma ha insistito sul fatto che il suo assistito “ha sempre agito nel più scrupoloso rispetto della legge e dei suoi doveri d’ufficio, nell’esclusivo interesse della Santa Sede».

L’ex capo dell’ufficio, Rene Bruelhart, ha difeso il suo lavoro e ha affermato che la sua accusa è stata “un errore procedurale che verrà immediatamente chiarito dagli organi di giustizia vaticana non appena la difesa potrà esercitare i propri diritti”.

Un ex funzionario del Segretario di Stato, monsignor Mauro Carlino, ha espresso shock per la sua accusa per presunta estorsione e abuso d’ufficio, dicendo che il suo unico coinvolgimento nell’accordo è stato dopo che gli è stato ordinato dai suoi superiori di negoziare Torzi da una commissione di 20 milioni di euro a 15 milioni di euro.

“Sembra incomprensibile che un atto meritevole … che non gli ha portato alcun vantaggio personale e che al contrario ha fornito un notevole risparmio alla Segreteria di Stato, possa portare a un atto d’accusa”, si legge in una nota del suo legale, Salvino Mondello.

TAG: appropriazione indebita, indagati, prelati, Vaticano
adv-537
Articoli Correlati