fbpx
adv-243
<< ESTERI

La Turchia si ritira ufficialmente dalla Convenzione di Istanbul

| 2 Luglio 2021 | ESTERI

La Turchia si è formalmente ritirata da uno storico trattato internazionale che protegge le donne dalla violenza e ha firmato nella propria città di Istanbul, anche se il presidente Recep Tayyip Erdogan ha insistito sul fatto che non sarà un passo indietro per le donne.

Centinaia di donne hanno manifestato a Istanbul giovedì successivo, portando striscioni che dicevano che non si arrenderanno alla Convenzione di Istanbul del Consiglio d’Europa. “Non è finita per noi”, diceva uno. Proteste simili si sono svolte in altre città turche.

Erdogan ha concluso la partecipazione del paese alla convenzione con un decreto a sorpresa durante la notte a marzo, provocando la condanna dei gruppi per i diritti delle donne e dei paesi occidentali. Un ricorso del tribunale per fermare il ritiro è stato respinto questa settimana.

Erdogan ha annunciato giovedì il suo “Piano d’azione per la lotta alla violenza contro le donne”, che include obiettivi come la revisione dei processi giudiziari, il miglioramento dei servizi di protezione e la raccolta di dati sulla violenza.

“Alcuni gruppi stanno cercando di presentare il nostro ritiro ufficiale dalla convenzione di Istanbul il 1° luglio come un passo indietro”, ha detto. “Proprio come la nostra lotta contro la violenza sulle donne non è iniziata con la Convenzione di Istanbul, non finirà con il nostro ritiro”.

A marzo, la direzione delle comunicazioni della presidenza turca ha rilasciato una dichiarazione in cui affermava che la Convenzione di Istanbul è stata “dirottata” da coloro “che tentano di normalizzare l’omosessualità, che è incompatibile con i valori sociali e familiari della Turchia”.

Giovedì Erdogan ha sottolineato la famiglia tradizionale e i valori di genere, affermando che la lotta alla violenza contro le donne è stata anche una lotta per “proteggere i diritti e l’onore delle nostre madri, mogli e figlie”.

Il portavoce del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti Ned Price ha twittato che il ritiro della Turchia è stato “profondamente deludente e un passo indietro per lo sforzo internazionale per porre fine alla violenza contro le donne”.

Donne, gruppi LGBT e altri hanno protestato contro la decisione. Dicono che i pilastri della convenzione di prevenzione, protezione, perseguimento penale e coordinamento delle politiche, così come la sua identificazione della violenza di genere, sono fondamentali per proteggere le donne in Turchia.

Centinaia di donne si sono radunate giovedì in mezzo a una forte presenza della polizia nella principale arteria pedonale di Istanbul. I manifestanti hanno tenuto striscioni colorati, bandiere femministe e arcobaleno, hanno suonato musica, fischiato e gridato slogan. La polizia ha chiuso l’area, ma in seguito ha rimosso brevemente le barricate per consentire una breve marcia.

L’attivista turca di Amnesty International Milena Buyum ha twittato dalla protesta dopo che la polizia ha richiuso il viale con le barricate: “L’ironia di centinaia di donne e difensori dei diritti LGBTI+ bloccati da un numero enorme di agenti di polizia prevalentemente maschi non è andata perduta”. Gli osservatori del gruppo per i diritti hanno detto che la polizia ha usato gas lacrimogeni dopo aver detto ai manifestanti di disperdersi.

Sabato, la polizia ha disperso i manifestanti LGBT con gas lacrimogeni e ne ha arrestati dozzine, che sono stati successivamente rilasciati.

I dati del gruppo We Will Stop Femicide mostrano che 189 donne sono state uccise finora nel 2021 nel paese e 409 l’anno scorso.

In precedenza, in una dichiarazione, Amnesty International ha definito il ritiro della Turchia “vergognoso”.

“Allo scoccare della mezzanotte di oggi, la Turchia ha voltato le spalle al gold standard per la sicurezza di donne e ragazze. Il ritiro invia un messaggio sconsiderato e pericoloso ai colpevoli che abusano, mutilano e uccidono: che possono continuare a farlo impunemente”, ha affermato il segretario generale di Amnesty International, Agnès Callamard.

TAG: convenzione di Instambul, donne, Lgbt, Turchia
adv-481
Articoli Correlati