fbpx
adv-320
<< ESTERI

Rapporto Nazioni Unite: violazioni dell’embargo sulle armi in Libia

| 20 Marzo 2021 | ESTERI

Un rapporto delle Nazioni Unite ha abbozzato un quadro cupo della Libia distrutta dal conflitto, accusando diversi governi stranieri di trasformare il paese ricco di petrolio in un palcoscenico per mettere in scena le rivalità e ignorare le sanzioni delle Nazioni Unite e un decennale embargo sulle armi.

Il rapporto di 548 pagine degli esperti delle Nazioni Unite arriva quando un governo ad interim ha preso il potere in Libia questa settimana, progettato per guidare il paese nordafricano attraverso le elezioni entro la fine dell’anno.

Il rapporto afferma che un embargo sulle armi delle Nazioni Unite imposto 10 anni fa è rimasto “totalmente inefficace”, con “ampio, palese e con completo disprezzo per le misure di sanzioni” da parte degli Stati membri delle Nazioni Unite che sostengono le parti rivali in Libia.

“Il loro controllo sull’intera catena di approvvigionamento complica il rilevamento, l’interruzione o l’interdizione”, hanno affermato gli esperti.

Il rapporto, pubblicato all’inizio di questa settimana, copre il periodo da ottobre 2019 a gennaio 2021, periodo che ha visto pesanti combattimenti tra fazioni libiche per il controllo della capitale, Tripoli.

Ha identificato la Turchia e il Qatar come i sostenitori delle forze fedeli all’amministrazione sostenuta dalle Nazioni Unite a Tripoli, a ovest, mentre gli Emirati Arabi Uniti, la Russia e l’Egitto hanno sostenuto Khalifa Hifter, il comandante militare che controlla le parti orientali e meridionali della Libia.

Il rapporto descrive anche come questi paesi abbiano alimentato il conflitto in Libia, che è precipitato nel caos nel 2011, quando una coalizione sostenuta dalla NATO ha aiutato i ribelli a rovesciare l’autocrate di lunga data Moammar Gheddafi, che è stato poi ucciso.

Ha documentato dozzine di spedizioni di armi, inclusi droni, missili terra-aria, pezzi di artiglieria e veicoli corazzati, nonché il dispiegamento di mercenari – inclusi russi, siriani, sudanesi e ciadiani – portati in Libia per rafforzare le sue parti in guerra, soprattutto nell’offensiva di Hifter su Tripoli.

Le forze di Hifter hanno lanciato un’offensiva nell’aprile 2019 per cercare di catturare Tripoli dal governo sostenuto dalle Nazioni Unite. La campagna è crollata a metà del 2020 e le sue forze sono state costrette a ritirarsi nella città strategica di Sirte. Sono stati respinti in gran parte a causa del pesante sostegno militare turco dei loro rivali.

Gli esperti delle Nazioni Unite hanno anche spiegato in dettaglio come l’appaltatore americano per la sicurezza Erik Prince, stretto alleato dell’ex presidente Donald Trump, abbia violato l’embargo sulle armi delle Nazioni Unite, insieme a tre società con sede negli Emirati Arabi Uniti e ai loro top manager, durante la campagna di Hifter su Tripoli.

Hanno delineato un’operazione di sicurezza privata chiamata “Project Opus” progettata per fornire attrezzature militari a Hifter e per “rapire o eliminare individui considerati obiettivi di alto valore”.

Gli esperti hanno anche documentato il dispiegamento di circa 700 soldati delle forze paramilitari sudanesi nella città centrale della Libia di Jufra, che ospita una base aerea interna controllata dai combattenti di Hifter. Le forze sudanesi, note per la loro brutale repressione nella regione del Darfur, sono rimaste in Libia per circa due mesi ma non hanno combattuto, hanno detto gli esperti.

Il rapporto mostra come le compagnie aeree, i charter e le navi mercantili siano state utilizzate dai governi stranieri per trasferire mercenari e armi sofisticate nel conflitto, spesso mascherando le loro missioni.

Ha anche dettagliato una serie di attività in tutta la Libia che hanno minacciato la pace, la stabilità o la sicurezza della Libia. I gruppi militanti sono rimasti attivi nel paese, “anche se con attività ridotte”, ha detto.

Le autorità della Libia orientale hanno continuato i loro sforzi per esportare illegalmente petrolio greggio e importare carburante per aviazione, anche se in quantità minori durante la pandemia, hanno detto gli esperti delle Nazioni Unite, mentre nella Libia occidentale, le infrastrutture delle reti di trafficanti “rimangono intatte e la loro disponibilità a condurre esportazioni illecite non è diminuita. . “

“C’è da aspettarsi una ripresa delle loro attività illecite, una volta ripresa la domanda globale di carburante per bunker”, afferma il rapporto.

Il rapporto ha anche affrontato le accuse di corruzione che hanno afflitto il processo guidato dalle Nazioni Unite che ha selezionato il nuovo governo di transizione. Ad almeno tre partecipanti al forum politico all’inizio di novembre sono state offerte tangenti per votare per un candidato senza nome a primo ministro, ha detto, senza nominare i membri del forum.

Ha rinviato i membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite a ulteriori dettagli sulle accuse in un allegato riservato da riferire.

TAG: embargo armi, Libia, Nazioni Unite, rapporto
adv-28
Articoli Correlati