fbpx
adv-401
<< ESTERI

COVAX: arriva il primo lotto dei vaccini ai palestinesi

| 18 Marzo 2021 | ESTERI

Mercoledì l’Autorità Palestinese (AP) ha ricevuto il primo lotto di vaccini COVID-19 dall’iniziativa di condivisione globale COVAX, in una spinta alle vaccinazioni nella Cisgiordania occupata e nella Striscia di Gaza, che sono molto indietro rispetto alla campagna israeliana.

Un portavoce del ministero della Salute palestinese ha detto che 38.000 dosi del vaccino Pfizer-BioNTech sarebbero state utilizzate per le vaccinazioni a partire da domenica, mentre 24.000 dosi del vaccino Oxford-AstraZeneca sarebbero state conservate “fino a quando non ci sarà una decisione scientifica dell’Organizzazione mondiale della sanità”.

L’OMS, uno dei leader del programma COVAX, ha affermato che il suo comitato consultivo stava esaminando i rapporti di diversi paesi di casi isolati di sanguinamento, coaguli di sangue e bassa conta piastrinica dopo la somministrazione dei colpi di AstraZeneca.

adv-418

Ma lunedì l’organizzazione ha fatto appello alle nazioni affinché non sospendano le campagne di vaccinazione per i timori sulla sicurezza.

I vaccini spediti a Tel Aviv sono stati i primi inviati dall’OMS ai palestinesi sotto la guida COVAX che ha istituito con l’alleanza vaccinale GAVI per garantire un accesso equo alle vaccinazioni COVID-19 a livello globale.

Ulteriori spedizioni COVAX sono previste tra pochi mesi.

Un camion ha portato la spedizione iniziale dall’aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv alla città palestinese di Ramallah, nella Cisgiordania occupata. Circa un terzo delle dosi è stato assegnato alla Striscia di Gaza.

Un funzionario dell’ufficio del coordinatore speciale delle Nazioni Unite per il processo di pace in Medio Oriente ha detto che i vaccini “saranno strumenti fondamentali nella nostra lotta contro la pandemia e per la ripresa socioeconomica”.

L’Autorità Palestinese spera di coprire circa il 20 per cento della popolazione palestinese attraverso l’iniziativa COVAX. Ha detto che le dosi iniziali di COVAX sarebbero state somministrate agli operatori sanitari, ai malati di cancro e ai reni e alle persone di età superiore ai 75 anni.

Le autorità palestinesi sono state recentemente prese di mira a seguito di una protesta per il suo programma di distribuzione, tra le accuse che ai VIP e ai ministri è stata data la priorità.

Diversi gruppi palestinesi per i diritti umani e della società civile hanno sollecitato un’indagine sul programma di vaccinazione dell’Autorità Palestinese, affermando che non era trasparente.

La Cisgiordania occupata, dove vivono 3,1 milioni di palestinesi, ha segnalato 146.359 casi di coronavirus, con 1.667 morti. La Striscia di Gaza, con una popolazione di due milioni di abitanti, ha registrato più di 57.891 casi con 572 morti.

Funzionari sanitari a Gaza hanno detto che circa 8.500 persone hanno ricevuto la prima dose del vaccino russo Sputnik V. Nella Cisgiordania occupata, circa 5.000 hanno avuto il primo colpo.

Circa 90.000 dei 120.000 lavoratori palestinesi che hanno i permessi di lavoro israeliani sono stati vaccinati da Israele, che è stato un leader mondiale nell’introduzione della vaccinazione.

Funzionari israeliani hanno affermato che, in base agli accordi di pace di Oslo, il ministero della salute dell’Autorità Palestinese è responsabile della vaccinazione dei palestinesi.

I critici, tuttavia, hanno accusato Israele di “vaccinare l’apartheid”, affermando che, in quanto potenza occupante, è responsabile dell’inoculazione della popolazione palestinese che è sotto il suo controllo economico e politico.

TAG: COVAX, Palestina, vaccini
adv-280
Articoli Correlati