adv-445
<< ESTERI

Per i Democratici gli invasori del Campidoglio hanno agito su ordine di Trump

Diana DeGette del Colorado: "Il presidente ha detto loro di essere lì".
| 12 Febbraio 2021 | ESTERI

I Democratici alla Camera che perseguono l’impeachment di Donald Trump hanno detto giovedì che gli invasori del Campidoglio credevano di agire “su ordine del presidente” e riflettevano la sua violenta retorica quando hanno fatto irruzione nell’edificio con l’obiettivo di impedire al Congresso di certificare l’elezione del democratico Joe Biden.

I pubblici ministeri hanno descritto in termini duri e personali l’orrore che hanno affrontato quel giorno e hanno mostrato le numerose istruzioni pubbliche ed esplicite che Trump ha dato ai suoi sostenitori, sia nelle settimane prima dell’attacco del 6 gennaio sia durante la sua manifestazione di mezzogiorno che ha scatenato la folla in Campidoglio. I rivoltosi nei video, alcuni pubblicati sui social media da soli, hanno parlato di come stavano facendo tutto per Trump.

“Siamo stati invitati qui”, ha detto uno. “Ci ha mandato Trump”, ha detto un altro. “Sarà felice. Stiamo combattendo per Trump “. Cinque persone sono morte.

“Credevano veramente che l’intera intrusione fosse per ordine del presidente”, ha detto il rappresentante Diana DeGette del Colorado. “Il presidente ha detto loro di essere lì”.

I pubblici ministeri hanno concluso i loro due giorni di discussioni di apertura giovedì, con la difesa di Trump che ha preso la parola venerdì. L’intero processo potrebbe concludersi con una votazione entro questo fine settimana. I Democratici, con poche speranze di convinzione da parte dei due terzi del Senato, stanno facendo il loro caso più esplicito al pubblico americano, mentre gli avvocati di Trump sono concentrati su questioni legali piuttosto che emotive o storiche, sperando di ottenere tutto alle spalle il più rapidamente possibile.

Alla Casa Bianca, il presidente Joe Biden ha affermato di ritenere che “alcune menti potrebbero essere cambiate” dopo che i senatori hanno visto il video di sicurezza agghiacciante mercoledì dell’insurrezione mortale al Campidoglio, compresi i rivoltosi che cercano minacciosamente il presidente della Camera Nancy Pelosi e il vice presidente Mike Pence.

Biden ha detto di non aver visto dal vivo nessuno degli atti del giorno precedente, ma in seguito ha visto la copertura delle notizie.

Questo secondo processo di impeachment, con l’accusa di istigazione all’insurrezione, ha echi dell’impeachment dello scorso anno sulla questione ucraina, poiché i pubblici ministeri avvertono i senatori che lasciare incontrollato Trump rappresenta un pericolo per l’ordine civico. Anche fuori carica, l’ex presidente detiene influenza su ampie fasce di elettori.

I pubblici ministeri di giovedì hanno tratto una linea diretta dai suoi ripetuti commenti che condonavano e persino celebrano la violenza – lodando “entrambe le parti” dopo lo scoppio del 2017 alla manifestazione della supremazia bianca a Charlottesville, in Virginia, e esortando la sua folla di raduno il mese scorso ad andare al Campidoglio e lotta per la sua presidenza.

“C’è uno schema che ci fissa in faccia”, ha detto Rep. Jamie Raskin, D-Md., Il procuratore capo.

“Quando Donald Trump dice alla folla, come ha fatto il 6 gennaio, di combattere come un diavolo, o non avrai più un paese. Voleva che combattessero come l’inferno.”

Gli avvocati di Trump sosterranno più tardi questa settimana che le sue parole sono state protette dal Primo Emendamento della Costituzione e solo un modo di dire.

Sebbene la maggior parte dei giurati del Senato sembri aver preso una decisione, rendendo probabile l’assoluzione di Trump, l’audio e il video mai visti prima rilasciati mercoledì sono ora una mostra chiave nel processo di impeachment di Trump poiché i legislatori che perseguono il caso sostengono che Trump dovrebbe essere condannato. incitando all’assedio.

I senatori si sedettero inchiodati mentre il video stridente veniva riprodotto nella camera. I senatori scossero la testa, incrociarono le braccia e aggrottarono le sopracciglia. Le urla dell’audio e del video riempirono la camera del Senato. Il senatore repubblicano James Lankford dell’Oklahoma ha chinato la testa a un certo punto, un altro collega del GOP gli ha messo la mano sul braccio in tutta comodità.

I video dell’assedio circolano dal giorno della rivolta, ma la compilazione grafica mostrata ai senatori mercoledì si è rivelata una narrazione più completa, una rivisitazione momento per momento di uno dei giorni più allarmanti della nazione. Oltre all’evidente caos e pericolo, ha offerto nuovi dettagli sugli aggressori, scene di eroismo della polizia e grida di angoscia. E ha sottolineato quanto pericolosamente i rivoltosi si avvicinassero ai leader della nazione, spostando il fulcro del processo da un dibattito accademico sulla Costituzione a una semplice rivisitazione dell’assalto.

Il filmato mostrava la folla che si schiantava contro l’edificio, i rivoltosi impegnati in combattimenti corpo a corpo con la polizia e l’audio degli agenti di polizia del Campidoglio che chiedevano rinforzi. I rivoltosi sono stati visti vagare per i corridoi cantando “Hang Mike Pence” e cantando stranamente “Dov’è Nancy?” in cerca di Pelosi.

Pence, che aveva presieduto una sessione per certificare la vittoria elettorale di Biden su Trump, guadagnandosi così la censura di Trump, è stato portato in salvo, dove si è rifugiato in un ufficio con la sua famiglia a soli 100 piedi dai rivoltosi. Pelosi è stata vista evacuata dal complesso mentre il suo staff si nascondeva dietro le porte della sua suite di uffici.

L’obiettivo della presentazione era di considerare Trump non come uno spettatore innocente ma piuttosto come l ‘”incitatore in capo” che ha trascorso mesi a diffondere falsità sulle elezioni.

“Questo attacco non sarebbe mai accaduto, se non fosse stato per Donald Trump”, ha detto il rappresentante Madeleine Dean, uno dei responsabili dell’impeachment, soffocando l’emozione. “E così sono venuti, drappeggiati nella bandiera di Trump, e hanno usato la nostra bandiera, la bandiera americana, per battere e colpire.”

Gli avvocati di Trump probabilmente incolperanno gli stessi rivoltosi per la violenza.

Il primo presidente ad affrontare un processo di impeachment dopo aver lasciato l’incarico, Trump è anche il primo ad essere stato messo sotto accusa due volte.

I suoi avvocati dicono anche che non può essere condannato perché è già andato dalla Casa Bianca. Anche se il Senato ha respinto tale argomento nella votazione di martedì per procedere al processo, la questione legale potrebbe risuonare con i repubblicani del Senato desiderosi di assolvere Trump senza essere visti come accusatori del suo comportamento.

Mentre sei repubblicani si sono uniti ai democratici per votare per procedere con il processo martedì, il voto 56-44 era lontano dalla soglia dei due terzi di 67 voti necessari per la condanna.

Le menti non sembravano cambiare mercoledì, anche dopo che i senatori hanno visto il video grafico.

Il senatore Ted Cruz, R-Texas, che era tra coloro che hanno guidato gli sforzi per sfidare il conteggio del Collegio elettorale, ha detto: “La retorica del presidente è a volte surriscaldata, ma questo non è un referendum sul fatto che tu sia d’accordo con tutto tweets. “

Si prevede che il secondo processo di impeachment di Trump divergerà dalla lunga e complicata vicenda di un anno fa. In quel caso, Trump è stato accusato di aver esercitato pressioni private sull’Ucraina per dissotterrare Biden, allora un rivale democratico per la presidenza.

La Camera a guida democratica ha subito messo sotto accusa il presidente, una settimana dopo l’attacco.

TAG: democratici, Diana DeGette, Donald Trump, impeachment, Presidente Joe Biden
adv-839
Articoli Correlati