adv-289
<< ESTERI

Joe Biden prende il timone della Casa Bianca: “Ha prevalso la democrazia”

| 21 Gennaio 2021 | ESTERI

Joe Biden ha prestato giuramento come 46° presidente degli Stati Uniti, facendo appello alla resilienza americana per affrontare una storica confluenza di crisi esortando le persone a unirsi per porre fine a una “guerra incivile” in una nazione profondamente divisa dopo quattro anni tumultuosi.

Dichiarando che “la democrazia ha prevalso”, Biden ha prestato giuramento in un Campidoglio degli Stati Uniti che era stato battuto da un assedio insurrezionalista due settimane prima.

In una fredda mattina di Washington punteggiata da raffiche di neve, la cerimonia quadriennale si è svolta all’interno di una cerchia di forze di sicurezza evocativa di una zona di guerra e priva di folla a causa della pandemia di coronavirus. Biden ha invece guardato oltre 200.000 bandiere americane piantate nel National Mall per simboleggiare coloro che non potevano partecipare di persona.

“La volontà del popolo è stata ascoltata e la volontà del popolo è stata ascoltata. Abbiamo imparato ancora una volta che la democrazia è preziosa e fragile. In questo momento, amici miei, la democrazia ha prevalso”, ha detto Biden. “Questo è il giorno dell’America. Questo è il giorno della democrazia. Una giornata nella storia e nella speranza, di rinnovamento e determinazione”.

Biden non ha mai menzionato il suo predecessore, che ha sfidato la tradizione lasciando la città prima della cerimonia, ma il suo discorso è stato un rimprovero implicito a Donald Trump. Il nuovo presidente ha denunciato “le bugie raccontate per il potere e per il profitto” ed è stato schietto sulle sfide future.

Centrale tra loro: il virus in aumento che ha causato più di 400.000 vittime negli Stati Uniti, nonché le tensioni economiche e una resa dei conti nazionale sulla razza.

“Abbiamo molto da fare in questo inverno di pericolo e possibilità significative. Molto da riparare, molto da ripristinare, molto da curare, molto da costruire e molto da guadagnare”, ha detto Biden. “Poche persone nella storia della nostra nazione sono state più sfidate o hanno trovato un momento più impegnativo o difficile di quello in cui ci troviamo ora”.

Biden era ansioso di fare le cose in anticipo, con i primi 100 giorni ambiziosi che includono una spinta per accelerare la distribuzione delle vaccinazioni COVID-19 agli americani ansiosi e passare un pacchetto di sollievo contro il virus da 1,9 trilioni di dollari. Il primo giorno, ha pianificato una serie di azioni esecutive per annullare le iniziative dell’amministrazione Trump e ha anche pianificato di inviare una proposta di immigrazione a Capitol Hill che creerebbe un percorso di otto anni verso la cittadinanza per gli immigrati che vivono illegalmente nel paese.

L’assenza del predecessore di Biden alla cerimonia inaugurale, una rottura con la tradizione, ha sottolineato la frattura da sanare.

Ma un trio bipartisan di tre ex presidenti – Bill Clinton, George W. Bush e Barack Obama – era lì per assistere al cerimoniale trasferimento di potere. Trump, in attesa del suo secondo processo di impeachment, era nel suo resort in Florida quando ha avuto luogo il giuramento.

Biden, alla sua terza corsa alla presidenza, ha puntato la sua candidatura meno su un’ideologia politica distintiva che sul galvanizzare un’ampia coalizione di elettori attorno all’idea che Trump rappresentasse una minaccia esistenziale per la democrazia americana. Biden non ha menzionato Trump per nome, ma ha alluso alle spaccature che il suo predecessore aveva contribuito a creare.

“So che le forze che ci dividono sono profonde e reali. Ma so anche che non sono nuove. La nostra storia è stata una lotta costante tra l’ideale americano secondo cui siamo tutti uguali e la dura e brutta realtà del razzismo, del nativismo, della paura, della demonizzazione che ci hanno a lungo lacerati”, ha detto Biden. “Questo è il nostro momento storico di crisi e sfida, e l’unità è la strada da percorrere e dobbiamo affrontare questo momento come Stati Uniti d’America”.

Biden è entrato in carica con un pozzo di empatia e determinazione nate da una tragedia personale, nonché una profonda esperienza forgiata da più di quattro decenni a Washington. All’età di 78 anni, è il presidente più anziano.

Più storia è stata fatta al suo fianco, poiché Kamala Harris è diventata la prima donna ad essere vicepresidente. L’ex senatrice degli Stati Uniti dalla California è anche la prima persona di colore e la prima persona di discendenza dell’Asia meridionale eletta alla vicepresidenza, e la donna di rango più alto che abbia mai servito nel governo.

Kamala Harris presta giuramento agli Stati Uniti d’America

I due hanno prestato giuramento durante una cerimonia di inaugurazione con pochi paralleli. Decine di migliaia di truppe erano in strada per fornire sicurezza esattamente due settimane dopo che una violenta folla di sostenitori di Trump, incitata dal presidente repubblicano, aveva preso d’assalto il Campidoglio nel tentativo di impedire la certificazione della vittoria di Biden.

“Siamo qui, pochi giorni dopo che una folla ribelle pensava di poter usare la violenza per mettere a tacere la volontà della gente”, ha detto Biden. “Per fermare il lavoro della nostra democrazia. Per scacciarci da questo suolo sacro. Non è successo. Non succederà mai. Non oggi, non domani. Non mai. Non mai.”

L’atmosfera tesa evocava l’inaugurazione del 1861 di Lincoln, che fu trasportato segretamente a Washington per evitare assassini alla vigilia della guerra civile, o l’inaugurazione di Roosevelt nel 1945, quando scelse una piccola cerimonia sicura alla Casa Bianca nei mesi calanti. della seconda guerra mondiale.

Ma Washington, quasi deserta in centro e nelle sue aree federali, era tranquilla. E la calma prevaleva anche fuori dagli edifici del Campidoglio, pesantemente fortificati, in tutta la nazione, dopo che l’FBI aveva avvertito della possibilità di manifestazioni armate fino all’inaugurazione.

La giornata è iniziata con una portata attraverso la navata politica dopo quattro anni di aspre battaglie partigiane sotto Trump. Su invito di Biden, i leader del Congresso di entrambe le parti chinarono il capo in preghiera nel servizio socialmente distante a pochi isolati dalla Casa Bianca.

Biden ha prestato giuramento dal giudice capo John Roberts; Harris del giudice Sonia Sotomayor, il primo membro latino della Corte Suprema. Il vicepresidente Mike Pence, in sostituzione di Trump, sedeva lì vicino mentre Lady Gaga, con in mano un microfono d’oro, cantava l’inno nazionale accompagnato dalla band del Corpo dei Marines degli Stati Uniti.

Quando Pence, in un ultimo atto dell’amministrazione uscente, ha lasciato il Campidoglio, è entrato da una porta con il vetro gravemente rotto dalla rivolta di due settimane fa. In seguito, Biden, Harris e i loro coniugi furono raggiunti dagli ex presidenti per deporre una corona di fiori presso la Tomba del Milite Ignoto alla cerimonia nazionale di Arlington.

Biden doveva anche partecipare alla fine di una parata inaugurale ridotta al minimo mentre si trasferisce alla Casa Bianca. A causa della pandemia, gran parte della parata di quest’anno doveva essere un affare virtuale con spettacoli provenienti da tutta la nazione.

In serata, al posto dei tradizionali balli sfarzosi che accolgono un nuovo presidente a Washington, Biden prenderà parte a un concerto televisivo che segna anche il ritorno delle celebrità di A-list nell’orbita della Casa Bianca dopo aver in gran parte evitato Trump. Tra quelli in formazione: Bruce Springsteen, Justin Timberlake e Lin-Manuel Miranda.

Questa non era un’inaugurazione per la folla. Ma gli americani nella capitale hanno comunque portato le loro speranze al momento.

“Mi sento così fiduciosa, così grata”, ha detto Karen Jennings Crooms, una residente di Washington che sperava di intravedere il corteo presidenziale in Pennsylvania Avenue con suo marito. “Ci rattrista il fatto che siamo qui, ma speriamo che la democrazia alla fine vincerà. Questo è ciò su cui mi sto concentrando. “

Trump è stato il primo presidente in più di un secolo a saltare l’inaugurazione del suo successore. Dopo una breve celebrazione di addio nella vicina Joint Base Andrews, salì a bordo dell’Air Force One per l’ultima volta come presidente.

“Combatterò sempre per te. Starò guardando Ti ascolterò e ti dirò che il futuro di questo paese non è mai stato migliore “, ha detto Trump. Ha augurato ogni bene all’amministrazione entrante ma non ha mai menzionato il nome di Biden.

Il simbolismo è stato sorprendente: nel momento stesso in cui Trump è scomparso sulla soglia dell’Air Force One, Biden è emerso da Blair House, il tradizionale alloggio per gli ospiti dei presidenti in attesa, e nel suo corteo per la breve corsa in chiesa.

Trump ha aderito a una tradizione e ha lasciato una nota personale per Biden nello Studio Ovale, secondo la Casa Bianca, che non ha rilasciato i suoi contenuti. E Trump, nel suo discorso di addio, ha accennato a un ritorno politico, dicendo “torneremo in qualche forma”.

Senza dubbio, seguirà i primi giorni di Biden in carica.

Il secondo processo di impeachment di Trump potrebbe iniziare già questa settimana. Ciò potrebbe mettere alla prova la capacità del Senato, pronto a finire sotto il controllo democratico, di bilanciare i procedimenti di impeachment con udienze di conferma e voti sulle scelte del governo di Biden.

Biden ha pianificato un blitz di 10 giorni di ordini esecutivi su questioni che non richiedono l’approvazione del Congresso – un mix di passi sostanziali e simbolici per sciogliere gli anni di Trump. Tra le fasi pianificate: abolire le restrizioni di viaggio per persone provenienti da diversi paesi prevalentemente musulmani; rientrare nell’accordo di Parigi sul clima; l’emissione di un mandato di maschera per coloro che sono di proprietà federale; e ordinare alle agenzie di capire come riunire i bambini separati dalle loro famiglie dopo aver attraversato il confine.

TAG: Casa Bianca, Kamala Harris, Presidente Joe Biden
adv-167
Articoli Correlati