adv-776
<< ESTERI

La presidente della Camera Nancy Pelosi, affronta il difficile 2021

| 4 Gennaio 2021 | ESTERI

La presidente Nancy Pelosi sembrava sulla buona strada domenica per rinnovare la sua presa sul posto di lavoro più importante della Camera, ma davanti a lei c’è la sfida di produrre una legislazione per affrontare la pandemia e rilanciare l’economia, guidando la maggioranza più ristretta della Camera in due decenni.

il nuovo Congresso si è riunito ieri, solo due giorni dopo che i legislatori hanno concluso la loro controversa sessione precedente e con le linee guida COVID-19 che richiedono test e maschere per i membri della Camera. Era diffuso l’uso di maschere e molti meno legislatori e ospiti nella camera del solito. Era una scena inimmaginabile due anni fa, quando iniziò l’ultimo Congresso, prima che scoppiasse la pandemia.

Come al solito, l’Aula ha utilizzato il suo primo voto per eleggere il suo presidente. Pelosi, che guida i Democratici alla Camera dal 2003 ed è l’unica donna ad essere la portavoce, ci si aspettava ampiamente che mantenga il suo incarico nonostante le lamentele tra alcuni democratici, un sottile vantaggio di 222-211 sui repubblicani e una manciata di assenze a causa del coronavirus. C’erano due posti vacanti nella Camera dei 435 membri.

“Nessuno conta meglio alla Camera dei Rappresentanti di Nancy Pelosi”, ha detto il rappresentante Hakeem Jeffries, DN.Y., in un’intervista, descrivendo le sue capacità di conteggio dei voti. “E si è guadagnata il diritto di continuare a guidare la Camera in avanti grazie a un incredibile track record di successi nel bel mezzo di tempi turbolenti nel portare a termine le cose per gli americani di tutti i giorni”, ha detto Jeffries, un membro della leadership del suo partito e uno dei principali contendenti per sostituirla ogni volta che Pelosi si dimette.

Per essere rieletto, Pelosi aveva bisogno della maggioranza dei voti espressi per candidati specifici e poteva permettersi di perdere solo una manciata di voti democratici. Le regole della casa le danno un po di margine di manovra perché i legislatori che sono assenti o che votano “presenti” non vengono conteggiati nel numero totale di coloro che votano.

Il rappresentante Kevin McCarthy, R-Calif., Potrebbe ricevere l’appoggio unanime dei repubblicani, ma sembrava probabile che tornasse a essere il leader della minoranza.

Pelosi ha ottenuto il plauso di molti democratici per due anni in cui ha guidato la loro opposizione al presidente Donald Trump, in gran parte mantenendo uniti i moderati ei progressisti del suo partito sul loro obiettivo comune di sconfiggerlo e raccogliere montagne di fondi per la campagna. Nessun democratico si è fatto avanti per sfidarla, sottolineando la percezione che sarebbe quasi impossibile da far cadere.

Ma Pelosi ha 80 anni e i membri più giovani e ambiziosi continuano a irritare per la lunga presa che lei e altri leader più anziani hanno avuto sul loro lavoro. Anche i democratici erano arrabbiati e divisi dopo un giorno delle elezioni che molti si aspettavano avrebbe comportato l’aggiunta di seggi alla Camera per il partito, ma invece ha visto una dozzina di titolari in carica perdere, senza sconfiggere un solo rappresentante del GOP.

La Pelosi ha recentemente suggerito di nuovo che questi sarebbero stati i suoi ultimi due anni come oratore, facendo riferimento a una dichiarazione che ha fatto due anni fa in cui ha detto che si sarebbe fatta da parte dopo questo periodo.

L’elezione dell’oratore sarebbe avvenuta 17 giorni prima che il democratico Joe Biden fosse inaugurato come presidente. Eppure, piuttosto che un nuovo inizio per lui e Pelosi, c’erano problemi e correnti sotterranee che si sarebbero trasferiti dalla tempestosa amministrazione di Trump.

Sebbene il Congresso abbia promulgato – e Trump alla fine abbia firmato – un pacchetto di aiuti COVID-19 da 900 miliardi di dollari alla fine del mese scorso, Biden e molti democratici affermano di considerare quella misura un acconto. Dicono che sono necessari più aiuti per rafforzare gli sforzi per vaccinare la popolazione, frenare il virus e ripristinare i posti di lavoro e le imprese perse a causa della pandemia.

Molti democratici, con l’improbabile sostegno di Trump, volevano aumentare i pagamenti diretti di $ 600 pro capite di quella legge a $ 2.000, ma sono stati bloccati dai repubblicani. I democratici vogliono denaro aggiuntivo per aiutare i governi statali e locali che lottano per mantenere i servizi ed evitare i licenziamenti.

Le priorità di Biden includono anche gli sforzi per l’assistenza sanitaria e l’ambiente.

Guidare tale legislazione attraverso la Camera sarà una sfida per Pelosi perché la stretta maggioranza del suo partito significa che solo una manciata di disertori potrebbe essere fatale.

Inoltre, la cooperazione con i repubblicani potrebbe essere resa più difficile poiché molti nel GOP continuano a dimostrare fedeltà al divisivo Trump, sostenendo le sue affermazioni infondate secondo cui la sua perdita dalla rielezione è stata contaminata da una frode. Il Congresso si riunirà mercoledì per affermare ufficialmente la chiara vittoria del Collegio elettorale di Biden su Trump. Molti repubblicani alla Camera e al Senato affermano che contesteranno la validità di alcuni di quei voti, ma i loro sforzi che sicuramente falliranno.

Non ci sono state frodi diffuse nelle elezioni, come hanno confermato una serie di funzionari elettorali in tutto il paese, così come l’ex procuratore generale di Trump, William Barr. I governatori repubblicani in Arizona e Georgia, stati chiave del campo di battaglia cruciali per la vittoria di Biden, hanno anche garantito l’integrità delle elezioni nei loro stati. Quasi tutte le sfide legali di Trump e dei suoi alleati sono state respinte dai giudici, comprese due sollevate dalla Corte Suprema, che include tre giudici nominati da Trump.

Nel frattempo, non è chiaro quale partito controllerà il Senato, che i repubblicani terranno a meno che i democratici non vincano entrambe le elezioni di ballottaggio del Senato in Georgia martedì.

Alla Camera, una gara a New York è ancora in fase di decisione e c’è un posto vacante in Louisiana dopo che Luke Letlow, 41 anni, eletto del GOP, è morto dopo aver contratto COVID-19.

La Costituzione prevede che il nuovo Congresso inizi il 3 gennaio, data che può essere modificata solo con l’approvazione di una legge.

I legislatori spostano quasi sempre il giorno di apertura del Congresso in un giorno feriale. Ciò non è accaduto quest’anno perché i democratici erano preoccupati che Trump potesse utilizzare il divario nel calendario per nominare funzionari dell’amministrazione senza ottenere la conferma del Senato.

TAG: Congresso Usa, Nancy Pelosi, Presidente Joe Biden, USA
adv-368
Articoli Correlati