adv-73
<< ESTERI

Gruppo armato dell’Isis uccidono 11 minatori sciiti di minoranza nel Pakistan sudoccidentale

| 4 Gennaio 2021 | ESTERI

Uomini armati hanno aperto il fuoco su un gruppo di minatori di carbone di minoranza sciita Hazara dopo averli rapiti, uccidendo 11 persone nella provincia sud-occidentale del Baluchistan domenica presto, ha detto un funzionario pakistano.

Il gruppo dello Stato Islamico ha successivamente rivendicato l’attacco in una dichiarazione sul suo sito web. Il gruppo militante sunnita ha ripetutamente preso di mira la minoranza sciita del Pakistan negli ultimi anni.

Moazzam Ali Jatoi, un ufficiale della Levies Force, che funge da polizia e paramilitari nella zona, ha detto che gli aggressori hanno identificato i minatori come appartenenti alla comunità sciita Hazara e li hanno portati sulle montagne vicine per l’esecuzione, lasciando gli altri illesi. Ha detto che sei dei minatori sono morti sulla scena e cinque che sono stati gravemente feriti sono morti sulla strada per un ospedale.

Il video della polizia dei corpi ha rivelato che i minatori erano bendati e avevano le mani legate dietro la schiena prima di essere colpiti. L’attacco è avvenuto vicino al giacimento di carbone di Machh, a circa 48 chilometri (30 miglia) a est della capitale provinciale Quetta.

La notizia delle uccisioni si è rapidamente diffusa tra la comunità Hazara ei membri sono scesi in strada a Quetta e nelle aree circostanti per protestare, bloccando le autostrade con pneumatici in fiamme e tronchi d’albero. I funzionari hanno chiuso al traffico le strade interessate.

La violenza è stata in gran parte condannata in tutto il paese, con il primo ministro Imran Khan che ha affermato che gli autori sarebbero stati incaricati e che le famiglie colpite sarebbero state curate.

Il religioso sciita Nasir Abbas ha detto che le proteste per l’incidente saranno organizzate a livello nazionale. Anche i leader politici e religiosi di diversi segmenti della popolazione hanno espresso il loro dolore e il loro dolore per le uccisioni.

La comunità Hazara del Pakistan è stata presa di mira molte volte negli ultimi anni da gruppi militanti sunniti, compreso il gruppo dello Stato islamico. L’IS ha anche dichiarato guerra alle minoranze sciite nel vicino Afghanistan e ha rivendicato una serie di feroci attacchi da quando è emerso lì nel 2014.

Un attentato suicida in un mercato all’aperto di Quetta nell’aprile 2019 ha ucciso venti persone. All’epoca, l’IS aveva detto di aver preso di mira gli sciiti e gli elementi dell’esercito pakistano.

Lo scorso gennaio, l’IS ha rivendicato una potente esplosione che ha squarciato una moschea a Quetta durante le preghiere serali. L’esplosione ha ucciso un alto ufficiale di polizia e altri 13 e ha ferito altri 20 fedeli.

Il Baluchistan è teatro di un’insurrezione di basso livello da parte di gruppi separatisti baluchi che hanno preso di mira anche lavoratori non baluchi, ma non hanno precedenti di attacchi alla comunità sciita minoritaria.

TAG: isis, Pakistan
adv-355
Articoli Correlati