adv-378
<< CRONACA

MLG: Collaboratori, sindacato intervenga per far applicare att.2 e 12 del contratto”

Unanimità alla Lombarda
| 25 Novembre 2020 | CRONACA

Il Movimento Liberi Giornalisti dalla parte dei colleghi collaboratori e corrispondenti, professionisti e pubblicisti, cui non è riconosciuto il valore del loro lavoro. Siamo riusciti a far approvare all’unanimità dal Consiglio direttivo della Associazione Lombarda Giornalisti il seguente ordine del giorno, primo firmatario Giuseppe Gallizzi.

“Il Consiglio Direttivo dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti, riunito in videoconferenza il 24 novembre 2020, considerato che la situazione occupazionale della categoria è da anni in progressivo peggioramento – con una sempre maggiore incidenza di casi di precarietà e sfruttamento del lavoro giornalistico – e che la crisi innescata dalla pandemia Sars-CoV-2 prelude a un ulteriore aggravamento delle condizioni retributive e contrattuali che gli editori proporranno ai colleghi; che è ragionevole immaginare un rafforzamento della tendenza da parte degli stessi editori a sacrificare il lavoro subordinato a favore di un maggiore ricorso a collaborazioni esterne per la fattura di notiziari radiotelevisivi e online, giornali e altre pubblicazioni, riducendo al minimo gli organici redazionali; atteso che il vigente Contratto nazionale di lavoro giornalistico, agli articoli 2 e 12, individua le figure del Collaboratore fisso e del Corrispondente come quelle – aventi natura subordinata, sebbene in assenza di vincoli di orario – più adeguate a normare la situazione lavorativa dei colleghi che prestano con continuità la propria opera sulla base di competenze settoriali o territoriali; impegna il Presidente e la Giunta Esecutiva dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti a promuovere, direttamente e sollecitando in tal senso anche i singoli Comitati di Redazione, la corretta applicazione da parte delle Testate giornalistiche dei richiamati artt. 2 e 12 Ccnlg, e a intervenire con ogni strumento che l’attività sindacale consente affinché si riconoscano le tutele di legge ai collaboratori esterni cui non vengono assicurati gli standard minimi di retribuzione e le altre provvidenze contrattuali; impegna altresì il Presidente dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti e i membri della Giunta Esecutiva e del Consiglio della Federazione Nazionale della Stampa Italiana eletti in Lombardia a intervenire anche a livello nazionale per promuovere un ritorno alla corretta applicazione dei richiamati artt. 2 e 12 Ccnlg e che tali norme vengano anzi potenziate in sede di revisione del Contratto stesso, nel corso del negoziato con gli editori.

Firmatari: Gallizzi, Patarga, Baiguini, Caroprese, Poidimani, Alberti

TAG: giornalisti, Lombardia, Movimento Liberi Giornalisti, stampa
adv-714
Articoli Correlati